Giovedì 09 Dicembre 2021
   
Text Size

Santi Cosma e Damiano: venerdì i festeggiamenti e la processione

Noicattaro. I Santi Medici front

 

Con la tradizionale processione delle statue per le vie del centro si realizzeranno venerdì 26 Settembre i festeggiamenti in onore dei Santi Cosma e Damiano.

In mattinata la festa liturgica sarà annunciata alle ore 8.00 con il lancio della diana e nell’arco nella giornata nella Rettoria dell’Immacolata - che cura e conserva il culto dei Santi taumaturghi - si svolgeranno gli eventi contemplativi del programma: S. Messa ore 7.00 e in serata, dopo la Celebrazione Eucaristica delle ore 17.00, si svolgerà la processione del Simulacro.

All’arrivo in Piazza, la Congrega M. SS. Immacolata offrirà alla cittadinanza un nutrito spettacolo pirico che simbolicamente chiuderà i solenni festeggiamenti e annuncerà così il rientro dei simulacri in chiesa e la reposizione degli stessi presso l’altare di San Lorenzo.

Questi Santi, noti anche come Santi medici, sono ritenuti due gemelli di origine araba, medici in Siria e martiri sotto l’impero di Diocleziano. Erano in grado, secondo la tradizione, di operare prodigiose guarigioni e miracoli senza richiedere compenso di alcun genere. La loro azione era perciò completamente gratuita nei confronti di tutti, da qui l'appellativo “Anàrgiri” (dal anargyroi, senza denaro).

A Noja il culto e la devozione per i due santi era molto radicata nella cinquecentesca chiesa della Madonna del Soccorso, sita sulla piazza centrale del paese, tant’è che questa veniva anche detta “dei Santi Medici”. Nella suddetta chiesa aveva sede la Congrega del Purgatorio che era incarica di organizzare e accompagnare la processione con le vecchie statue, oggi conservate presso l’Immacolata. Estintasi la Congrega, si provvide a nominare un Comitato cittadino per i festeggiamenti capeggiato dalle famiglie Tortelli e Dibenedetto. Nel 1930 lo stesso Comitato ritenne opportuno sostituire i vecchi simulacri commissionandone dei nuovi (quelli che tutt’ora osserviamo) ad una bottega cartapestaia di Nardò. Con lo scellerato ampliamento della piazza nel 1973 la Chiesa del Soccorso venne demolita e i nuovi simulacri furono trasportati nella Chiesa dell’Immacolata.

Il culto è molto sentito dai residenti di Arco Casale, ove è presente una graziosa edicola votiva. Col sopraggiungere della processione da via Carmine,  i residenti di tale rione offrono uno spettacolo pirico a devozione dei Santi, gli stessi per l’occasione vengono voltati proprio in direzione dell’Arco. La processione è accompagnata dalla Confraternita della Morte e Passione di N.S. Gesù Cristo, congrega che opera nella Chiesa della Madonna della Lama, ma i festeggiamenti sono interamente curati dalla Congrega dell’Immacolata.

Qui di seguito vi alleghiamo il programma dei festeggiamenti, preceduto dal Triduo nei giorni 23, 24 e 25.

Parrocchia S. M. della Pace – Confraternita M. SS. Immacolata

Noicattaro. I Santi Medici programma

Noicattaro. I Santi Medici intero

Commenti 

 
#2 La Noja che esisteva 2014-09-23 16:17
Non ho mai visto la chiesa del soccorso mi dicevano i miei genitori che era molto bella e mi ricordo tanti anni fa, che quando prendevo la strada dei Pilosofo per andare sulla stradella dove c'è la chiesetta di Santa Lucia vedevo le rovine di una chiesa.Del resto anche alla chiesa madre sono stati fatti dei nuovi lavori dove hanno distrutto delle bellezze artistiche datate nei tempi.Il bello di Noja antica è che le bellezze storiche non sono concentrate in un solo punto,ma sono dislocate in vari luoghi del paese.Sarebbe bello che qualche associazione culturale coadiuvati dagli storici del paese organizzassero una mostra fotografica reperendo delle foto antiche che mettono in risalto com'era Noja nel passato da far conoscere alle giovani generazioni fra cui anche la chiesa dei Santi Medici.
 
 
#1 Lasorellik 2014-09-23 07:36
E' utile ricordare che i Santi Medici erano festeggiati a Noja fin dai tempi dei fedudatri Carafa e anche prima e la loro Chiesa era quella del Soccorso non quella attuale ma quella che il "beneamato" Sindaco Saponaro distrusse insieme alla antica piazza cittadina dei Pilosofo ed al complesso edilizio dei Locroscino con tutte una serie di caratteristici archi. E' l'ora che con i progetti di recupero della Piazza Umberto I° e del circostante centro storico vengano evidenziate le collocazione di questi luoghi simboli della nostra cittadina. Auguri ai Santi Medici e auguriu a Noicattaro per un loro miracolo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI