NOI ADOLESCENTI COME PUPAZZI DI PLASTICA

RAGAZZI


Nel tempo in cui io vivo, la maggior parte degli adolescenti miei coetanei, assume un esagerato comportamento di emancipazione.

Per sentirsi grandi infatti fumano, bevono e si concedono ai piaceri del sesso senza tener conto delle conseguenze.

Molti genitori e molti professori non immaginano neppure questo e ne vengono a conoscenza solo in situazioni drammatiche come quelle del sabato sera.

Oggi siamo liberi di esprimere la nostra vitalità in modo incosciente, pertanto ci diventa facile percepire i messaggi sbagliati che ci vengono dati dai modelli televisivi i quali persuadono le nostre psiche in fase di formazione.

Definisco il mondo adolescenziale conformista, nel quale tutti noi siamo dei pupazzi di plastica uguali e senza valori.

Penso che i genitori sono o ciechi perché non vedono le situazioni problematiche dei propri figli, o sono superficiali in quanto fingono di non sapere ed è davvero un peccato omettere la realtà.

Ormai sono davvero pochi i ragazzi con li senso del pudore e con principi ben saldi.

Ma il problema è che sono pochi gli ambienti dove imparare a non assumere un comportamento di devianza e poche le persone

che ci facciano capire che solo i nostri valori ci impediranno di sprecare la nostra vita.

Dobbiamo ubriacarci di vita e drogarci di un futuro ottimista!