Venerdì 06 Dicembre 2019
   
Text Size

Shopping natalizio: i nojani preferiscono i generi alimentari

Noicattaro. Shopping natalizio front

 

Quasi il 70% dei nojani ridurrà quest’anno le spese natalizie, il 25% utilizzerà il medesimo budget dello scorso anno, mentre il 5% farà acquisti superiori rispetto al 2013. Sondaggio: la maggior parte degli intervistati rivela che l’eccesso di pressione fiscale frena da anni la spensierata e gioiosa voglia di fare shopping, e la preoccupazione della crisi spinge i nojani a essere più prudenti prima di tirare fuori il portafogli, anche se la speranza per un futuro migliore sembra brillare ancora negli occhi di molti cittadini, nonostante il giudizio negativo sull’anno che sta per concludersi.

Non manca poi chi ha dichiarato di intravedere profili di peggioramento e chi sostiene di non aspettarsi forti cambiamenti rispetto all’anno scorso, positivi o negativi che siano. Un dato curioso emerso dalle interviste è che quest’anno ad aumentare sono state le spese dei prodotti alimentari, contrariamente ai costi degli articoli da regalo quali elettrodomestici, giochi per bambini e adulti, o oggettistica di vario genere.

“Personalmente, con il passare degli anni, mi sono accorta che tendo a spendere sempre di meno per quanto riguarda i regali di Natale, vuoi perché Dicembre è il mese delle scadenze o vuoi perché la crisi continua a spaventare. Il cibo invece è motivo di condivisione in famiglia quindi è difficile effettuare veri e propri tagli sui generi alimentari”, sostiene una nostra concittadina.

I nojani dunque preferiscono di gran lunga imbandire la propria tavola con cibi e bevande, anziché spendere qualcosina in più per regali da destinare a parenti o ad amici. In ogni caso le famiglie nojane, a mezzanotte o durante la mattina del 25, non rinunceranno alla magica tradizione di scartare i regali posti sotto gli alberi, ornati da luci e fiocchi, e secondo il nostro sondaggio la parola d’ordine dello shopping natalizio 2014 è stata “convenienza”. La ponderazione negli acquisti e l’atteggiamento di prudenza mostra spesso una scelta di preferire il risparmio a discapito della qualità del prodotto.

Ma ovviamente non è sempre così. “Tra prodotti di marca e prodotti a marchio del distributore credo che non vi sia alcuna differenza, sia nel campo alimentare che in quello dell’abbigliamento. Basta saper scegliere”, riferisce un nojano. La maggior parte dei nojani ha in ogni caso affermato che ha preferito orientare la scelta verso regali utili. Sul podio sale con il 55% l’abbigliamento, seguito dalla cosmesi con il 30 % e dalle sorprese tecnologiche con il 15%. Cresce inoltre, anche se in maniera molto impercettibile, la tendenza tra i nojani ad acquistare i regali online.


[da La Voce del Paese del 20 Dicembre]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI