Lunedì 22 Ottobre 2018
   
Text Size

La Chiesa Madonna del Rito riapre le porte ai fedeli

Noicattaro. madonna del rito front

Lo scorso giovedì 13 Settembre presso la Chiesa del Rito sono stati presentati i lavori di restauro e consolidamento, effettuati con l’obiettivo di far risaltare il valore storico, architettonico e culturale della suddetta chiesa.

Presente l’Arcivescovo Mons. Francesco Cacucci che lo stesso giorno ha presieduto la celebrazione eucaristica nella chiesetta, insieme a don Vito Campanelli, parroco della chiesa Madre, don Giovanni Caporusso, parroco della chiesa del Soccorso, don Francesco Ardito e don Giuseppe Saponaro.

Presente anche il sindaco insieme alle autorità, il quale ha manifestato un importante legame con la chiesa: “Il mio legame a questa chiesa nasce grazie a mia nonna – ha detto – che mi suggerì di rapportarmi ad essa per un lavoro di scuola, e lo feci anche e soprattutto perché qui lei celebrò il suo 25° anniversario di matrimonio”.

“Quando, poi, presi la patente mia nonna mi insegnò a fare una preghiera alla Madonna del Rito, ogni volta che ci passavo davanti – ha ricordato Innamorato – e questo lo ricollego con la fede dei nostri antenati che, nel 1917, affidavano alla Madonna i loro figli, che erano in guerra”.

“Sono piacevolmente colpito da questo lavoro di restauro – ha concluso lo stesso – e mi complimento con la ditta, la stessa che sta lavorando anche per il nostro teatro cittadino”.

La prima, quindi, a spiegare quanto fatto in modo dettagliato, è stato l’architetto Quartulli, funzionario della Soprintendenza dei beni culturali: “Abbiamo analizzato gli aspetti tipici del restauro e nonostante si tratti di una chiesa piccola, questa ha ottenuto le stesse attenzioni di una chiesa maggiore – ha detto – il trauma, quindi, è stato subito a partire dal 1966, quando la chiesa vide il crollo della superficie con conseguente grave danno alle immagini rappresentate”.

“Si è voluto conservare il valore attuale e la conoscenza ha operato sulle scelte fatte durante il cantiere – ha continuato Quartulli – abbiamo provveduto a conservare le manifestazioni formali per non perdere il valore figurativo e simbolico, rispettando la storicità e dando una qualità figurativa”.

“Si è provveduto, inoltre, sulla separazione interna ed esterna del degrado – ha specificato l’architetto – questa è stata un’operazione più delicata perché l’obiettivo è stato quello di dare una corretta trasmissione del bene e fruizione culturale, tenendo conto della fisicità dell’edificio”.

Sono stati fatti saggi stratigrafici sulle superfici senza sottrarre elementi che si sono aggiunti nel tempo – ha terminato la stessa – l’interno, infine è impreziosito da simil marmi ed è stato aggiunto del materiale senza però eliminare quello originale, per dare una diversificazione delle superfici”.

“Il mio è stato un ruolo di supervisione – ha detto dopo l’architetto Petrosino – per cui ho controllato e sorvegliato su quanto è stato fatto”.

“Abbiamo trovato diversi strati di pitture – ha continuato lo stesso – quindi abbiamo scelto le tinte delle nostre terre, infatti queste utilizzate riprendono la pietra di Castellana”.

Infine, tra i funzionari competenti che sono intervenuti in questo lavoro, l’ing. Vito Centrone ha voluto definire quella che è stata la storia e la nascita di questo restauro: “Nel 2016, anno in cui ci è stato presentato il lavoro, c’erano diverse problematiche dovute soprattutto agli agenti atmosferici, all’umidità, all’infiltrazione – ha introdotto l’ingegnere – il cantiere, quindi, è stato inaugurato il 4 Aprile 2018 allo scopo di demolire alcune parti in superficie, rinforzare le coperture in cemento, rinforzare i maschi murari, lavare la facciata, consolidare i terminali in travertino, rifare la guaina sulla volta e cambiare la porta d’accesso”.

“Sul cantiere – ha concluso Centrone – si sono presentati anche lavori imprevisti dovuti al ritrovamento di una quantità più elevata di ferro ossidato, lavori mal eseguiti precedentemente, più muschi e licheni e terminali in pietra in fase di distacco”.

A concludere la serata è stato don Vito che ha voluto ringraziare quanti si sono occupati di questo importante e delicato lavoro, e che per primo si è prodigato affinché questi lavori volgessero al termine per il meglio: “Per arrivare qui ci abbiamo messo tre anni a partire dal 2016 – ha detto – e nel 2017 è venuta fuori l’esigenza di tutelarci dalla vulnerabilità dell’aspetto sismico.

“Il progetto ci è stato finanziato ma abbiamo dovuto aggiungere lavori per l’intervento strutturale – ha concluso il parroco – per cui vorrei ringraziare tutti perché aldilà dell’opera materiale è importante l’opera della comunità”.

[da La Voce del Paese del 22 Settembre]

Noicattaro. madonna del rito intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI