Giovedì 09 Luglio 2020
   
Text Size

NICOLA PENDE: IL MEZZO BUSTO DELLA (MEZZA) MEMORIA

giornatamemoria

 



«È lo spirito ebraico che può nuocere allo spirito della nostra razza; anche pochi semiti possono inquinare la vita di tutta una nazione». Sono parole che Nicola Pende pronuncia a Taranto nel maggio del 1940. Due anni prima, esattamente il 14 luglio 1938, compariva, nel “Giornale d’Italia”, il Manifesto delle Leggi Razziali.
Ma è lo stesso Pende che, durante il rastrellamento nazista del ghetto di Roma nel 16 ottobre 1943, permette a 23 ebrei di salvarsi la vita, ospitandoli nell’istituto del Policlinico Umberto I di Roma da lui diretto.
Domanda:  chi era veramente Nicola Pende? Qual era la sua posizione in merito alla teoria del “razzismo”?
Nicola Pende rappresenta un simbolo storiografico, più che storico, oramai calcificato nella coscienza collettiva nazionale, e soprattutto nel paese che di Pende ha fatto un’icona di cui vantarsi, l’immagine di una tradizione che il tempo non scalfisce. Tentare di interpretare la sua vita è una missione alquanto ardua. Non volendo fare della bassa storiografia, tentiamo almeno di distinguere due personaggi all’interno della stessa persona: Nicola Pende scienziato e Nicola Pende politico.
Da un lato abbiamo il medico fautore della moderna endocrinologia, l’ideatore delle cartelle biotipologiche - che da sé farebbero pensare ad una propensione alla “distinzione” - nonché un illustre professore e primario. Il concetto di razza, secondo il Pende scienziato, ha un’accezione molto meno politicizzata  e più volta ad una ricerca scientifica finalizzata al perfezionamento, in senso lato, delle condizioni di vita dell’uomo.  È per questo che il concetto di “razzismo biologico” lo metteva in contrasto con i vertici ufficiali del fascismo.
D’altro canto abbiamo il Pende politico (o politicizzato?). Colui che pronuncia frasi antisemite a Taranto, colui sul quale per anni è gravato il peso della “firma fantasma” sul Manifesto, colui il quale, in ogni caso, è stato una della figure di primo piano in epoca mussoliniana, colui che infatti fu tra le prime illustri personalità rimosse dai loro incarichi per le evidenti compromissioni con il fascismo.
Noicattaro come la pensa?
Stando ai fatti il nostro paese non si è mai posto il problema di interpretare correttamente la vicenda di Pende, quanto invece l’obiettivo di utilizzare la sua notorietà come testimonial del “prodotto Noicattaro”. Difatti a Noicattaro si contano: una scuola media intitolata a Pende, un’associazione culturale intitolata a Pende, un palazzo della cultura che espone fieramente un mezzo busto di…Nicola Pende. Questo è il Nicola Pende che abita nel geloso abbraccio di una classe intellettuale malata di campanilismo e invecchiata nelle proprie ipocrisie.
Questo stesso Pende ha il supporto della “Noicattaro bene”.  La stessa che un paio di anni fa, a partire da “La Repubblica” e poi da “La storia siamo noi”, ha reagito con un comunicato ufficiale a timbro della Presidenza del Consiglio, intitolato “Il caso Nicola Pende”. Noicattaro ha avuto la forza di creare il “caso”, quando ci sono molti altri problemi che meriterebbero di esser classificati come tali. Ciò che ci si auspica dalle classi alte è un atteggiamento critico, oggettivo e dunque sincero. Non una reazione “reazionaria” per “partito preso” di difesa del nojano, perché famoso. Questo  atteggiamento ha in sé la grave colpa di impoverire la nostra libertà di analisi.
Questo è il mese della memoria, e che cosa è la memoria? La memoria non è solo passato, è soprattutto futuro. La memoria è da reinventare, ripensare, ristudiare col coraggio di un’oggettività scevra dal dogmatismo. Il “caso Nicola Pende” può trasformarsi da strumento del bigottismo comunitario a chiave di volta per una nuova consapevolezza della nostra identità, che comunque è figlia anche di questo simbolo, il “simbolo Pende”. Il coraggio di mettere, e mettersi, in discussione è la sola possibilità per evitare alcuni tragici corsi e ricorsi storici, non più così vicini ma neanche così lontani.


 

Commenti 

 
#10 martina 2013-12-08 13:56
sono andata al comune vecchio di Noicattaro e o visto lo studio di nicola pende
 
 
#9 martina 2013-12-08 12:44
io conosco la scuola Nicola Pende di Noicattaro
 
 
#8 gaetano 2010-04-05 12:37
Combattere il male dall'interno? Non credo ci sia riuscito, visto che pare abbia contribuito a dare ragioni per andare contro un intero popolo.
 
 
#7 Mediano 2010-04-03 12:56
Caro Josè spero che la teoria fisica molecolare sia infondata altrimenti non riesco a non vedere il fantasma di Pende inseguito , con cattive intenzioni , da sei milioni di fantasmi ebrei.Saluti
 
 
#6 Piero 2010-04-02 03:04
Il prof. Pende fu una grande mente scientifica, ed altrettanto grande mente politica, la sua non fu viltà ma fu astuzia, penso al bene proprio, ma infondo cosa poteva fare rinunciare a ciò che aveva costruito in molti anni di lavoro, ma soprattutto abbandonare il proprio paese, lui ha fatto quello che alcuni salvatori della patria assai più appariscenti non hanno fatto, lui ha curato il mala dall'interno e di nascosto, perché è da stupidi esporsi senza poi ottenere ciò che si voleva, che ci volete fare la gente molte volte si ferma alle apparenze e non approfondisce ciò che sono le verità "nascoste".
Io sinceramente penso che lui fosse convinto di idee politiche che erano quelle del fascismo, ma che fosse contro a certe idee come quelle del razzismo, ma che abbia fatto due conti facendo ciò che più gli conveniva ovvero accettare le autorità e accettare le loro idee arrivando ad appoggiarle, ma facendo di nascosto ciò che in cuor suo era giusto, per il bene di uno stato di cui faceva parte e che amava in quanto suo cittadino.
 
 
#5 José Mottola 2010-03-20 22:28
Pende fu soprattutto scienziato,ma non solo endcrinologo;per esempio, nel libro"L’uomo alla luce del Vangelo.L’unità,l’eredità e l’integrità della persona umana",Assisi,1943,ha formulato una teoria di fisica molecolare ipotizzando che "le molecole corporee dopo la morte mantengano, anche se disperse e lontane, quasi un’armonia di vibrazioni con l’anima,una unità vitale per così dire potenziale:cosicché è facile all’anima ad esse legata da tale simpatia o preferenza raccoglierle, per ordine dell’Eterno, in un nuovo composto corporeo simile al precedente,al momento della resurrezione, e dall’unità vitale potenziale riformare una nuova unità vitale attuale, quella del corpo risorto ricongiunto definitivamente allo spirito.Ciò renderebbe ragione anche della possibilità di apparizioni dei defunti col loro corpo"(pagg.9-10).Con questa scoperta da premio Nobel furono spiegate scientificamente le apparizioni dei fantasmi.
 
 
#4 Gaetano 2010-02-23 17:43
Penso ad Antonio Gramsci e ad altri luminari delle arti e delle letteratura finiti torturati dal regime fascista perchè apertamente dichiarati contro. Penso che Pende sia ad un gradino inferiore a questi..contando anche il fatto che ha firmato e detto cose sulla razza per "coccolare" il Regime, senza venire allo scoperto (mostrando la sua vena antirazzista..)..e così ci ha fatto anche fortuna.
Gesù Cristo ha dato l'esempio, scegliendo di farsi uccidere anziche trattare.
 
 
#3 Anonimo 2010-02-23 17:00
Forse molti Nojani non sanno quanto è apprezzato il Prof. Pende fuori dalla nostra igloriosa, decadente ed ingenerosa cittadina.
caro michele, cosa ci si poteva aspettare da un Sindaco come Parisi intento nella sua glorificazione personale del 2° mandato che lo vide essere il sindaco più suffragato d'italia? Sindaco poi caduto per fortuna nel dimenticatoio.
Qualcosa ha fatto l'amministrazione Vanni Dipierro ma è troppo poco
E' questo quello che può offrire la nostra cittadina.
L'apprezzamento di cui dicevo prima io l'ho vissuto direttamente in un'aula di una università del centro nord dove un professore aveva scritto un libro di Bioantropologia ed aveva fatto cenno al nostro esimio concittadino.
Gli brillavano gli occhi quando ne parlava, lui era stato un suo allievo.
Quando gli dissi che ero di Noicattaro il professore si rallegrò e iniziammo a parlare di N. pende, vi assicuro che fù emozionante ascoltarlo.
Lui non mi parlò non di Nicola Pende fascista ma del Professore, un genio dalla grande disponibilità.
Sarebbe ora di finirla di sparlare della figura di Nicola Pende e ricordiamoci bene tutti che se il Prof. Pende non avesse sottoscritto quel manifesto sicuramente a Noicattaro avremmo avuto un Premio Nobel per la medicina.

 
 
#2 Michele Dipinto 2010-02-23 11:55
Nei primi anni del duemila , in due occasioni , mi vergognai di essere nojano.In un convegno a Roma con la presenza di Rita Levi Montalcini e in un seminario all'Università di Bari , con intervento di Luciano Canfora , si accusò Nicola Pende di essere stato il fautore ideologo del "Manifesto della razza"(fonte ispiratrice anche di Hitler) e di aver gestito l'incarico di primo Rettore dell'ateneo barese in modo vergognoso , favorendo le carriere dei fascisti a discapito del merito.Stizzato , per campanilismo , mi tuffai in internet e, navigando , contattai la presidentessa di un comitato nazionale , con sede a Pescara , che si occupava esclusivamente di ricorrere presso enti e comunità che avevano intestato vie , scuole e monumenti a Nicola Pende riuscendo a spuntarla in numerose città tra cui Milano , Napoli , Brescia e Torino.Raccolsi un dossier voluminoso sul personaggio Pende intenzionato a coinvolgere il Sindaco Parisi , in quei giorni attaccato dai giornali per aver confermato l'intestazione della nuova scuola media , allo scopo di organizzare un convegno che portasse a chiarire definitivamente la storia. Provocai una tempesta fra gli intellettuali nojani divisi come non mai tra innocentisti e colpevolisti.Contro il mio parere si decise di rimandare il tutto. A mio parere la piaga rimane aperta e si deve rimarginare.Bisogna fare presto perchè , purtroppo , i testimoni diminuiscono sempre più.Sono disponibile a lavorare per organizzare un grande convegno per "capire"...sperando di non disturbare il vespaio.Ciao
 
 
#1 Gaetano 2010-02-22 15:41
un po di qua..un po di la...c'è chi è morto per difendere la causa antifascista e antirazzista e chi acconteva il Potere non esponendosi contro, salvadosi la pelle e il denaro. Io sto dalla parte dei morti per la libertà e l'antirazzismo. Il resto è viltà.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI