Giovedì 05 Dicembre 2019
   
Text Size

NOJANI NEL COMITATO PROMOTORE DEL BCC DI MOLA

BANCA


RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO IL SEGUENTE COMUNICATO STAMPA


Gent.le Redazione,

volevo segnalare l'iniziativa della avvenuta costituzione del Comitato
Promotore Banca di Credito Cooperativo di Mola di Bari in data 12 marzo u.s.
Tale iniziativa riguarda anche Noicattaro in quanto, come per legge, la
costituenda Banca opera nel Comune in cui nasce unitamente alla "zona di
competenza" cioè nei Comuni limitrofi (Mola di Bari, Polignano a Mare,
Conversano, Rutigliano, Bari e NOICATTARO), oltre che per la presenza di tre
concittadini noiani all'interno del Comitato e cioè il sottoscritto avv. Sforza
Francesco, il Dott. Commercialista Difino Giovanni Michele e il Dott. Lioce
Francesco.


Le invio il relativo comunicato stampa e le sarò grato se vorrà pubblicare la
notizia sul sito da Lei diretto.

http://www.comitatopromotorebccmoladibari.it/

Ringraziandola anticipatamente colgo l'occasione per porgerle cordiali
saluti.

avv. Francesco Sforza
- Noicattaro -





Costituzione del Comitato Promotore

della

Banca di Credito Cooperativo di Mola di Bari

Mola di Bari

12 marzo 2010




COMITATO PROMOTORE

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MOLA DI BARI

COMUNICATO STAMPA


In data 12 marzo 2010 si è costituito in Mola di Bari, con atto a rogito del notaio Dott. Domenico Guaccero, il Comitato Promotore per la costituzione della Banca di Credito Cooperativo di Mola di Bari.

Il suddetto Comitato, disciplinato dagli articoli 39 e seguenti del Codice Civile, nonché dalle pattuizioni contenute nel relativo Atto Costituivo, ha lo scopo di compiere tutti gli atti necessari per pervenire alla costituzione di un nuovo istituto bancario con sede in Mola di Bari, che opererà prevalentemente al servizio degli abitanti del Comune di Mola di Bari e dei seguenti Comuni limitrofi: Polignano a Mare, Conversano, Rutigliano, Noicattaro e Bari (cosiddetta “zona di competenza”).

Strutturalmente l’economia del territorio di riferimento è dominata dalle piccole-medie imprese che operano con un vivace spirito imprenditoriale prevalentemente nel settore commerciale, agricolo e della pesca, artigianale ed in parte nell’attività ricettiva.

Al Comune di Mola di Bari si aggiungono i Comuni limitrofi con un buon potenziale demografico, produttivo e di ricchezza finanziaria tutti correlati da una forte domanda di servizi bancari.

Da qui l’idea di dar vita a una nuova realtà creditizia locale, ispirata ai principi e alle norme della cooperazione mutualistica, che sia espressione del territorio e che abbia come fine ultimo quello di migliorare le condizioni morali ed economiche dei soci, favorendo il risparmio ed esercitando il credito prevalentemente in favore dei soci e, comunque, delle comunità in cui operano e svolgono la loro attività.

Una Banca che, attraverso servizi bancari economici ed efficienti, sia in grado di sostenere le esigenze delle famiglie e delle piccole-medie imprese del territorio di riferimento.

Una Banca che ispiri la sua attività ai principi della Finanza etica: sensibile alle conseguenze non economiche delle azioni economiche, trasparente in tutte le sue operazioni ed il cui profitto, ottenuto dal possesso e scambio di denaro, dovrà essere conseguenza di attività orientate al bene comune e per questo equamente distribuito tra tutti i soggetti che concorrono alla sua realizzazione.

Una Banca che indirizzi prevalentemente la sua operatività ad attività socio-economiche “profit” e “no-profit” finalizzate all’utile sociale, ambientale e culturale orientando risparmi e disponibilità verso la realizzazione del bene comune della collettività.

Una Banca che riservi particolare attenzione al sostegno delle iniziative di lavoro autonomo e/o imprenditoriale di donne, giovani ed immigrati anche attraverso interventi di microcredito e micro finanza.

Una Banca che crei opportunità e benessere alle comunità  locali di riferimento.

La “Banca di Credito Cooperativo di Mola di Bari – Società cooperativa per azioni a r.l.” potrà compiere tutte le operazioni ed i servizi di Banca, consentiti dalle leggi vigenti e specificatamente nel rispetto della normativa di cui al T.U. leggi in materia bancaria e creditizia (D. Lgs. 1° settembre 1993, n° 385).

Il Comitato Promotore della Banca di Credito Cooperativo di Mola di Bari è  composto dai seguenti 50 membri, tutti imprenditori, professionisti e commercianti operanti sul territorio di riferimento:

Lattaruli Leonardo      Presidente

Petronella Alessandro  Vice Presidente

Losito Leonardo   Vice Presidente

Furio Gianni        Tesoriere

Martello Matteo       Segretario

Addamiani Angela      Roselli Domenico

Arrivo Giuseppe      Russo Pasquale

Attolico Michele      Sforza Francesco

Calefato Carlo      Sorino Margherita

Capotorto Giuseppe     Tagarelli Felice

Carabellese Carlo Ermanno    Tanzi Claudio

Casucci Marco      Tapino Nicola

Colella Giuseppe      Tarantini Maria Manuela

Coratella Andrea      Tribuzio Francesco

Defrenza Francesco     Zaccaria Carlo

Digiorgio Rosa

Di Rutigliano Giangrazio

Difino Giovanni Michele

Elia Luigi

Furio Giuseppe

Griseta Giuseppe

Iacoviello Sabino

Iurino Dora Eleonora

Lamanna Domenico

Laricchia Vitantonio

Lattaruli Marianna

Lestingi Francesco

Lioce Francesco

Lista Michele

Lonigro Luigi

Marangelli Angelo

Orlando Vito

Padovano Marco

Palazzo Francesco

Panarosa Grazia

Paparella Michele

Quaranta Simone

Ranieri Vincenzo

Resta Rocco

Rizzo Luca

Informativa ai sensi dell’Art. 13, D. LGS. 30/06/2003 –N. 196

Desideriamo informarla, ai sensi dell’Art. 3 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che il trattamento dei Suoi dati personali sarà improntato ai principi di correttezza, liceità e trasparenza nel pieno rispetto del Suo diritto alla riservatezza.

Promemoria per la stampa

BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI MOLA DI BARI

ITER COSTITUTIVO



Costituzione del Comitato dei Promotori

* Il Comitato Promotore ha lo scopo di compiere tutti gli atti necessari per pervenire alla costituzione della Banca, verificandone le condizioni di fattibilità.

Redazione del Prospetto Informativo per la raccolta dei capitali da presentare alla Consob

* Il Comitato Promotore predispone il Prospetto Informativo  relativo all’offerta pubblica (che contiene, tra l’altro, una nota di sintesi recante i rischi e le caratteristiche essenziali dell’offerta) che viene presentato in Consob per la relativa approvazione.

Sottoscrizione e versamento del Capitale Sociale

* Ottenuta l’autorizzazione dalla Consob, si apre la fase relativa alla sottoscrizione del Capitale Sociale. L’operazione consiste nell’offerta per pubblica sottoscrizione delle azioni della costituenda Banca. Nel caso della Banca di Credito Cooperativo di Mola di Bari queste le partecipazioni stabilite:

- valore nominale della singola azione: € 100,00

- numero totale delle azioni offerte: da un minimo di 40.000 ad un massimo di 50.000 per un importo di capitale sociale minimo di € 4.000.000,00 e massimo di € 5.000.000,00

Per divenire soci, i sottoscrittori devono sottoscrivere almeno:

- azioni per un controvalore di € 2.500,00 se Persone fisiche, Associazioni, Ditte individuali o Cooperative Sociali;

- azioni per un controvalore di € 5.000,00 se Società di persone o Cooperative o Società di capitali.

Il numero massimo di azioni sottoscrivibili è pari a n. 500, per un controvalore di € 50.000,00.

Costituzione della Banca

* Sottoscritto e successivamente versato per intero l’ammontare di capitale sociale previsto dal comitato, viene convocata l’assemblea dei sottoscrittori ed infine stipulato l’atto costitutivo della nuova Società.

Richiesta di autorizzazione all’esercizio dell’attività bancaria alla Banca d’Italia

* Alla B.I. viene presentata una domanda di autorizzazione a cui è allegato, tra le altre cose, il Piano delle Attività. Verificata la sussistenza delle condizioni atte a garantire la “sana e prudente gestione” del nuovo organismo, la B.I. rilascia l’autorizzazione all’attività bancaria che ha efficacia costitutiva in quanto fornisce il titolo per l’iscrizione al registro delle imprese. Il provvedimento di autorizzazione deve essere adottato entro 90 giorni dalla domanda; tale termine può tuttavia essere sospeso a seguito della richiesta di integrazione della documentazione. Il limite temporale massimo per l’adozione del provvedimento da parte di B.I. è di dodici mesi.

Sintesi iter costitutivo


REQUISITI PER LA COSTITUZIONE


Per poter procedere alla costituzione e all’avvio dell´attività della Banca di Credito Cooperativo, seguendo quanto previsto dall´articolo 2333 del c.c. (costituzione per pubblica sottoscrizione) ai sensi delle vigenti disposizioni occorre:

* che sia stato sottoscritto e versato l´intero ammontare minimo di sottoscrizione previsto dal Comitato pari a Euro 4.000.000,00 (importo superiore a quello minimo richiesto dalla Banca d´Italia pari ad Euro 2.500.000,00);
* che abbia aderito all´iniziativa un numero di Soci non inferiore a 200;
* che l´assemblea dei sottoscrittori abbia deliberato sul contenuto dell´atto costitutivo e dello statuto e abbia provveduto alla nomina degli amministratori e dei membri del Collegio Sindacale;
* che gli Amministratori, i Sindaci e il Direttore Generale abbiano i requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza previsti dalla normativa vigente;
* che sia stata rilasciata da parte della Banca d´Italia l´autorizzazione all´esercizio dell´attività bancaria;
* che sia stata effettuata l´iscrizione della Società nel Registro delle Imprese.

Commenti 

 
#2 peppe 2010-10-01 01:16
ottima iniziativa utile per il nostro territorio e per il suo sviluppo!!!
 
 
#1 anonimo veneziano 2010-03-18 13:57
e poi dicono che ci sta la crisi.............
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI