Mercoledì 16 Ottobre 2019
   
Text Size

RIAPRE IL CENTRO D’ASCOLTO A NOICATTARO

foto_donato



I problemi nascosti di Noicàttaro. Li si evita, li si ignora, li si dimentica: sono tossicodipendenze, anziani, violenze e problemi giovanili. Un giorno ci si sveglia, anche in modo brusco, e si capisce che non li si può più ignorare. Uno dei giorni del risveglio, per Noicattaro, nel caso delle tossicodipendenze, è un giorno del Novembre 2009, quando l’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna del Ministero di Giustizia di Bari contattata i Servizi Sociali del Comune di Noicattaro  comunicando che, per la prima volta in Puglia, il Giudice di Pace aveva condannato un giovane  nojano a svolgere un Lavoro di Pubblica Utilità per 3 mesi.

Dopo un’iniziale diffidenza nell’avviare sul territorio tale iniziativa ed a seguito di diversi  colloqui intercorsi con il Tribunale di Bari, la Giunta Comunale autorizza il Dirigente del Settore Servizi Sociali a sottoscrivere la Convenzione e, dunque, ad avviare tale sperimentazione che ha anche riscosso un certo successo.

Sulla scia di questa esperienza e, soprattutto sul monitoraggio dei bisogni della cittadinanza nojana nell’ambito, verrà riaperto il “Centro d’Ascolto” per la prevenzione delle dipendenze. Sarà la Cooperativa Sociale Aquarius di Turi a guidare il progetto, sulla base dei servizi socio-assistenziali previsti dal Piano Sociale di Zona dell’Ambito territoriale nr. 6 composto dai Comuni di Noicattaro, Rutigliano e Mola di Bari.

Un’équipe professionale itinerante, composta da uno psicologo, un assistente sociale ed un educatore professionale, si occuperà: della gestione dello sportello di ascolto presso la sede individuata da ciascun Comune; della preparazione di una campagna di informazione e prevenzione; di attività di informazione, prevenzione sensibilizzazione sul territorio; di attività di studio e ricerca sul mondo adolescenziale e giovanile. A tali attività, poi, si aggiungeranno quelle proposte, come elemento migliorativo, dalla Cooperativa: dagli sportelli (Sportello di Ascolto a Scuola, Sportello disabilità, Sport. di consulenza medica disabilità, Sportello di consulenza legale) al Laboratorio “Crea il manifesto”, pensato per le gli studenti degli Istituti scolastici coinvolti, ai G.A.M.A.- Gruppi di auto mutuo aiuto. Il progetto prevede, inoltre, la collaborazione dell’associazionismo locale, che si occuperà della promozione delle attività tra i proprio soci e sul territorio.

“La prevenzione, attraverso l’informazione – sostiene l’Assessore ai Servizi Sociali Donato Liturri - rappresenta l’unico deterrente all’iniziazione di un percorso di dipendenza. Inoltre, un’immediata risposta preventiva e di recupero, allevierebbe la gravità e irreversibilità del fenomeno, purtroppo ampiamente diffuso sul territorio, con indubbi benefici sull’intero sistema sociale, sanitario, giuridico ed assistenziale”.

L’assistenzialismo non è la chiave di volta per la risoluzione dei problemi sociali, anzi spesso è la manifestazione di una sconfitta.

La risoluzione sta nell’evitare che i problemi insorgano: è per questo che le nostre autorità locali devono continuare in questo senso, nel senso della “prevenzione”.

In generale ho approfondito con l'assessore Liturri la conoscenza del suo assessorato e dei servizi sociali con un 'intervista che qui riporto per intero a beneficio di tutti gli utenti di NoicattaroWeb.

Assessore presenti nel dettaglio il suo assessorato agli utenti di Noicattaroweb

Il Servizio Sociale del Comune di Noicattaro è un servizio polifunzionale, uno Sportello a diretto contatto con l’utenza ( anziani, disabili, famiglie, minori, giovani, soggetti in stato di  bisogno  e svantaggio) che svolge  attività di segretariato sociale e  presa  in carico dell’utenza .
Lo staff  dell’Ufficio SS  è costituito stabilmente da un Dirigente , un Responsabile di Servizio e 5 Assistenti Sociali. Si aggiungono,  a questi professionisti , le equipe  specialistiche  delle Cooperative Sociali  che gestiscono  i progetti  del Piano di Zona – PdZ  - Centro di Ascolto, Servizio di tutoraggio e ludoteca, assistenza domiciliare anziani e disabili, ecc.

Il Servizio Sociale di oggi non è semplice assistenzialismo, ma in rapporto all’utenza è  affiancamento della stessa  nell’analisi  della propria situazione  e nell’individuazione  delle strategie d’azione e in rapporto alle politiche del territorio è lettura dei bisogni, programmazione, monitoraggio e valutazione degli interventi.


E' soddisfatto del lavoro svolto dai servizi sociali di Noicattaro ?

Il Servizio Sociale di Noicattaro è all’avanguardia  rispetto al territorio circostante. Inoltre, la Normativa Nazionale e Regionale  degli ultimi 5-10 anni ha apportato molte novità nel Sociale  e l’Ufficio Servizio Sociali del Comune di Noicattaro  è riuscito ad adempiere  a tutte le disposizioni legislative , ottenendo riconoscimenti e premialità dai competenti Organi. L’ufficio Servizio Sociali  riesce ad essere all’avanguardia  in quanto ogni  professionista  non garantisce  ai cittadini  interventi generici ma specialistici . Ogni Assistente Sociale  ha sviluppato  competenza  in settori specifici, ad esempio  nel campo della disabilità, delle problematiche giovanili, della famiglia,ecc. Il cittadino, quindi, recandosi presso il nostro Ufficio viene accolto, preso in carico e supportato nell’analisi del suo reale bisogno e nell’individuazione delle risposte più opportune.

A che punto è il piano di zona?

Il Piano di Zona (Pdz) del secondo triennio ad oggi è nella fase iniziale di programmazione. Circa un mese fa insieme all’Ufficio SS  del Comune di Noicattaro ho organizzato un primo incontro  con il terzo settore, le scuole e la cittadinanza per monitorare  la realizzazione del primo PdZ  ed analizzare  i bisogni attuali del territorio di Noicattaro. Purtroppo la concertazione  a livello di Ambito Territoriale ( Noicattaro, mola di Bari e Rutigliano) stenta a partire. Il Comune di Noicattaro sta  mettendo in atto  tutte le strategie  d’intervento affinché tale processo inizi.
Il PdZ  è un’esperienza  di forte cambiamento  per il Sistema dei Servizi e delle politiche Sociali: con i PdZ  si è passati ad un’attività di governo  svolta  attraverso la mobilitazione  di soggetti pubblici, del privato sociale e della società civile; si programma in un’ottica di promozione  dello sviluppo locale e in modo congiunto con la AUSL.
Il PdZ è un’ottima opportunità per il nostro territorio. E come ogni attività innovativa registra imperfezioni, molto andrebbe perfezionato  e migliorato.

 


Commenti 

 
#1 elvira narducci 2011-01-04 16:22
Scrivo perche' ho un problema in famiglia di anziani non proprio autonomi per cui mi interesserebbe approfondire l'argomento riguardante proprio l'assistenza domiciliare per anziani. Nel particolare, si tratta di due anziani ultraottantenni, fratello e sorella conviventi e bisognosi di aiuto. potreste dirmi dove e' ubicato il centro di ascolto??? grazie!!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI