Una tenda con i giovani, per i giovani: l'iniziativa della Diocesi

Noicattaro. tenda dei giovani front

 

Come già accennato in un nostro articolo precedente, quest’anno ad Ottobre si svolgerà un sinodo dei vescovi completamente dedicato al mondo giovanile, alle sue problematiche e ai suoi bisogni.

Per avvicinarci considerevolmente verso questo appuntamento, l’arcidiocesi di Bari-Bitonto, con l’ausilio della pastorale giovanile, ha pensato di intraprendere una serie di appuntamenti in preparazione all’evento.

L’iniziativa pensata in merito, concordata tra tutte le vicarie della diocesi, prevede la “peregrinatio” di una “Tenda dell’incontro” che visiterà ogni singolo paese della circoscrizione vescovile di Bari-Bitonto.

La nostra vicaria, l’undicesima, composta dai comuni di Noicattaro e Mola di Bari, sarà impegnata, in particolare, nei giorni che vanno dall’ 8 al 14 Aprile.

Durante questi giorni, quindi, ci sarà una postazione, avente una forma che ricorda quella, appunto, di una tenda, dislocata in uno dei punti nevralgici del nostro paese. Nello stesso momento, però, ci saranno anche momenti di aggregazione e svago, pensati per attirare quanti più giovani possibili

La scelta della tenda è da riferire ad un significato più ampio della stessa: essa fa riferimento alla tenda del convegno, dove erano custodite le tavole dell’alleanza e dove Dio scendeva e si fermava a parlare con Mosè faccia a faccia.

Proprio come il Signore ha fatto con Mosè, anche tutti i volontari che animeranno questo luogo di aggregazione, si metteranno in ascolto dei tanti giovani che animano il nostro paese durante le ore pomeridiane e serali.

Tra i volontari, ci potrebbero essere anche alcuni adulti, che da questa esperienza potranno uscire ancora più consapevoli del loro fondamentale ruolo nell’educazione delle nuove generazioni.

Sarà quindi, un punto di incontro e di confronto, dove ogni giovane potrà raccontare la propria storia, confidare le proprie paure e le insicurezze della vita di tutti i giorni.

Un altro degli intenti che la “tenda” vorrà concretizzare, sarà quello di riuscire a raggiungere anche i giovani che sono “lontani” dalla Chiesa, in modo tale da coinvolgerli e farli sentir parte di un’unica, grande famiglia.

I risultati di quei giorni e tutte le riflessioni che, inevitabilmente, risalteranno, saranno oggetto di confronto in un convegno che si terrà a Bari nel mese di Maggio. Convegno che servirà alla diocesi per capire meglio quelli che sono i bisogni e le necessità dei giovani della comunità locale.

“L’ idea di indire un sinodo dei vescovi completamente dedicato al mondo giovanile – ci spiega Don Vito Campanelli, parroco della Chiesa Matrice – ben si inserisce nell’ottica del grande insegnamento del nostro papa, cioè creare una chiesa missionaria, in uscita, inviata tra la gente”.

“Dopo avere già celebrato un sinodo completamente dedicato alla famiglia, - continua il parroco – quello di quest’anno è la naturale conseguenza. È un momento di grazia, prezioso per la chiesa e le realtà locali”.

Sui problemi del mondo giovanile nella società attuale, Don Vito ci dice la sua: “Il problema più grande è creare dei punti di contatto tra giovani e adulti. Se, infatti, il mondo dei “grandi” ha molte responsabilità sulle spalle, i giovani si sentono liberi da ogni obbligo, si accomodano e sacrificano il loro protagonismo”.

“Se, invece si lavora insieme – continua il sacerdote – può nascere qualcosa di nuovo, inedito. Occorre, da parte dei giovani, tanta umiltà e la capacità di mettersi continuamente in ascolto, in gioco”.

 

[da la Voce del Paese del 3 Febbraio]

 Noicattaro. tenda dei giovani intero