Mercoledì 24 Luglio 2019
   
Text Size

Quando attraversare è pericoloso. Alta velocità vicino al Palazzetto

Noicattaro. Strada Palazzetto

 

“Sono stanca di temere per la mia incolumità ogni volta che attraverso le strada”. Questo il succo della giusta lamentela della cittadina nojana Annamaria, che ci ha contattati per raccontare le proprie paure in un gesto così quotidiano, ma non per questo esente da pericoli.

La strada in questione è quella che collega la rotonda per via Mola, e l’incrocio tra la vecchia “via del Barone” e via Operatori della Solidarietà, proprio il tratto che costeggia l’ingresso laterale del Palazzetto dello Sport. Basta fare un salto da quelle parti, in qualsiasi orario e soprattutto di sera, per capire il senso della preoccupazione della signora: sono tante le automobili che spesso sfrecciano ad alta velocità in entrambi i sensi, c’è chi simula una chicane del circuito di Montecarlo all’uscita della rotonda, e chi, guardando lo stop di via Operatori della Solidarietà, piuttosto che frenare e fermarsi, scatta come un toro alla vista del rosso.

Situazione preoccupante, ma non così rara. Il punto della questione è che la strada è spesso attraversata dai residenti e dai bambini della zona: “Proprio l’altra sera, mentre camminavo per raggiungere il bidone dall’altra sponda della strada, un auto ha sorpassato un’altra vettura  che procedeva a normale velocità: il risultato è stato una manovra all’ultimo istante per evitarmi, per un pelo non venivo travolta”.

“Ma il problema non è solo il rischio per la mia incolumità in quella sera - continua Annamaria - ma soprattutto la salute dei tanti bambini che d’estate giocano per strada o per i ragazzi che in bici imboccano la vecchia via per Torre a Mare”. Anche questo verissimo e facilmente verificabile ogni giorno. E allora, che fare?

Di certo l’educazione stradale non è una caratteristica che contraddistingue tutti gli automobilisti, e purtroppo poco e niente può migliorare la situazione a riguardo; l’unica via possibile è l’uso di dossi artificiali, perché per questi casi disperati il pericolo di una botta alla propria automobile è molto più forte di quello di poter investire qualcuno, inducendo effettivamente a rallentare nella quasi totalità dei casi.

Proprio negli scorsi giorni l’Ingegnere dell’Ufficio Tecnico del Comune di Noicàttaro, Natale Decaro, ci aveva anticipato dell’installazione di alcuni attraversamenti pedonali rialzati in alcuni tratti pericolosi del paese: speriamo uno dei punti scelti sia proprio questo, e chiederemo conferma a riguardo. E magari il tutto potrà essere condito da un bel divieto di sorpasso, con tanto di cartello su un adeguato limite di velocità, per fare le cose per bene: chissà se anche gli automobilisti più scellerati siano capaci di interpretare segnali stradali (non lo crediamo, ma tentar non nuoce…).


[da La Voce del Paese del 14 Giugno]

Commenti 

 
#1 VITO ARDITO ARCHIT . 2014-06-19 18:29
Ammesso che vi è una mancanza di senso civico generalizzato nella noja attuale,che sta inficiando e depauperando i luoghi pubblici,non puo'questa essre una scusante per coloro che governano attualmente la cosa pubblica lasciando correre fenomeni di vandalismo giovanile.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI