Lunedì 25 Ottobre 2021
   
Text Size

Piste ciclabili: perchè non farla tra Noicattaro e Rutigliano?

strada Noicattaro-Rutigliano

 

Dell’orrenda fine che le nostre piste ciclabili hanno subìto è notizia ormai nota anche a quella fetta di lettori che non hanno seguito la vicenda sin dal suo inizio. È stato contestato il luogo dove la pista ciclabile è stata costruita ossia via Venezia e via Console Positano. Un luogo, quindi non propriamente idoneo vista la larghezza delle due strade. È stata contestata la costruzione della pista, la sua discontinuità soprattutto quando ci si accingeva a svoltare, come per magia per un tratto di strada non si era più all’interno della traiettoria. È stata contestata la negligenza della Giunta e del Consiglio Comunale che nel 2010 decisero di costruire, nell’ambito di un Piano di Riqualificazione della Periferia (PIRP), un percorso apposito per l’utilizzo delle biciclette (http://www.noicattaroweb.it/attualita/4158-la-pista-in-ciclabile-di-noicattaro-ma-come-e-possibile.html). È stata contestata la spesa sostenuta. Che sia stata elevata o non, ricordiamo che le opere pubbliche e i servizi in generale che l’amministrazione pubblica garantisce ai suoi cittadini, sono in parte finanziati con le tasse che noi paghiamo. È stato contestato il mancato intervento da parte del Comune, che non ha rimosso i cordolo, o quanto meno fermato i lavori, non appena gli abitanti di quella zona protestavano affinché quell’obbrobrio venisse rimosso.

Adesso che la tempesta è passata, in via Venezia e via Console Positano non vi è più traccia che possa ricondurre alla pista. Il progetto è stato pensato, ideato e subito dopo eliminato. L’idea della pista ciclabile è un progetto altamente positivo: è un modo di vivere il paese in maniera diversa. Ci si avvicina al paese, lo si scopre, lo si ammira. Da un punto di vista sportivo e di benessere fisico è salutare. A una bella passeggiata in bici nessuno si tirerebbe indietro; ed è anche economico. Non tutti possono permettersi l’abbonamento presso un centro sportivo. Se torniamo per un attimo sui banchi di scuola, la storia ci insegna che grazie alla costruzione di vie di comunicazione, strade, ponti, linee ferroviarie e via dicendo, i paesi limitrofi hanno conosciuto la possibilità di commercializzare, di comunicare, di conoscere altre realtà diverse dalla propria. Vi starete chiedendo: ma cosa c’entra questo con le piste ciclabili? Effettivamente non c’entrano niente. Ma proviamo a pensare se il Comune di Noicàttaro, in accordo con il Comune di Rutigliano, decidesse di aprire un tavolo di consultazioni avendo ad oggetto la creazione di una pista ciclabile che colleghi i due paesi. Immaginate quante bella scampagnate il nojano si farebbe alla “Pineta”, o quanti bei film il rutiglianese vedrebbe all’Exviri. Perché noi adesso un cinema ce l’abbiamo. Tralasciando questi esempi un po’ sciocchi, se vogliano, e poco convincenti, non possiamo nascondere il fatto che la vicinanza dei due Comuni baresi è visibile ad occhio nudo. È un modo anche di incentivare l’automobilista abituale a montare in sella, in questo caso sellino, e raggiungere il paese di destinazione, Rutigliano o Noicàttaro che sia. Questo qualora decidesse di fare acquisti, andare a far visita a un proprio parente o semplicemente concedersi una passeggiata rilassante. La patata bollente è stata lanciata. Cara amministrazione, sta a lei decidere di prenderla o farla cadere a terra. 

Commenti 

 
#1 Vito 78 2014-01-28 09:16
Nn vorrei ne giustificare e neanche criticare il passato a riguardo delle piste ciclabili effettuate in paese. Di sicuro ci sono motivi tecnici ed economici che nn conosco , ma che immagino , ma sono daccordo sul inutilita di queste piste . La proposta lanciata da quest'articolo è favolosa , mi piace e l'ho sempre pensata. Spero che si muova qlksa considerando che i 2 paesi hanno anche 2 differenti colori politici . Si giustificheranno dicendo che mancano i fondi , mentre x quelle gia create in paese c'erano fondi precisi da utilizzare all'interno dell'area urbana . Cmq secondo me sono 4 le piste ciclabili da fare . La piu urgente è quella di via Casamassima fino la nuova zona PIP sia x chi va a lavorare e sia x i ragazzini che vanno ad allenarsi . La seconda è quella sopra citata tra Noicattaro e Rutigliano . La terza solo nella zona residenziale sula strada x Torre a mare ( sono pur cittadini Nojani ) ed infine una quarta che collega il paese al cimitero.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI