Domenica 28 Novembre 2021
   
Text Size

Sapori nel centro storico. E piazza Umberto I balla e si scatena. Foto

Noicattaro. Noa in festa Terraross front

 

“Noa in festa - Sapori e Musica nel Borgo”: un successo da incorniciare. La conferma viene dai numeri e dalle riflessioni finali degli organizzatori, che hanno saputo davvero creare un mix riuscitissimo fondendo gastronomia, musica, cultura, intrattenimento. È stato un vero e proprio esercito di persone quello che, nella giornata di domenica 11 maggio, ha occupato il centro storico dalle ore 18.30 alle ore 23.30 circa. L’evento, organizzato dal GAL Sud Est Barese, in collaborazione con l’associazione “Noicattaro Sviluppo”, ha ravvivato le strade del borgo antico: via Madre Chiesa, via Sacro Cuore, Largo Pagano, via Madonna delle Grazie.

“La manifestazione è la prima di una serie di eventi in programma” ha commentato Vito Detoma, il presidente dell’associazione “Noicattaro Sviluppo”, sottolineando la collaborazione di altre associazioni presenti sul territorio, di piccoli artigiani e commercianti, necessaria alla buona riuscita dell’evento. In merito all’organizzazione, è stato creato un pacchetto di attività escursionistiche e culturali, enogastronomiche e musicali che hanno animato il comune nojano dalle prime ore della mattina fino a tarda sera. Dalle ore 9.00 alle ore 13.30 infatti, è stata organizzata una visita guidata presso Lama Giotta, una zona di particolare pregio paesaggistico, visti i suoi numerosi valori naturalistici e architettonici.

Nel pomeriggio inoltrato, intorno alle ore 18.30, ha avuto luogo il percorso espositivo e di vendita nel centro storico, coinvolgendo artisti di strada e pittori, floricoltori, artigiani locali, aziende agroalimentari, laboratori sui temi dell’olio di oliva, del vino e delle orecchiette, associazioni teatrali e di intrattenimento ed esposizioni storiche e naturalistiche sul territorio nojano. Il centro storico si è trasformato per l’occasione in un palcoscenico in cui “gli addetti alla cucina” hanno potuto esibirsi sfoggiando il proprio asso nella manica, nonché i prodotti locali. Svariati prodotti tipici sono stai esposti nei vari stand: focacce, calzoni di cipolla, paste di mandorla, dolci e orecchiette. Insomma un tripudio di sapori, prelibatezze culinarie e profumi hanno soddisfatto gusti e palati intransigenti. Grande spazio è stato riservato all’arte e alla cultura attraverso mostre ed esposizioni. I colori vivaci dei dipinti hanno reso l’atmosfera suggestiva. Inoltre l’originalità delle pitture, i temi trattati, le tecniche usate hanno dato voce ai diversi linguaggi dell’arte regalando ai visitatori emozioni. Un connubio perfetto quello tra arte e cucina che a quanto pare è stato apprezzato dai visitatori, i quali hanno degustato prodotti accompagnati dalle pennellate di colore.

Dulcis in fundo: alle ore 21.00 si è esibito sul palco di piazza Umberto I il gruppo musicale Terraross, portatore di musica folkloristica. La festa dunque è continuata a ritmo di pizzica e balli popolari, che hanno acceso gli animi dei partecipanti in un turbine coinvolgente di danze. Tutti sono scesi in piazza lasciandosi andare in un clima di spensieratezza quasi infantile. Divertimento assicurato: la piazza è diventata un luogo di aggregazione. Alla manifestazione hanno preso parte non solo i nojani ma anche persone provenienti da paesi limitrofi come Rutigliano, Conversano, Monopoli, sebbene quest’ultimi si siano rammaricati della poca visibilità dell’evento, che paradossalmente è stata riscontrata da diversi nojani. A tal riguardo il presidente dell’associazione Noicattaro Sviluppo ha affermato che per il futuro ci si soffermerà maggiormente sul fattore pubblicità: “Abbiamo avuto a disposizione poco tempo” ha continuato. Tuttavia i limiti organizzativi non hanno smorzato l’entusiasmo degli organizzatori, che hanno garantito allo stesso modo un ottimo risultato.

 “Il successo di questa manifestazione - ha commentato Vito Detoma - non fa che confermare la bontà del lavoro svolto in questi ultimi mesi. Ma non si tratta di un punto di arrivo, quanto di uno sprone per proseguire nell’opera di promozione e riqualificazione del nostro centro storico, che significa poi dare visibilità alla città tutta e alla sue indubbie eccellenze”. Si può affermare che finalmente i vari attori hanno compreso come l’operare in sinergia - pubblico e privato, volontariato e commercio, economia e cultura - rappresenti un punto di forza non soltanto dal punto di vista dell’ottimizzazione delle risorse disponibili, ma anche da quello delle idee messe in campo e della presentazione verso l’esterno. Il presidente dell’associazione Noicattaro Sviluppo ha poi affermato: “Dobbiamo abituare i nojani ad amare il territorio”. L’intento quindi è di conquistare una fetta ampia e trasversale della popolazione cercando soprattutto di coinvolgere le leve più giovani.

Tirando le fila: è chiaro che si tratti di una scommessa riuscita che ha sorpreso i più scettici, un risultato inaspettato. Ma guai ad adagiarsi sugli allori: tutti i soggetti coinvolti sono ben consapevoli che questo è solo l’inizio, poiché ci sono ancora grandissimi margini di miglioramento e potenzialità inespresse che dovranno essere portate alla luce anche se l’inizio è senz’altro positivo. Una manifestazione che ha coinvolto diversi soggetti, in primis il GAL e “Noicattaro Sviluppo”, ma ha beneficiato anche della collaborazione significativa di altre associazioni come il Parnaso, Lute, Moto Club Noja, tanto per citarne alcune.

“Si ringrazia la pubblica amministrazione e in particolar modo l’assessore alla cultura Vito Didonna e altre realtà associazionistiche per aver dato vita a questo progetto” ha concluso Vito Detoma in un’intervista rilasciata per il nostro giornale.


Ulteriori curiosità e polemiche (ci sono state anche quelle) potrete trovarle sul cartaceo de LA VOCE DEL PAESE, in edicola da sabato 17 Maggio.

Qui tutte le foto della serata, scattate da Vito Didonna Jr e da Maria Carmela Palumbo.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI