I residenti di via R. Sanzio lanciano un grido di speranza

via Sanzio_front

 

I residenti di via Raffaello Sanzio, hanno voluto che l’associazione Controvento ascoltasse il loro grido di speranza e che li aiutasse a risolvere una questione che ormai, nel vero senso delle parole, non li fa più dormire la notte.

“Ratti, serpenti, non è possibile vivere in queste condizioni”. Stiamo parlando dell’area a verde alle spalle di via Raffaello Sanzio, una zona verde destinata ad una villetta, così gli era stato promesso ai cittadini li residenti, un’area di proprietà comunale lasciata al degrado, all’incuria e all’abbandono totale, un esempio di una zona verde ma non l’unica purtroppo, presente nel nostro paese.

“Più volte siamo andati al Comune per far giungere all’attuale amministrazione, ma anche a quella precedente a Sozio, la nostra condizione disperata, ma niente. La risposta era: <<Non abbiamo soldi>>.”

“Ma noi non pretendiamo la villa decorosa - aggiunge una delle signore da cui siamo stati chiamati -, anche un po’ di breccia, che ci faccia stare più tranquilli. Noi abbiamo paura che i topi ce li possiamo ritrovare in casa. Paghiamo tante tasse comunali, per vivere come? Per ottenere quali servizi? Nessuno ci ascolta, siamo stanchi. Gli addetti ai lavori si affacciano una sola volta all’anno, schiacciano tutta l’erba che ormai è arrivata ad altezza uomo, e la lasciano lì accumulare senza poi raccoglierla. Non si può, penso che assistere ad uno scenario del genere sia oltre i limiti della sopportazione. Dove viviamo?

“Penso che questa dichiarazione spiega tutto - dichiara la Presidente dell’Associazione Culturale Controvento Noicattaro, la dott.ssa Santa Dipinto -, ho lasciato parlare loro, li ho lasciati sfogare, non ho aggiunto neanche una parola, sono stata lì ad ascoltarli, e mi chiedevano cosa possiamo fare per cambiare la situazione. Li ho solo potuti tranquillizzare, speranzosa che qualcosa si possa fare e si possa ottenere. Quindi, invito l’attuale amministrazione di smetterla con i teatrini o con le loro diatribe interne, che possono poco interessare ai cittadini nojani, ma di pensare più al bene del Paese e dei nostri compaesani. Mi auguro di ottenere un riscontro positivo, ma soprattutto delle risposte, se così non fosse ovviamente non ci fermeremo alla sola comunicazione di oggi”.

via Sanzio_intero