NEL PAESE DEI RIFIUTI. La zona P.I.P. di Noicattaro

 

Immagine

Si chiama zona P.I.P. e sta per Piano di Insediamenti Produttivi. In effetti l’insediamento di alcune aziende artigianali e commerciali lo dimostrano. Si auspica diventi, in futuro, il polmone economico della città di Noicàttaro. Ma potrebbe diventare un sito strategico anche sotto il profilo più ampio dell’organizzazione dei servizi.

Grandi spazi e tante strutture (alcune delle quali di proprietà del Comune) attendono, infatti, un intervento risolutivo dell’Amministrazione. Fino ad allora la zona P.I.P. di Noicàttaro rimane divisa in due parti.

La zona principale, quella degli insediamenti, che sembra accettabile sul piano della viabilità, ma con una situazione di degrado e incuria di alcuni Lotti che sono diventati veri e propri depositi di rifiuti di vario genere. E la zona rimanente, (i Parcheggi ) che sono diventati una vera e propria discarica abusiva a cielo aperto. Intere traverse che traboccano di rifiuti. Lavatrici, materassi e ingombranti di ogni genere e materiale, ed erbacce che in alcuni casi nascondono marciapiedi e opere di urbanizzazione già costruite. Montagne di immondizia che parcheggia lì fino al prossimo incendio. Non è raro infatti che qualche volta ci scappi il fuoco da quelle parti, sprigionando nell’atmosfera tutta quella diossina che fa tanto male alla salute delle persone e dell’ambiente circostante. Da qui l’interpellanza Comunale fatta dal consigliere di opposizione Isa Sportelli, tenuto conto che tale situazione nel tempo poteva diventare sempre più grave e mettere in serio pericolo, non solo la salute delle persone ivi operanti, ma poteva anche rappresentare un serio problema ambientale e di immagine per il Comune di Noicàttaro.

Cosa è accaduto ad oggi?

Cosa ha fatto la Nuova Amministrazione Dipierro per risolvere il problema dopo  la citata interpellanza?

A quanto pare un bel niente, e le foto lo dimostrano.

Ovviamente il mal costume di alcuni nostri concittadini rimane; questo anche in ragione del fatto che le isole ecologiche di smistamento dei rifiuti sono inesistenti nella nostra cittadina. Il Comune di Noicàttaro ad oggi non sappiamo se e quando ha intenzione di istituire le cosiddette “Isole Ecologiche”.

Si spera che con la istituzione dei centri di raccolta e smistamento si possa rimuovere questo malcostume e si possa procedere più rapidamente allo smaltimento dei rifiuti ingombranti, così da non assistere più a scene di chi scarica rifiuti speciali presso la zona industriale – P.I.P., in maniera incontrollata