Domenica 24 Ottobre 2021
   
Text Size

Luminarie. Don Tino: "Tutti si lamentano, ma chi contribuisce?"

Noicattaro. Illuminazione Chiesa del Carmine front

 

Luminarie si, luminarie no. Che festa sarebbe senza l’illuminazione? Pessima, secondo qualcuno. La festa Patronale della Madonna del Carmine ha preoccupato un attimino qualcuno. I fedeli in primis, i quali - fino allo scorso 12 Luglio - avevano notato un’assenza pesante all’interno della festa: quella delle luminarie. Tante sono state le lamentele che sono circolate in paese, su Facebook e nei commenti in calce agli articoli del nostro sito. Un chiacchiericcio che è terminato solo qualche giorno fa, quando sono state montate le luminarie su via Carmine. Qualcuno, per l’uscita a sproposito, si è tirato un morso alla lingua, qualcun altro ha preferito non commentare. Noi invece abbiamo preferito ascoltare don Tino Lucariello, parroco della Chiesa Santa Maria del Carmine, che ospita il Santo Patrono. Con lui abbiamo fatto un’analisi approfondita su quello che è la festa patronale, e sull’atteggiamento dei nojani. La festa Patronale si regge sulle offerte del paese, e queste, ultimamente, stanno venendo meno. Alcune leggende raccontano l’avarizia di alcuni nojani, pronti a segregarsi in casa al momento del passaggio degli esponenti del “Comitato Festa Patronale”. Chi non ha mai risposto loro al citofono, dicendo: “No, mamma non c’è”?

Noicattaro. Il parroco don Tino Lucariello

Don Tino, cosa ne pensa di questa polemica?

Mi sorprende vedere tanta gente che si limita a criticare ciò che non va della festa Patronale. Dobbiamo constatare, ahimè, che anche quest’anno non c’è stata una risposta adeguata dei nojani per quanto riguarda il contributo che raccogliamo per realizzare la festa della Madonna del Carmine. I nojani esigono la festa, l’illuminazione, i fuochi d’artificio e quant’altro, però poi quando giriamo per le vie del nostro paese, i più si limitano a donare qualche centesimo.

Alla fine, l’illuminazione c’è...

L’illuminazione è stata montata, e forse sarà più bella di quella dell’anno scorso, per un costo superiore ai 22.000 euro. Questa somma è stata investita solo per l’illuminazione. A questo capitolo poi bisogna aggiungere i costi relativi alla banda, ai fuochi d’artificio e agli annessi e connessi. Per questo, invito i nojani a non lamentarsi solamente e ad impegnarsi nel “Comitato Festa Patronale” per realizzare meglio la festa. A me dispiace fare il confronto con altri paesi ma so, ad esempio, che a Rutigliano i cittadini donano ogni anno un contributo che è pari al valore di una giornata di lavoro.

E il Comune invece, come risponde?

L’amministrazione comunale si limita a dare ogni anno un contributo annuale di circa 11-12mila euro.

Ma il fatto di montare tardi le luminarie, da cosa è dipeso? Qualcuno ha pensato che non sarebbero state più messe...

Bè prima o poi arriveremo a fare una scelta così drastica. Non possiamo continuare a spendere tanti soldi se poi non c’è la disponibilità dei nojani a contribuire. Per questa ragione da parte mia c’è sempre l’idea di non fare la festa Patronale esterna, con illuminazione, banda e fuochi d’artificio, ma di fare soltanto la festa religiosa e la processione.

Quanto costa ogni anno la festa Patronale?

Più o meno vanno via circa 60.000 euro, che entrano attraverso i contributi dell’amministrazione, degli sponsor e della gente. Quest’ultima categoria, ultimamente, sta venendo meno. Comunque per tutti i dettagli bisognerebbe sentire il presidente del “Comitato Festa Patronale”. Buona festa a tutti!

Noicattaro. Illuminazione Chiesa del Carmine intero 2

Commenti 

 
#15 Giuann 2014-07-21 20:27
@Saverio. Don Tino ha costruito il pozzo con i SUOI soldi, non con quelli della comunità. Tu faresti la stessa cosa? Rinunceresti ai soldi delle "buste" del matrimonio per fare un pozzo in Africa o altrove?
Allora si che sarebbe beneficenza.
 
 
#14 Don Nico 2014-07-21 20:00
Don Tino, vieni a Rutigliano che siamo più generosi e ti facciamo una festa coi fiocchi
 
 
#13 Saverio 2014-07-18 09:39
Ma i soldi spesi inutilmente ( secondo me ) per luminarie fuochi ecc. ecc. non si potrebbero utilizzare per costruire altri pozzi in Africa?
Don Tino, che ne pensi?
 
 
#12 Ariel 2014-07-18 08:33
Personalmente credo che questa festa abbia bisogno di rinnovarsi un po'. Siamo stufi delle solite bancarelle, delle giostre, del solito inutile passeggio. E poi le luminarie, alla madonna piacerebbero anche meno fastose e gli altri soldi potrebbero essere spesi per offrire un pasto degno a molti noiani che non se lo potranno permettere il giorno della Festa. Per una giusta causa i noiani sanno essere molto generosi. Chiediamo ai fedeli come vorrebbero che fosse la Festa del Carmine ...
 
 
#11 Saverio 2014-07-18 08:10
Risposta alla N° 4 ( Bart ). Come mai rutigliano lo hai scritto con la maiuscola e Noicattaro con la minuscola? E' stato per caso un errore voluto?
Continuando i paragoni tra rutigliano e Noicattaro, è risaputo, dalla notte dei tempi, che gli amici rutiglianesi sono un po' più vanitosi ed esibizionisti dei Nojani ( vedi i camion dei trasportatori che si riconoscono a kilometri di distanza per l'illuminazione permanente ) quindi per loro è naturale e viscerale mettersi in mostra mentre i Nojani sono più di mano stretta ( anzi, proprio chiusa ). Piuttosto che contribuire alla causa dei festeggiamenti, preferiscono " accattrs cicr, lpein e sement ".
Ciao a tutti e...................BUONA FESTA DEL CARMINE ( Andate a messa mi raccomando ).
 
 
#10 Jaguar 2014-07-17 18:59
Rispondo alla mia domanda: San filippo Neri fu spodestato dalla Madonna del Carmine, il parroco conosce la nostra storia meglio di me
 
 
#9 Jaguar 2014-07-17 18:52
Una domanda al parroco: ma il Santo Patrono di Noicattaro non è tale San Filippo Neri, ahilui messo all'angolo a seguito di un evento infausto accaduto anni orsono nel giorno della sua ricorrenza? Mi si conceda il beneficio del dubbio ma, dovesse esser così come da me riportato, sarebbe davvero grave che il Parroco...Altro che polemizzare sulle luminarie!
 
 
#8 noiano emigrato 2014-07-17 17:45
a rutigliano una parte dei soldi che si lasciano in busta paga per il comune viene destinato alla festa
 
 
#7 Michele 2014-07-17 17:40
Non trovo giusto che un parroco o chi per lui in questo periodo di crisi fa un discorso prevalentemente egoistico non pensando al prossimo.Ma sapete quanta gente vive da una festa patronale?Gli esercenti, l' illuminazione, le maestranze di ogni tipo,le bande, cittadina e non,gli albergatori,le giostre, i fuochi d'artificio, la stessa Amministrazione comunale che fa pagare le tasse ecc. ecc.e poi le feste sono sempre esistite,anche da prima della venuta di Cristo.Quindi non facciamo del male a nessuno tutti si devono portare a casa la pagnotta che ci permette di vivere e di pagare le tasse.
 
 
#6 anonimo 2014-07-17 15:06
Condivido l'idea del parroco Don Tino di realizzare e valorizzare esclusivamente la festa religiosa del Santo Patrono.
 
 
#5 nojano71 2014-07-17 12:54
condivido il pensiero di giusto...siamo buoni a criticare...bastava che i commercianti dessero qualcosa in più e allora si ke si poteva fare una bella festa...i primi sono loro che danno €5,00...
 
 
#4 Bart 2014-07-17 11:12
Polemica inutile, risposta ancora più inutile.
Perchè invece di criticare i cittadini, che contribuoscono COME POSSONO, don Tino non si rivolge alla curia per racimolare un pò più di soldi?
Inoltre vorrei ricordare a che a Rutigliano c'è un vero e proprio comitato festa patronale, con un conto bancario che viene gestito in maniera tale che ogni anno l'avanzo di denaro venga lasciato per la festa del prossimo anno. A noicattaro invece no perchè essendo una ONLUS il comitato deve avere il bilancio a 0!
Pensate a cose più serie, la gente non arriva a fine mese e un "prete" si meraviglia se questa si nega ai questuanti?
Ma per piacere....
 
 
#3 Perplesso 2014-07-17 09:19
Io non credo affatto che i rutiglianesi siano tanto più generosi dei nojani da poter permettersi ogni anni feste sempre più belle è sempre in maggior numero... siamo tutti fatti della stessa pasta, c'è chi a voglia e chi no di contribuire in un paese o nell'altro. Le cause forse andrebberocercate altrove, forse nell'amministrazione comunale forse in altro, fatto sta che questo paese cade sempre più nell'ombra con dispiacere dei nojani
 
 
#2 Rupert Sciamenna 2014-07-16 22:38
sta la crisi...ma una festa anche con poco si riesce a fare lo stesso. tranquill
 
 
#1 giusto 2014-07-16 18:12
siamo bravi a criticare tutti e tutto ma alla fine bisogna usare un po il cervello ,se solo contribuiamo un po di piu',noi cittadini e sopratutto i nostri commercianti ,specie quei dei magazzini d'uva,che sfornano solo soldi ai macchinoni e girare nel giorno della festa patronale,solo per farsi vedere,e poi non hanno uno spicciolo in tasca per offrirti un caffe' ,ignoranti,rendetevi conto del nostro paese vicino cosa combina,noi dormiamo ,siamo solo buffoni....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI