Martedì 26 Marzo 2019
   
Text Size

“Festa della Famiglia”, ne parliamo con Rossella Cinquepalmi

Noicattaro. Rossella Cinquepalmi front

 

Appena conclusasi la “Lunga Festa della Famiglia”, edizione 2017, serie di iniziative organizzate nel mese di Maggio aventi come protagonista la famiglia, tra cui il convegno seguito dalla tavola rotonda “Un fisco per la Famiglia – buone prassi e proposte per la Puglia”, tenutosi il 27 dello scorso mese presso la biblioteca Ricchetti di Bari, al cui riguardo abbiamo ascoltato Rossella Cinquepalmi, nojana doc e segretario del Forum delle Associazioni Familiari di Puglia cui, in ambito regionale, vi aderiscono 50 associazioni.

L’evento, ci informa l’ascoltata, ha inteso affrontare il tema della denatalità facendo proposte concrete in tema di leva fiscale. Poiché le donne in età fertile diminuiscono, dobbiamo aspettarci sempre meno figli per il futuro. “Da troppo tempo la drammatica crisi demografica attanaglia l’Italia e la Puglia in particolare, minacciando il futuro del welfare, della sanità, dell’istruzione, ipotecando gravemente qualsiasi tipo di ripresa economica”.

Illustrato nel corso del convegno il “Fattore Famiglia”, una modalità di elaborazione dell’imponibile fiscale che tiene conto dei carichi familiari. Proposto dal Forum sin dai tempi dell’ultima conferenza nazionale sulla famiglia e accettato dal governo e dai sindacati dell’epoca, il citato Fattore è in realtà rimasto fermo sulla carta per tutti questi anni, sebbene diverse amministrazioni comunali abbiano iniziato ad adottarlo anche per modulare Tari e Imu.

“Si è inteso comprendere come, sia a livello regionale che comunale, la politica possa riconoscere i carichi familiari, quelli dei figli in particolare, considerato il prolungamento dell’età in famiglia, partendo dal presupposto che il figlio è un bene comune per l’intera società”. Già adottato da regioni che ne hanno compreso l’interesse, il Fattore Famiglia non va confuso con il Quoziente Familiare, il quale poteva per contro favorire l’allontanamento dal lavoro per le donne e altri aspetti non utili alle famiglie e dunque alla società.

Interessante la tavola rotonda utile per il confronto tra le varie amministrazioni comunali, durante la quale erano presenti alcuni sindaci pugliesi.

Le conclusioni e le proposte operative sono state affidate a Gigi De Paolo, presidente nazionale del Forum, che così chiosa: “Dove c’è società ci sono le famiglie; famiglia vuol dire futuro e la politica ha il dovere di mostrarcelo”.


[da La Voce del Paese del 3 Giugno]

Commenti 

 
#4 Pic Asso 2017-06-10 16:45
Renzo la domanda era quali competenza in economia ha la tizia in foto!
Domanda che sorge spontanea leggendo l'intervista!
 
 
#3 Renzo 2017-06-10 14:04
Chiariamo 2 punti:
1 la donna nella foto, ovvero Rossella Cinquepalmi, è nella lotta e la protezione dei diritti famigliari da circa 25 anni, tra studio e attivismo concreto, attraverso diverse associazioni di volontariato (NO PROFIT) e curando la segreteria del forum delle famiglie.
a prescindere dalle competenze della stessa
PUNTO 2: prima di parlare d' italia, lavoro, presidenti e le solite ovvietà gradirei che determinati temi venissero toccati con minore superficialità e con la serietà che meritano.
 
 
#2 Pic Asso 2017-06-08 07:09
Ma quali competenze in materia di economia ha la tizia in foto?
È proprio vero l'Italia è il paese dei Presidenti!
 
 
#1 giuda 2017-06-07 21:29
leva fiscale?? qua serve rilanciare l'economia con le liberalizzazione, reddito o lavoro di cittadinanza perché solo con la sicurezza economica nasce una famiglia, sempre più ostacolata dal lavoro sottopagato e sfruttato
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI