Venerdì 06 Dicembre 2019
   
Text Size

NOICATTARO E L'ITALIETTA


DESOLATION_ROOM

Sarebbe importante dimostrare che Noicàttaro non fa parte di quella Italietta politica meridionale che vuol vedere i giovani ed il merito  messi da parte a favore del clientelismo e dei salottini politici e che li costringe spesso ad emigrare cercando fortuna altrove.

Si potrebbe indire un bando pubblico per finanziare lo sturt up di progetti commerciali, magari nel centro storico, come incentivo all'iniziativa giovanile, e come ad esempio fatto dalla Regione Puglia con Principi Attivi, che metteva a disposizione 25 mila euro per finanziare la partenza di progetti commerciali di varia natura.

Si potrebbe così sostenere l'avviamento di alcune iniziative scelte e premiate per quelle che sono le loro reali possibilità e meriti oggettivi.

Può farlo questa amministrazione comunale ?

Può questa opposizione spingere perché ciò possa avvenire ?

Dato anche il nuovo fenomeno di emigrazione giovanile che sta impoverendo ancora il sud,  pensare di sostenere l'occupazione giovanile, legandola al merito ed al territorio, non deve essere un impegno primario della nostra classe politica?

Commenti 

 
#9 anonimo 2009-10-24 22:46
Solo la magistratura può ridare ordine in quei posti dove regna l'arroganza , il menefreghismo e il clientelismo.
Speriamo che qualche Buon Magistrato inizi a vederci chiaro.
Chissà quanta pulizia verrebbe fatta.
 
 
#8 Nojana 2009-10-19 16:09
ma ke arrendersi..qua bisogna denunciare!!!
il lassismo fa male..
 
 
#7 bionsen82 2009-10-19 14:51
cara nojana i giovani sono sfiduciati, ma cosa devono fare devono arrendersi a questo stato di cose?
 
 
#6 anonimo 2009-10-18 21:18
Oltre al pagamento di 900.000 mila euro il Governo italiano nel 2003 è stato condannato a pagare a 2 famiglie nojane 1.600.000 euro.
Di seguito riporto estratto della senteza

Corte Europea dei Diritti dell’Uomo
CASO: CARBONARA E VENTURA contro ITALIA
sentenza del 30 maggio 2000 ricorso n. 24638/94
IN FATTO
I. CIRCOSTANZE DI SPECIE
6. I tre primi ricorrenti e la madre del quarto ricorrente , nel frattempo deceduta, erano proprietari di un terreno agricolo sito a Noicattaro. Nel 1963, la città di Noicattaro avvia la costruzione di una scuola su dei terreni limitrofi. Durante l'esecuzione dei lavori, si accerta che era necessario un appezzamento supplementare per erigere l'ultima parte della costruzione.
Il 30/06/1970, il Comune di Noicattaro procede all'occupazione materiale del terreno ed avvia i lavori di costruzione.
……………Morale della Favola

L’11 dicembre 2003, a distanza di circa 3 anni e mezzo dalla sentenza sul merito, la Corte europea dei diritti dell’uomo ha finalmente deciso di emettere la propria decisione sull’equa soddisfazione nel caso Carbonara e Ventura c. Italia.
Con la decisione dell’11 dicembre, infatti, viene riconosciuto ai ricorrenti un danno materiale di 1 385 394,40 euro, un danno morale di 200 000 euro oltre a 40 000 euro per le spese giudiziarie. A questi bisognerá inoltre anche aggiungere ulteriori 10 452 euro per le spese di un’inusuale perizia a livello europeo.
Occupazione espropriativa e lesione del diritto di proprietà: condanna record per l'Italia (oltre un milione e 600 mila euro)

DOMANDA: Chi ha pagato il milione e 600 mila euro ?
Una Punta Perotti anche a Noicattaro?
A Voi cittadini le Risposte
 
 
#5 anonimo 2009-10-18 21:12
La tecnica del confronto è un buon sistema di comparazione fra realtà di cui pure si devono riconoscere le differenze. Ciò non per difendere l'inesistenza di una costante politica culturale ed ambientale a Noicattaro (e che non sia esclusivamente relegata a riti di folklore e circostanze circoscritte di ordine cerimoniale) ma per riconoscere che Mola è una destinazione turistica e d'intrattenimento; oltre il mare, c'è qualcosa da fare. Mola attrae il turismo locale e giovanile, come dire, ha un'atmosfera, e quindi si attrezza e dirige le sue politiche urbane in favore della sostenibilità di tale utenza.
Domanda: Noicattaro che ha?
Cosa offre ai suoi cittadini e tanto più ai confinanti, che si viene a fare a Noicattaro se sono i Nojani stessi a fuggirne la sera per andare altrove?

Credo che interventi alla tutela dell'ambiente, alla riduzione del traffico, l'incentivazione ad abitudini più sane di vivere il territorio, debbano essere incluse e conseguire all'interno di una più attenta e intelligente pianificazione complessiva della città intera. Non si può più ragionare a pezzi.
Ragionare per sistemi appunto significa di ogni problematica considerarla in un quadro più grande, da cui la politica, non può più, per urgenza di intervento, frettolosamente prescindere.
 
 
#4 anonimo 2009-10-18 21:10
Una poesia (di Trilussa) per ..... tutti i compagni di Noicattaro

Er compagno scompagno

Un Gatto, che faceva er socialista
solo a lo scopo d'arivà in un posto,
se stava lavoranno un pollo arosto
ne la cucina d'un capitalista.

Quanno da un finestrino su per aria
s'affacciò un antro Gatto: - Amico mio,
pensa - je disse - che ce so' pur'io
ch'appartengo a la classe proletaria!

Io che conosco bene l'idee tue
so' certo che quer pollo che te magni,
se vengo giù, sarà diviso in due:
mezzo a te, mezzo a me... Semo compagni!

- No, no: - rispose er Gatto senza core
io nun divido gnente co' nessuno:
fo er socialista quanno sto a diggiuno,
ma quanno magno so' conservatore!
 
 
#3 anonimo 2009-10-18 21:06
Se non cambiamo tutti quei soggetti che siedono in consiglio comunale la politica a Noicattaro sarà sempre la stessa.
Tutti chiedono per se e per i propri familiari e della cittadinanza non glie ne frega nulla.
Noicattaro è diventato ormai un paese dormitorio e non ha più nulla da offrire.
 
 
#2 Nojana 2009-10-17 13:43
errata corrige: la prima parte del mio commento non è tratta da un articolo della Gazzetta. mi sono spiegata male. la questione del debito è stata riportata in un articolo del quotidiano di alcuni giorni fa.

scusate.volevo precisarlo.
 
 
#1 Nojana 2009-10-17 12:23
Tutti devono sapere e forse sanno già che il comune di Noicattaro è indebitato fino al collo (900.000 euro) per una vecchia questione riguardante la zona PIP e che per tale motivo si sta impegnando nella vendita di alcuni immobili comunali (per coprire i mutui e gli interessi che negli anni crescono)..

ora mi kiedo come possa, il comune, finanziare altre iniziative..non sanno da dove devono prendere i soldi..c'è un bilancio che non quadra..l'amministrazione deve pagare gli errori che ha commesso!!!...ma tanto non sarà così perchè a pagare saranno i poveri cittadini contribuenti..ke vergogna di paese.......

cio' che ho scritto è parte di una articolo della Gazzetta del Mezzogiorno di alcuni giorni fa.


a questo punto, ancora mi chiedo..è vero, mancano i bandi, le idee e le iniziative per i giovani..ma anke se ci fossero,la domanda è: i giovani nojani ripongono fiducia nell'attuale amministrazione?..o sono sfiduciati perchè, ancor prima di partecipare, sanno già ki potrebbe vincere il bando e a ki saranno destinati i fondi di quel bando??..

si è creato un circolo chiuso e non ne puoi far parte se non sei il figlio di uno degli anelli della loro catena!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
VERGOGNA!!!!!

Questa non è la sinistra di cui tanto si vanta l'amministrazione...siete tanti Berlusconi mancati...vi divertite a criticarlo ma siete peggio di lui!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI