Lunedì 26 Agosto 2019
   
Text Size

Al Palazzo della Cultura il convegno in onore di Nicola Pende

Noicattaro. Dottor Filippo Anelli front

 

Giovedì 30 Marzo, alle ore 18.00, presso il Palazzo della Cultura di Noicattaro ci sarà un convegno dedicato a Nicola Pende, medico e scienziato nojano. Evento organizzato dall’Ordine dei Medici della provincia di Bari e dall’Ufficio I.A.T., con il patrocinio del Comune di Noicattaro.

A presiedere sarà il dott. Filippo Anelli, presidente dell’Ordine dei Medici della provincia di Bari, che abbiamo incontrato per conoscere i dettagli di questa giornata dedicata alla medicina.

Dott. Anelli, come si svolgerà il convegno?

Il tutto avrà inizio alle ore 18.00, quando ci sarà il saluto delle autorità locali tra cui il sindaco Innamorato, il prof. Uricchio, Rettore dell’Università degli studi di Bari, il prof. Gesualdo, preside della scuola di Medicina dell’Università degli Studi di Bari, il prof. Moschetta, preside del corso di laurea in Medicina e Chirurgia, e i dottori Fonzo e Pignataro, consiglieri comunali e medici. Inoltre saranno essenziali gli interventi dei professori Somma, Giorgino e Scardapane.

Come nasce l’idea di questa giornata dedicata a Nicola Pende?

L’idea nasce per dare attenzione alla figura del prof. Pende, perché prima di tutto era un nojano e poi perché da parte nostra, sia mia come presidente dell’Ordine dei Medici, sia da parte di tutti, era doveroso per l’importanza che ha avuto per tutta la nostra provincia. Un uomo di grande importanza dal punto di vista delle politiche sanitarie. È stato inoltre il primo Rettore dell’ Università di Bari, grande scienziato che ha promosso una serie di studi sull’Endocrinologia, aprendo le porte all’endocrinologia moderna.Con Nicola Pende sono state messe a punto le teorie sugli ormoni e sul loro funzionamento, dando un rilievo sul piano della salute dei cittadini, poiché con queste scoperte si sono conosciute le cause di molte patologie, prima non note.

Quindi nel convegno si discuterà proprio di questo?

Sì, difatti il prof. Giorgino, che per tantissimi anni è stato docente e Direttore della Scuola di Specializzazione in Endocrinologia di Bari, descriverà proprio il passaggio della vecchia alla nuova Endocrinologia, tenendo conto di quelle che sono state le scoperte, gli studi e le pubblicazioni fatte dal prof. Pende. Il prof. Somma, invece, inquadrerà la figura di Pende nel periodo storico, facendo riferimento alla storia della medicina e quindi, alle correlazioni con quello che succedeva con gli altri istituti del mondo dell’endocrinologia. Infine ci sarà l’intervento del prof. Scardapane, che per lungo tempo è stato primario all’ospedale “Miulli “di Acquaviva delle Fonti, e presenterà alcuni elementi particolari presenti a Noicattaro, descrivendoli da un punto di vista medico. Per esempio, descriverà alcune apparecchiature e ricette mediche ritrovate. Abbiamo voluto diversificare la presentazione degli argomenti, e credo che questo possa soddisfare tutto quello che sarà il pubblico presente. Tutti potranno conoscere Nicola Pende, figura molto particolare che non ha avuto solo una notorietà sul versante politico, ma che invece rappresenta, soprattutto per noi medici, un grande uomo di scienza. Al di là di quelli che possano essere i giudizi storici avvenuti, credo fosse doveroso presentarlo per Noicattaro. Oltretutto lui è stato un punto di riferimento per molti cittadini nojani, un’assistenza sempre presente. Una figura davvero importante.

Il prof. Vito Didonna, in occasione di questa giornata, porrà un dono al Comune di Noicattaro. Di cosa si tratterà?

Sì, il prof. Didonna donerà al Comune di Noicattaro le ricette ritrovate, prescritte da Nicola Pende, che di certo arricchiranno la zona museale dedicata all’illustre medico nojano, presso il Palazzo della Cultura, dove vi era il suo studio medico, e donerà una ricetta all’Istituto di scuola media “N. Pende” di Noicattaro.


[da La Voce del Paese del 25 Marzo]

Noicattaro. Convegno su Nicola Pende intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI