Incontro su “La Viticoltura da Reddito” in sala consiliare

Noicattaro. convegno uva da reddito front

Presso la sala consiliare, lo scorso venerdì 16 Marzo si è tenuto l’incontro tecnico-divulgativo “La Viticoltura da Reddito”, moderato dall’assessore Claudio Cocozza. Trattandosi di un incontro specialistico, riteniamo qui opportuno non entrare nei tecnicismi emersi e discussi nel corso della discussione, accennando per grandi linee le motivazioni, gli scopi e i risultati illustrati da ciascun relatore.

Apre i lavori il dottor Fioretti dell’Agriproject Group, relazionando sullo scenario della qualità nella viticoltura da reddito (riferimenti, ruoli e innovazioni). Come lo stesso informa, scopo di ogni consulenza è quello di valutare come vengono affrontate determinate situazioni e, soprattutto, quali sono gli aspetti che più coinvolgono l’impresa agricola e come, in relazione ai predetti aspetti, i consulenti coinvolgono l’impresa, mondo politico e mondo della commercializzazione compresi. In sostanza, seguita il relazionante, al centro di tutto si inseriscono le collaborazioni, svolte essenzialmente con gli istituti di ricerca (Università) o con altri Enti, cercando di avvicinare l’azienda agricola al mondo della ricerca. Lo scopo è evidentemente quello di cercare di testare dove sta andando la analisi, quali sono le esigenze dell’azienda agricola e, soprattutto, quello di valutare se le innovazioni sono applicabili, in che modo sono applicabili e dove possono condurre. Si punta dunque l’attenzione su una consulenza di qualità che tenga conto dei sistemi complessi che l’agricoltura comprende. “La consulenza deve poter misurare, archiviare dei dati e verificare quel che applica rispetto al risultato ottenuto. – conclude Fioretti - Misurare quel che si sta facendo e poi verificare il tutto”.

Interviene successivamente il dottor Lorenzo Pellegrino del menzionato gruppo Agriproject, dissertando sui sistemi innovativi per l’uva da tavola (progetto, impianto, nuove varietà, gestione). In un contesto di viticoltura da reddito, informa il chiamato a relazionare, è importante valutare i fattori della produzione, vale a dire quel che l’agricoltore investe per giungere al suo risultato. Aspetti che vanno considerati per superare il processo di trasformazione a cui si sta andando incontro (negli ultimi anni le superfici coltivate sono diminuite del 10%) e che pertanto obbliga a compiere delle scelte, anche in virtù delle direttive del P.A.N., ossia del Piano di azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari.

Conclude gli interventi il professor Giuseppe Ferrara dell’Università di Bari, discorrendo sull’irrigazione razionale per l’uva da tavola, illustrando alcuni risultati ottenuti dall’Università. In particolare, il professore si sofferma sulle sperimentazioni e sulle applicazioni pratiche dell’irrigazione razionale svolte in ambito universitario.

” Poiché bene di fondamentale importanza - puntualizza il professore - l’acqua va preservata e utilizzata nel miglior modo possibile, considerati i cambiamenti climatici in corso e le conseguenti situazioni di siccità”. Come chiude il professor Ferrara, in tali situazioni la risorsa idrica va utilizzata nel miglior modo possibile sia per evitare sprechi che per ottimizzare la produzione.

A interventi conclusi, al pubblico presente in sala è stata concessa la possibilità di rivolgere specifiche domande ai relatori della serata.

[da La Voce del Paese del 24 Marzo]

Noicattaro. convegno uva da reddito intero