Domenica 20 Gennaio 2019
   
Text Size

Lute, mostra “Cibo e Acqua nell’arte” e “Balconi Fioriti”. FOTO

Noicattaro. Inaugurazione mostra Lute e premiazione 'Balconi Fioriti' front

 

Anche quest’anno il Palazzo della Cultura di Noicattaro ha ospitato le opere artistiche create dai corsisti della L.U.T.E. (Libera Università della Terza Età). La mostra, ormai giunta alla sua XVI edizione, è stata inaugurata il 13 Maggio alle 18.30 e sarà aperta al pubblico fino al 31 del mese. Fino a quel giorno, la cittadina potrà godere delle opere esposte, realizzate con varie tecniche che spaziano dall’utilizzo dell’uncinetto, del ricamo e del tombolo per la creazione di maglieria fino ai lavori di gioielleria e di pittura.

Tutte le opere prestano particolare attenzione a temi legati all’acqua e al cibo, già ampliamente trattati dalla storia dell’arte. Gli Egizi, come ha riferito la docente Francesca Palazzo a proposito dell’acqua, veneravano il fiume Nilo e gli antichi romani hanno personificato le quattro fontane di Piazza Navona come delle divinità. Botticelli ha celebrato l’acqua nella “Nascita di Venere” e poi gli impressionisti, Monet ma prima di lui, il pittore inglese Turner, ha dipinto l’acqua come qualcosa che filtra altri colori ed è soprattutto in grado di suscitare emozioni.

Studio e ricerca hanno tenuto docenti e allievi impegnati per quasi sei mesi per la realizzazione dei loro lavori. Nei dipinti esposti, l’acqua è stata intesa come fiumi, mari, rappresentazioni mitiche e fontane; quest’ultime sono state oggetto di approfondimento e la Lute ha in programma di scrivere un libro storico sulle prime fontane di Noicattaro installate nel 1915. Il lavoro è sfociato anche nella stesura di poesie.

Durante la manifestazione - diretta da Maria Zaccaro, presidente dell’Università della Terza Età - la prof.ssa Annamaria Saponaro ha recitato il suo componimento poetico dove l’acqua viene raccontata come espressione d’amore e speranza.

Un tardo pomeriggio di Maggio all’insegna della bellezza, dove a far da padrona non è stata solo l’esposizione delle opere, ma si sono aggiunte anche le premiazioni di “Balconi Fioriti”, iniziativa indetta sempre dalla Lute. I docenti Vito Didonna, Laura Demattia, Annamaria Saponaro, gli assessori Vito Santamaria e Claudio Cocozza, l’arch. Giuseppe Positano sono stati chiamati a giudicare, tra i partecipanti in gara, quelli che meglio hanno ornato i loro balconi di fiori e piante. L’obiettivo era quello di rivalutare il centro storico e renderlo vivibile attraverso la cura e la decorazione degli esterni. I sei vincitori: Prudenza Traversa, Sergio Gargiullo, Grazia Dell’Edera, Anna Latrofa, Francesco Tagarelli e Veta Triggiano sono stati premiati con dei dipinti messi a disposizione dall’Università e scelti a sorteggio.

A conclusione della serata, l’assessore Vito Santamaria ha salutato la sala gremita di gente con una famosa frase di Dostoevskij: “La bellezza salverà il mondo”, ed è probabilmente questa la linea di pensiero a ispirare la Lute in ogni sua iniziativa di successo.


[da La Voce del Paese del 20 Maggio]

Qui tutte le foto

Commenti 

 
#1 Nunzia FILANNINO 2017-05-23 07:42
Sarà aperta dal 13 al 21 maggio e no 31
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI