Mercoledì 23 Maggio 2018
   
Text Size

“È un paese per giovani”: la start-up di un nojano tra le finaliste

Noicattaro. giovani imprenditori front

Lo scorso 19 Aprile si è svolto, presso lo Spazio Murat in Piazza del Ferrarese a Bari, l’evento conclusivo del contest “È Un Paese Per Giovani”. L’iniziativa, promossa e finanziata dalla Banca Popolare di Bari, è consistita in un percorso di training manageriale a sostegno di giovani talenti e start-up nello sviluppo di idee di auto-imprenditorialità ed ha avuto la durata di un anno.

Infatti, fra Maggio ed Ottobre 2017, hanno partecipato alla prima fase del contest 45 idee innovative sviluppate in ambito socio-culturale, tecnologico o dello sviluppo del territorio. Di queste prime 45, solo 25 hanno avuto accesso alla seconda fase del progetto (che ha condotto all’evento finale del 19 aprile) denominata di “accelerazione, coaching e training manageriale” che ha previsto lezioni e approfondimenti a cura di docenti esperti in discipline giuridico-economiche al fine, per i giovani partecipanti, di sviluppare le proprie competenze gestionali ed acquisire la consapevolezza dell’utilità di un business plan creato per essere valutato da parte di stakeholders o business angels, interessati ad investire nelle startup.

Fra le proposte approdate in finale (13 in totale), degna di menzione, è l’idea di Players Ready sviluppata da un giovane di Noicattaro, Graziano Occhipinti (31), in collaborazione con due amici e colleghi, Vincenzo Ricci (29) e Nanny Esposito (33). I tre ragazzi si definiscono “un gruppo di amici accomunati dalla passione per il gioco da tavolo” e lo scorso Giugno hanno dato vita ad una associazione ludica intitolata "Il genio della Plancia" che opera sul territorio di Bari e che si occupa di organizzare eventi e tornei con giochi da tavolo. Riscontrato l’ampio successo del loro progetto iniziale e degli eventi organizzati, hanno deciso di unire le passioni e le conoscenze per costruire qualcosa di più importante: Players Ready, infatti, è l’idea di una impresa che fa dell’impiego dei giochi da tavolo il suo core business. Per comprendere meglio l’idea, abbiamo intervistato Graziano.

Una startup che propone l’impiego dei giochi da tavolo in ambito formativo nelle scuole e nelle aziende. Graziano, ci spiegheresti meglio la vostra idea?
Il nostro progetto nasce con l'intento di creare un sistema integrato che utilizzi i giochi da tavolo a 360°. Concretamente, abbiamo previsto la creazione di una sede che potesse fungere da punto di riferimento per il territorio di Bari e provincia in cui svolgere eventi, tornei, laboratori nonché vendita al dettaglio di giochi. A questo poi si affiancano attività da svolgere all'esterno, in collaborazione con altre realtà, prevalentemente con istituti scolastici (progetti didattici, sviluppo soft skills e socializzazione) ed aziende (attività di team building, selezione del personale, individuazione delle competenze).

Con la vostra associazione vi proponete di promuovere la cultura del gioco da tavolo. Indicheresti tre punti di forza del gioco da tavolo e perché è così importante nelle dinamiche di costruzione di un gruppo?
I 3 punti di forza possono essere sintetizzati con socializzazione, sviluppo di capacità intellettive, divertimento. Ciò che rende il gioco da tavolo uno strumento così potente è il poter rendere qualsiasi attività più appetibile e stimolante. Il gioco è un aspetto che fa parte di ognuno di noi, non è solo roba per bambini, come erroneamente si pensa.

Cosa vi ha insegnato l’esperienza di “È un Paese per Giovani” e quanto ha contribuito allo sviluppo delle vostre competenze gestionali?
Le 6 lezioni frontali, tenute da docenti universitari, sono servite a fornirci un'infarinatura generale sul mondo dell'imprenditoria. Ho trovato molto stimolante l'ambiente che si è generato grazie al confronto instaurato tra i vari partecipanti, tutti con ottime ed innovative idee.

Quanto è importante al giorno d’oggi, per piccole startup che propongono idee innovative, un’iniziativa come quella promossa dalla BPB? Quali feedback avete ricevuto per il vostro progetto?
Iniziative siffatte non possono che essere considerate positive, soprattutto perché tendono a chiarire meglio ciò a cui i giovani imprenditori andranno incontro. Abbiamo ricevuto numerosi feedback, tutti molto positivi ed incoraggianti. Soprattutto, ci hanno consigliato di puntare sulla parte formativa nelle aziende, dove poter trovare maggiori sbocchi lavorativi.

Indipendentemente dall’esito del contest, riproporrete la vostra idea? Continuerete ad investire tempo e risorse per trasformarla in un qualcosa di più concreto?
Sì, assolutamente! Cercheremo di portare avanti le nostre attività e migliorarle sempre più, sfruttando magari qualche bando regionale o nazionale per l'imprenditoria giovanile. Ringrazio La Voce del Paese per l'intervista, ed invito tutti i lettori a dare uno sguardo alla pagina FB dell'associazione "Il genio della Plancia" per rimanere aggiornati sulle nostre attività.

[da La Voce del Paese del 28 Aprile]

Noicattaro. giovani imprenditori intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI