Venerdì 23 Agosto 2019
   
Text Size

Raccolta differenziata: il mini-tour nelle scuole degli ecoanimatori

Noicattaro. ecoanimatori front

Che cos’è un imballaggio? A cosa servono i nuovi bidoncini? Perché il bicchiere rotto si getta nell’indifferenziato? A queste e ad altre tante domande da ora in poi i piccoli alunni della Gramsci, della Pascoli-Parchitello e della De Gasperi sapranno rispondere perfettamente per aiutare le famiglie a differenziare correttamente facilitando l’adeguamento al nuovo sistema di raccolta porta a porta. Per dovere di cronaca, ricordiamo che dall’8 aprile partirà il nuovo servizio di nettezza urbana che prevede l’esposizione in strada dei nuovi bidoncini e delle nuove buste che sono in fase di distribuzione presso l’Info Point di via Console Positano o presso il CCR.

A partire dallo scorso 18 Marzo e per due settimane consecutive, infatti, gli alunni delle scuole primarie di Noicattaro sono stati resi protagonisti di un laboratorio di formazione organizzato e curato dalla squadra di ecoanimatori della campagna di informazione e sensibilizzazione “La differenza siamo Noi”. Lezioni frontali dinamiche con l’obiettivo di far compiere un “viaggio” nel mondo del riciclo e della raccolta differenziata ai giovanissimi cittadini. Numerose le curiosità trattate ed approfondite nel corso delle lezioni come la regola delle 4R (Riduci, Riusa, Ricicla e Recupera), la differenza tra buste compostabili e biodegradabili, la storia degli imballaggi. E ancora: il motivo per cui le bottiglie di plastica si schiacciano in senso orizzontale (e non verticale, come molti sono abituati a fare), la spiegazione di come si separano i rifiuti all’interno del nuovo kit, le regole per il corretto conferimento di ogni singola frazione e la spiegazione del perché scontrini, cannucce e posate in plastica si gettano nell’indifferenziato.
Al termine della lezione, il gioco “Operazione differenziata”: una prova per verificare le competenze acquisiste nel corso della lezione che ha previsto che ad ogni bambino fosse affidato un rifiuto da riconoscere e differenziare nel corretto bidoncino.
Ad ogni classe, infine, il compito entro la fine dell’anno di realizzare il proprio “mostro del riciclo” utilizzando materiali di riciclo sul modello di Riciclotto, la mascotte scelta per la campagna di sensibilizzazione nelle scuole.

«Se è vero che il futuro è dei bambini, è importante che imparino a tenerselo stretto e a difenderlo, cominciando dal rispetto per l’ambiente – hanno dichiarato gli ecoanimatori responsabili del progetto “A scuola di riciclo” - Imparare a differenziare correttamente i rifiuti è oggi quanto mai importante per attivare buone pratiche di comportamento, degne di una comunità civile. Sono state trasmesse alle classi le nozioni indispensabili e necessarie per fare una buona raccolta differenziata a scuola così come a casa. I bambini sono opinion leader all’interno delle loro famiglie: aver insegnato cosa significa fare bene la raccolta può servire per renderli promotori, a loro volta, di corretti comportamenti all’interno del nucleo familiare».

 [da La Voce del Paese del 30 Marzo]

Noicattaro. ecoanimatori intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI