Sporcizia, vandalismo ed erba alta: interroghiamoci. FOTO

Noicattaro. Giardini vicino Famila front

 

Ed eccoci qui, siamo ritornati nell’area verde che si trova tra via Alberto Pesce e via Nicola Valerio, la villetta nei pressi del supermercato Famila, per intenderci. Dopo aver ricevuto alcune segnalazioni, ci siamo recati direttamente sul posto.

Le foto parlano da sole, ma il commento è necessario. Sporcizia, erba alta, tavolini rotti e vandalismo: totale abbandono insomma. Ma procediamo per gradi.

Sul problema della sporcizia, dovremmo interrogarci un po’ tutti. Chi mangia la sua pizza è pregato - per non dire “obbligato” - di gettare il cartone nell’apposito contenitore. “Sì, ma i cestini sono tutti pieni”, direbbe qualcuno. Vero. E qui la responsabilità passa ad altri, a coloro i quali dovrebbero tenere in ordine la zona, svuotando regolarmente i cestini portarifiuti, i quali erano davvero tutti pieni qualche giorno fa, quando abbiamo scattato queste foto. Ciò non giustifica gli incivili: ammesso che i cestini siano sempre pieni, gli involucri del prodotto consumato possono essere gettati altrove. Evitando di abbandonare tutto per terra. Basterebbe ricordare che questo è il luogo dove giocano e rotolano i nostri figli, i nostri cugini o i nostri nipoti.

Altro cruccio di questa bella area a verde è rappresentato dagli atti vandalici messi in atto da chi, probabilmente, non ha di meglio da fare durante la giornata. Qualcuno, infatti, ha distrutto uno dei tavolini che offriva la possibilità di fermarsi a mangiare lì. Tavolino che, nel frattempo, è scomparso. Anche qui le responsabilità sono molteplici. Chi accusa subito l’amministrazione, guarda la luna ma non il dito. Perché se è vero che chi dovrebbe controllare, non lo fa, vero è anche che non potremmo mai pretendere una Guardia in ogni posto e in ogni momento della giornata. Con il fucile puntato magari. I primi colpevoli siamo noi, sempre pronti a distruggere qualsiasi cosa bella. Che fastidio avrebbe mai dato un innocuo tavolino piazzato tra quattro sgabelli?

Ultimo problema, ma non per importanza, è rappresentato dal verde. In alcuni tratti di questa zona l’erbaccia, che cresce in maniera vigorosa, ha raggiunto il mezzo metro d’altezza. “E chiacchiere non ce ne vogliono”, come disse un noto filosofo barese. L’incuria regna suprema, e chissà quali insetti si nascondono tra la sterpaglia.

Su quest’ultimo tema è intervenuto il sindaco Raimondo Innamorato: “L’amministrazione non è distratta in merito a questo. Ma la burocrazia si muove diversamente, infatti dopo l’approvazione abbiamo programmato lo sfalcio di tutte le aree verdi. E ormai da un mesetto ben quattro operai hanno cominciato l’attività di sfalcio delle zone più importanti. Hanno iniziato dal parco comunale, passando per le scuole e alcune vie interessate dalle processioni della Settimana Santa; poi in ordine sono state ripulite anche via Turati, via Don Minzoni e i Giardini Porcelli. Ora gli operai stanno lavorando in via Falcone, poi si sposteranno in via Desimini e a breve - chiude il primo cittadino - interverremo sui giardini verso Famila”.

Rivolgiamo un appello spassionato alle autorità, agli incivili e a chi semplicemente utilizza questa area per passare un pomeriggio primaverile: cerchiamo, tutti insieme, di mantenere pulito questo luogo. Affinchè possa essere il posto preferito dei nostri piccoli, il luogo dove anche gli adulti possono passeggiare felicemente o consumare un panino in tipico stile pic-nic. Facciamo finta sia casa nostra: lasceremmo così sporco il nostro soggiorno?


[da La Voce del Paese del 6 Maggio]

Qui tutte le foto