Giovedì 20 Giugno 2019
   
Text Size

Vandalismo alla “Sabin”, ignoti mangiano mozzarelle nella notte

Noicattaro. Scuola Sabin front

 

Guai e disagi alla scuola dell’infanzia “Sabin”. Nell’arco di una settimana, infatti, alcuni ragazzi hanno fatto irruzione nella struttura scolastica comunale, creando panico soprattutto tra i genitori dei piccoli alunni.

La prima “visita” di quest’ultimo periodo i ladri l’hanno fatta durante le festività di Carnevale, giorni in cui la scuola è rimasta chiusa. Alla riapertura, giovedì 2 Marzo, collaboratori scolastici e genitori hanno constatato una serie di atti vandalici: mobili rotti, armadietti svuotati, materiale didattico rovesciato per terra. Hanno anche scassinato la macchinetta del caffè, alla ricerca di spiccioli, distruggendola.

La seconda intrusione, avvenuta la notte tra venerdì 3 e sabato 4 Marzo, è la più grave probabilmente: ignoti si sono introdotti nuovamente nella scuola, hanno forzato la porta della cucina e hanno consumato delle mozzarelle che hanno trovato all’interno del frigorifero. Questo episodio ha creato una serie di polemiche, soprattutto tra i genitori, preoccupati per i loro figli. “Ci tengo a precisare - ha commentato il sindaco Raimondo Innamorato - che sabato mattina i dipendenti della ditta Ferrara, che gestisce la cucina, hanno sterilizzato autonomamente tutti gli utensili da cucina. In ogni caso, in maniera preventiva, da sabato in poi la ditta Ferrara ha preparato i pasti con derrate provenienti da Triggiano, e non con gli alimenti già presenti nella mensa e potenzialmente contaminati, come dice qualcuno”.

Polemiche condivise anche dagli altri genitori. Infatti, la mensa ospitata all’interno della scuola “Sabin” offre i pasti a tutte le scuole di Noicattaro, per gli alunni frequentanti le classi a “tempo pieno”.

Sempre nel secondo episodio i malviventi hanno anche provato a forzare la porta blindata che permette l’accesso alla sala di informatica. Non ce l’hanno fatta, e per questo hanno provato a rompere anche lo stipite murario.

Qualche notte dopo è avvenuto il terzo colpo, probabilmente per mano degli stessi vandali. Sono entrati nuovamente nella scuola dell’infanzia “Sabin”, ma non sono riusciti ad entrare nella mensa. Così hanno fatto qualche passeggiata tra le aule, mettendo a soqquadro la struttura.

“Non abbiamo soldi a scuola”, ha commentato il Dirigente Scolastico, prof.ssa Rosaria Giannini D’Ursi. “E quando i genitori versano dei soldi alla scuola, lo fanno direttamente sul conto corrente postale”. Un messaggio volto a scoraggiare questi atti, che non fanno bene alla collettività.

A seguito dell’intrusione di ignoti nella scuola dell’infanzia “Sabin”, il sindaco Raimondo Innamorato, in data 7 Marzo, ha emesso l’ordinanza di chiusura della struttura comunale per la giornata di mercoledì 8 Marzo, per la dovuta disinfezione degli ambienti. “Ho disposto un intervento di disinfezione e sanificazione degli ambienti scolastici, con interessamento particolare ai locali adibiti a Cucina, a causa delle intrusioni avvenute nei giorni scorsi”, ha scritto il sindaco su Facebook. “Ho altresì autorizzato la ditta Ferrara all’installazione di un allarme anti-intrusione al fine di inibire l’accesso alla Cucina in orari non consentiti”.

Già nella giornata di martedì scorso sono stati riparati gli infissi danneggiati dai tentativi di effrazione, così come sono state implementate le misure preventive. “Grazie alla collaborazione del Consorzio di Vigilanza Campestre, sarà garantito un presidio costante del plesso, in orari notturni, per scongiurare ulteriori tentativi di intrusione”. Un bella collaborazione tra il Comune e il Consorzio di Vigilanza, sempre a disposizione quando si tratta di garantire la sicurezza della collettività nojana.

“Queste intrusioni hanno attirato l’attenzione di tutte le istituzioni”, ha continuato il Dirigente Scolastico. “Apprezziamo gli sforzi di questa amministrazione, che ci ha mostrato di essere interessata a risolvere questi problemi già in questo inverno, quando abbiamo avuto il guasto all’impianto di riscaldamento alla scuola dell’infanzia, prontamente risolto”.

Ad essere coinvolto nella vicenda è stato il primo cittadino Raimondo Innamorato, tempestato di critiche per la mancanza, secondo alcuni genitori, di un intervento tempestivo. “Dopo l’episodio increscioso il Dirigente Scolastico ha trasmesso, tramite e-mail, una comunicazione con la quale avvisava l’ente, proprietario della struttura, di una intrusione. Mail che può essere letta anche il giorno dopo, a causa dei mille impegni istituzionali. Pertanto avrei preferito essere avvisato telefonicamente, così da poter intervenire tempestivamente”, ha aggiunto il sindaco. “Non avendo letto la mail, ho saputo la notizia solo lunedì mattina, dai genitori, e ho subito predisposto un sopralluogo con i nostri tecnici. Insieme ci siamo resi conto di quanto accaduto, e in due ore ho predisposto una serie di interventi. Quando ci sono i bambini di mezzo, non riesco a tollerare queste situazioni”.

In conclusione, spazio all’amarezza di Raimondo Innamorato. “Quello che mi rammarica è vedere come si sia strumentalizzato, politicamente, un avvenimento sicuramente sconcertante, ma che riguarda i nostri bambini. Sono stato coinvolto, grazie a qualcuno, in un turbine mediatico”.

Al di là delle polemiche, è importante che ci sia stato un intervento a tutela dei nostri piccoli. Con la speranza che simili episodi di vandalismo non accadano più.


[da La Voce del Paese dell'11 Marzo]

Commenti 

 
#3 Vittimismo 2017-03-17 08:16
Questo sindaco è allucinante!
Il Dirigente ha seguito i canali istituzionali di comunicazione e segnalazione di una criticità (scripta manent, verba volant) e questo anziché intervenire prontamente e scusarsi della propria inadeguatezza che fa?
Piange un presunto turbinio mediatico!
Sindaco il tempo delle foto, dei delude è finito!
Ora si tratta di risolvere i problemi del paese!
Il tempo dei "se governassimo noi"...è finito!
Ora ci siete e, purtroppo per noi, si vede!
Mala tempora currunt!
 
 
#2 Mingo 2017-03-16 21:19
un'altra volta? non era già successo in campagna elettorale?
 
 
#1 cosa commentare 2017-03-16 16:15
Ma come? quando si seguono le vie ufficiali, si dice che bisogna usare il telefono.Implementate le misure preventive dopo 3 visite notturne? Installazione di un allarme anti- intrusione da parte della Ditta Ferrara? Se non c'era neanche l'allarme cosa è stato implementato? Autorizzata come? per telefono? Ma la scuola di chi è? Strumentalizzazione politica? Si prendono provvedimenti solo perché qualcuno ha scritto altro che strumentalizzare.Ma il carnevale non è finito?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI