Martedì 18 Settembre 2018
   
Text Size

Associazione Parco Paradiso: firma anche tu la petizione!

Noicattaro. petizione front

È stata la manifestazione “Il Parco in Festa”, tenutasi lo scorso 10 Giugno, ad offrire la giusta occasione per i membri dell'associazione “Parco Paradiso” per sostenere ed avviare una raccolta firme.

L'associazione nasce a Noicattaro per tutelare e valorizzare il nostro territorio e le bellezze naturali, ma anche per programmare e diffondere iniziative di educazione ambientale.

In particolare, i ragazzi si sono fatti promotori di una petizione popolare in cui si chiede al Consiglio Comunale di deliberare un atto di indirizzo al Sindaco ed alla Giunta per fondare un gruppo di studio che accerti, nel distretto sanitario di Noicattaro, Rutigliano e Mola di Bari, la percentuale di ammalati di tumore e/o cancro. Inoltre, nel caso in cui si accerti una percentuale superiore rispetto la media regionale, con tale atto si chiede di indagare sulle eventuali cause.

“E’ ormai da qualche anno che tra cittadini e medici si avverte un’alta incidenza di tumori nel nostro territorio – chiarisce Palma Boccuzzi, Presidente dell'associazione - Pertanto per far chiarezza su questo argomento abbiamo deciso con i volontari ed i soci di “Parco Paradiso” di promuovere una petizione popolare. Miriamo a coinvolgere e sensibilizzare l’intera popolazione nei confronti di questa tematica molto delicata, e con l’ausilio dell’intero Consiglio Comunale vogliamo riuscire a comprendere cosa stia accadendo nel nostro territorio”.

L’accesso alle informazioni ambientali è da sempre una tematica cui l’associazione Parco Paradiso tiene molto, nonché un principio fondamentale della dichiarazione di Rio de Janeiro sull’ambiente e lo sviluppo, del 1992: “Il modo migliore di trattare le questioni ambientali è quello di assicurare la partecipazione di tutti i cittadini interessati, ai diversi livelli...”

L'associazione “Parco Paradiso”, quindi, incoraggia i cittadini a richiedere informazioni sicure circa il proprio territorio, valutando la presenza di pericoli per la salute pubblica, ed invita gli stessi ad una partecipazione attiva verso queste tematiche.

“Teniamo a precisare che questa petizione non è un atto di accusa – chiarisce Boccuzzi - Ma crediamo piuttosto che costituisca un importante punto d’inizio per l’intera comunità nojana per provare finalmente a fare chiarezza su tali situazioni”.

La cittadinanza è quindi invitata a seguire la pagina facebook “Associazione Parco Paradiso – Noicattaro”, in cui verranno comunicate le ulteriori date dedicate alla raccolta firme.

“Ringrazio la testata giornalistica 'La Voce del Paese' per l’occasione che ci sta offrendo” - conclude Palma Boccuzzi - “Fino a questo momento abbiamo riscontrato molta partecipazione da parte dei cittadini di Noicattaro ma anche dei paesi limitrofi, ed il mio personale invito, in particolare rivolto ai giovani, è quello di essere sempre più numerosi, nonché di prendere parte all’associazione”.

Che dire? Grazie a voi “Associazione Parco Paradiso”!

Per ulteriori info è possibile contattare i numeri 3398536395 e 3665075171.

[da La Voce del Paese del 16 Giugno]

Noicattaro. petizione intero

Commenti 

 
#3 Cancrena 2018-06-27 07:40
Agosto 2016?
Vabbè stavano esaminando i curriculum (fantasmi) per la nomina degli assessori!
Che vuoi che siano due anni!
Nel frattempo multe a vista dai vigili !
Viva Noicattaro a cinque stelle!
Votateli di nuovo mi raccomando
 
 
#2 Rinvio 2018-06-25 18:01
Augurandomi di non incorrere x la seconda volta nella censura preventiva e che questo post venga finalmente pubblicato, ribadisco la necessità che l'autrice dell'articolo di cui sopra, x completezza di informazione, verifichi l'iter di una richiesta, regolarmente presentata al Comune, in cui un gruppo di cittadini, preoccupati dell'aumento di malattie tumorali nel nostro territorio, chiedevano che l'amm.ne comunale si interfacciasse con l'Arpa Regionale perché si procedesse all' installazione di centraline in loco,x il monitoraggio della qualità dell'aria.
Istanza regolarmente protocollata in data 29.8.2016, inviata successivamente, anche all'Ufficio Igiene del ns Comune, di cui NESSUNO in amm.ne si é fatto carico, fornendo risposte. Troppo arduo affrontare la problema?
Di certo, se qualcuno avesse già allora compreso la gravità della questione, non ci sarebbe stato bisogno ora, della petizione dell'ass.ne Parco Paradiso.
 
 
#1 Nicola87 2018-06-24 00:35
Per scoprire cosa ci uccide bisogna raccogliere delle firme... boh.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI