Mercoledì 21 Agosto 2019
   
Text Size

Ragone e Zaccaro: ecco i vincitori della 5^ edizione del “Sottocosta”

Noicattaro. Zaccaro-ragone front

Parlavamo del nojano Vito Zaccaro qualche anno fa, raccontando di lui in merito al conseguimento del sesto “Premio di laurea Perini Navi Group 2013”. Premiato presso il Quirinale ed in presenza dell'allora Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, Vito Zaccaro si era piazzato al primo posto della graduatoria, presentando il modello di uno yacht a propulsione ibrida con celle al combustibile.

Abbiamo raccontato di lui anche l'anno successivo, quando gli fu riconosciuta una menzione speciale nell'ambito del concorso internazionale di design d’imbarcazioni da diporto "M.Y.D.A. - Millennium Yacht Design Award", che rappresentava uno degli eventi clou della tredicesima edizione Seatec, rassegna internazionale di tecnologie, subfornitura e design per imbarcazioni, yacht e navi.

Torniamo ancora a parlare di Vito – che oggi lavora in uno studio di yatch design a Venezia, occupandosi di yatch exterior design - ma questa volta non è solo. L'ennesimo successo è stato infatti raggiunto grazie alla collaborazione del giovane collega – anche lui nojano – Roberto Ragone, laureando in “Interior Design” presso l’università Europea del Design di Pescara.

I due infatti hanno partecipato alla quinta edizione del “Sottocosta”, manifestazione voluta ed organizzata dalla Camera di Commercio Chieti – Pescara e dal Marina di Pescara, con la collaborazione tecnica di Assonautica provinciale, per promuovere la nautica da diporto, il turismo nautico e gli sport del mare.

La passione per la progettazione navale è nata appena ho conosciuto Vito, per me maestro nel campo” - spiega il 22enne Ragone - “Io e Vito ci siamo conosciuti in occasione delle scorse elezioni comunali a Noicattaro, e subito abbiamo scoperto interessi comuni in materia di progettazione. Mostrandomi il suo portfolio, mi ha offerto la possibilità di conoscere un mondo nuovo per me, cui mi sono subito appassionato”.

E così, durante la premiazione del concorso “Premio Nazionale Design Nautico 2016”, tenutosi a Pescara, Ragone ha pensato di chiedere al collega Vito di partecipare insieme all'edizione successiva.

Pubblicato il bando 2017, subito i due si sono mobilitati per effettuare ricerche progettuali circa i “Natanti da Lavoro”, tema del concorso.

“Io ho iniziato a fare ricerca ed interviste sulle coste dell’Abruzzo - chiarisce Roberto - Mentre Vito si è occupato del porto di Bari. Siamo poi riusciti a contattare il Capitano Rimorchiatori Napoletano Nicola Vallese operativo nel porto di Bari, il quale, dopo averci trasmesso nozioni importanti sul tipo d’imbarcazione, ci ha consigliato delle sfumature per migliorare il nostro progetto”.

Zaccaro e Ragone hanno quindi intensificato le ricerche e gli studi per capire come plasmare un “Natante da Lavoro” rispettando le caratteristiche richieste nel bando - quali assistenza all’ormeggio, rimorchio, sollevamento catene, pulizia specchio d’acqua, spegnimento incendi, trasporto persone - facendo rientrare il tutto nei 32 piedi.

Il progetto ha richiesto mesi di immersione negli studi, nella ricerca, nel lavoro e nel miglioramento di ogni piccolo dettaglio. “Vito è stato per me un maestro, non solo a livello tecnico ma anche a livello morale - precisa Roberto - Mi ha aiutato ad andare avanti, insegnandomi a superare ogni ostacolo senza mai mollare. Da poco sono entrato nel mondo della progettazione e per la prima volta mi sono approcciato alla creazione di un progetto così impegnativo: devo la vittoria a Vito che mi ha fatto scoprire ed amare questo fantastico mondo”.

Dopo mesi di lavoro, l'ultimo step prevedeva l'invio del progetto, denominato “Q32”, alla Camera di Commercio di Pescara. “È forse stata questa la fase più difficile - ironizza Ragone - Visto che per ben due volte ho sbagliato destinatario!”

La premiazione si è tenuta lo scorso 30 aprile, ed ha visto classificati al primo posto proprio il duo Ragone – Zaccaro. “È stata un'emozione vedere le nostre tavole esposte al pubblico - conclude Ragone - E la premiazione ha dato ancora più valore ad un progetto in cui abbiamo creduto molto. Ma la vittoria più grande è stata vedere i miei genitori pieni di gioia ed emozione: mi sento in dovere di ringraziarli per l'affetto ed il sostegno che da sempre mi dimostrano, senza far mancare nulla a me ed ai miei fratelli. Sono due persone uniche!”

“Roberto è un ragazzo disponibile e volenteroso, ha delle ottime capacità” - aggiunge Zaccaro - “Lavorare con lui è stato un vero piacere - E conclude - Il progetto è stato molto impegnativo, ha richiesto delle conoscenze tecniche e specifiche sul lavoro portuale. Per questo abbiamo ritenuto indispensabile confrontarci con l'ing. Nicola Vallese ed il suo team, cui dobbiamo un grande ringraziamento per le preziose informazioni fornite per la riuscita del Q32”.

Ed allora, complimenti ragazzi! Ad maiora!

[da La Voce del Paese del 02 Giugno]

Noicattaro. Zaccaro-Ragone intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI