Sabato 15 Dicembre 2018
   
Text Size

Al via il progetto di riqualificazione del Parco Comunale

Noicattaro. Parco Comunale

Dopo anni di attesa, prende finalmente il via il progetto di “Ampliamento e riqualificazione del Parco Comunale”, nell’ambito del bando “Riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie delle città metropolitane e dei comuni capoluogo, Programma Agorà Sicure”. Di seguito l’intervista sul tema al sindaco Raimondo Innamorato.

È dunque stato pubblicato il bando per l’ampliamento del parco comunale …

Sì, è un bando che ci permetterà di individuare l’azienda che, finalmente, dopo anni, efficienterà la struttura esistente e ne amplierà la superficie. Abbiamo la fortuna di disporre di questo grande polmone verde invidiato anche dai paesi limitrofi, i cui cittadini si recano nel nostro polo di attrazione per fare jogging o per trascorrere piacevolmente del tempo. Intendiamo recuperare tale struttura a vantaggio sia dei nostri concittadini che di coloro che hanno compreso come questa realtà si stia trasformando in positivo. In buona sostanza, l’ampliamento ci permetterà di cucire meglio la città al parco esistente; in particolare sarà interessata dall’ampliamento la zona che oggi versa in degrado (rondò grande sulla destra osservando l’area Paradiso). L’ampliamento prevede inoltre una serie di servizi messi a disposizione dei fruitori, quale ad esempio lo sgambatoio per cani, area in cui l’animale d’affezione può essere liberato e lasciato qui circoscritto al fine di evitare di arrecare disturbo nelle restanti aree del parco. Al momento non riesco a garantire il Presidio dei Vigili Urbani, ma ci sto lavorando con le nuove assunzioni per rendere un minimo più monitorata l’intera zona.

L’ampliamento del parcò richiederà il concomitante aumento di personale addetto alla sua manutenzione …

Questo sicuramente; come già riferito in Consiglio e più volte in piazza, stiamo assumendo un manutentore che coadiuverà il custode del parco, Giuseppe Tagarelli, sia nella manutenzione che nelle diverse mansioni. Tale manutentore garantirà interventi rapidi in tempi brevi. Riguardo il verde, siamo comunque contrattualizzati con la ditta vincitrice della gara, la quale, quantomeno fino al 31/12, provvederà a gestire sfalci e arature. È ovvio che inseriremo il parco comprensivo dell’ampliamento nell’appalto di gestione di queste aree, ampliamento del parco compreso.

La vecchia amministrazione rivendica la paternità del progetto. Quanto c’è di vostro in tutto questo?

Il progetto da loro presentato non era finanziabile a causa in primis dei costi elevati. Quella proposta era sbagliata in ogni suo passaggio, non finanziabile poiché non realizzabile nell’analitico. Noi abbiamo modificato il progetto, l’abbiamo reso molto più confacente alla realtà del territorio e, dunque molto più attuabile, dimezzando quasi i costi originariamente previsti. Da 1.200.000 €, importo previsto dalla vecchia amministrazione in cui non si faceva riferimento alcuno al recupero dell’esistente, siamo passati a 695.000 €. Loro avevano previsto una pavimentazione costosissima: questo ci fa capire come il progetto non fosse stato studiato al fine di ricevere effettivamente il finanziamento, il quale non poteva assolutamente essere contemplato da un Ente, così come effettivamente avvenuto. Noi abbiamo ricalibrato tutte le voci di spesa, abbiamo ridotto i costi, abbiamo stralciato il progetto e, oltre all’ampliamento, abbiamo previsto una rigenerazione dell’esistente con servizi completamente nuovi, mai contemplati dalla vecchia amministrazione. Solo operando in tal modo è stato possibile ricevere il finanziamento. Ricordiamo che l’Ente finanziatore deve non solo valutare la fattibilità del progetto, ma, soprattutto, la possibile erogazione del finanziamento in oggetto. In definitiva, non si può assolutamente affermare che quel progetto sia stato preso e candidato così come presentato dalla vecchia amministrazione; il nostro è reale, confacente alle esigenze del territorio e, a differenza dell’altro, comprensivo della rigenerazione dell’esistente. Tutto questo è assolutamente riscontrabile dagli elaborati grafici.

Come inviterebbe i cittadini a vivere il nuovo parco?

Rispettando l’ambiente. I cittadini devono capire che l’amministrazione sta compiendo uno sforzo importante per dotare questa comunità di un polo di attrazione, una zona nella quale è importante vivere rispettando lo spazio pubblico e il prossimo.

[da La Voce del Paese del 02 Giugno]

Noicattaro. Parco Comunale

Commenti 

 
#2 Donald 2018-06-08 10:38
Prima del Parco secondo me occorre riqualificare il centro storico, le periferie e taluni nojani.
 
 
#1 gianni fedele 2018-06-08 08:19
se fosse possibile riqualificazione anche degli utenti del parco sarebbe il massimo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI