Venerdì 22 Ottobre 2021
   
Text Size

E-book o libro? Roncaglia e Laterza ospiti del Presidio. Foto

Noicattaro. La quarta rivoluzione Presidio front

 

Aspettando la “Festa dei lettori”, l’associazione Ali di carta - Presidio del Libro di Noicattaro - diretta da Anna Veglia - ha proposto lunedì 22 Settembre un interessante incontro sull’evoluzione che sta vivendo il libro e il modo di leggere in sé: a parlarne Gino Roncaglia, autore del libro “La quarta generazione. Sei lezioni sul futuro del libro” e Alessandro Laterza, amministratore delegato della nota casa editrice. L’incontro è stato moderato dal prof. Sebastiano Valerio.

Nell’era in cui per qualunque cosa basta un click, anzi un touch, persino per leggere è sufficiente un dito e un dispositivo adatto.

Sono gli E-Books la rivoluzione del momento. Questi ‘libri elettronici’ sono file digitali che possono essere letti su speciali apparecchiature come IPad, Tablet o gli ultimissimi Kindle, ma anche su normali pc.

L’avvento di questi nuovi metodi di lettura che non prevedono l’uso di carta e inchiostro ha acceso nella nostra società un dibattito molto interessante su quelle che possono essere le conseguenze per l’editoria e l’istruzione.

Cosa segnano queste nuove tecnologie per la cultura del libro? Un pericolo o un’opportunità?

“Sinceramente non capisco questo accanimento contro la lettura digitale”, spiega ai nostri microfoni il docente universitario Roncaglia. “A mio parere si tratta di due ambienti che si integrano benissimo, andando incontro a quelle che sono le abitudini, e i gusti di ogni singolo lettore”.

D’altronde non si può negare la praticità di avere decine di volumi all’interno di un unico oggetto e la possibilità di acquistare capolavori classici a volte al prezzo di pochi centesimi, visto gli elevati costi che i libri hanno raggiunto nell’ultimo periodo, ma per Roncaglia non è il prezzo il vero problema.

“Sicuramente l’assenza della Legge Levi sugli e-books rende la letteratura molto più accessibile a tutti - continua Roncaglia - ma è anche vero che acquistare un libro è possibile semplicemente rinunciando ad una serata al cinema, e diciamocelo: un libro da sicuramente una soddisfazione più duratura rispetto ad un paio d’ore di film. La verità è che gli italiani non sono grandi lettori: le statistiche hanno riportato che solo il 46% della popolazione ha letto almeno un libro nell’ultimo anno”.

È un mondo tecnologico il nostro, pieno di notizie frammentate e infiniti post che raccontano in poche righe la vita di ognuno.

Forse il problema è proprio in questa mancanza di complessità, ormai i ragazzi di oggi non sono più in grado di argomentare, sviluppare un discorso articolato perché tutto ciò che leggono è molto semplice e diretto.

“Negli ultimi anni l’editoria ha visto una diminuzione dei profitti pari a circa 200 milioni di euro, ciò non è da attribuire esclusivamente all’avvento degli e-books ma sicuramente a un drastico calo dei lettori e poi nel settore scolastico la strada per il digitale è ancora lunga.

“L’impossibilità di sottolineare o prendere appunti sono una pecca dei file digitali, senza contare che la scuola di oggi non ha ancora gli strumenti e la preparazione per poter affrontare la quarta rivoluzione”, interviene durante il dibattito Alessandro Laterza. “Per adesso abbiamo cercato di affiancare strumenti digitali ai libri cartacei, e ciò ha determinato un inevitabile aumento dei costi ma bisognerà aspettare per avere i primi riscontri sul piano educazionale, ciò non toglie che la visualizzazione si è già dimostrata molto utile nelle materie scientifiche”.

Anche se è un palese sostenitori degli e-books, Roncaglia non nega che la lettura cartacea abbia ancora molto impatto nella cultura odierna. “A casa possiedo circa ventimila volumi e alcune volte mi capita di leggere i libri un po’ in digitale, un po’ in analogico. D’altronde anche i libri una volta sono stati un’innovazione tecnologica che ha sostituito le pergamene; il progresso è inesorabile. Resto saldo nel dire che non ha importanza il come si legge, l’importante è farlo”.


[da La Voce del Paese del 27 Settembre]

Qui le foto, a cura di Anna Maria De Marzo.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI