Venerdì 15 Novembre 2019
   
Text Size

Nojarella sbanca tutto. Musica e colori sfidano la pioggia. Foto

Noicattaro. Nojarella 2014 front

 

Tutto sommato, è andata alla grande!

La seconda edizione di Nojarella - il festival musicale e gastronomico - si è rivelata un successo. Spostatosi nel Palazzo della Cultura a causa delle previsioni meteo, le quali promettevano abbondanti piogge, l’evento ha permesso di far apprezzare il chiostro - appena restaurato - nella sua bellezza. Niente Largo Pagano, dunque, ma l’effetto è stato più o meno simile.

“100% musica e sapori nostrani”. Tanta buona musica e tanta gente, che ha sfidato il freddo pur di vivere l’ultimo evento dell’anno. Numerosi gli stand - in via Console Positano - che hanno accolto l’invito degli organizzatori, e che hanno deliziato i presenti con vino, birra, panini, pettole, “sgagliozze” e cioccolata calda. Hanno risposto “presente” anche alcune associazioni, nojane e non, che hanno trovato asilo nella sala Parnaso del Palazzo della Cultura.

Impeccabile l’organizzazione, curata dai ragazzi dell’associazione Nojattiva e Indiepercui di Radio 103, che si sono rimboccati le maniche e hanno curato il tutto nei minimi particolari, compresa la “emergenza pioggia”.

Ma veniamo alla musica, vera protagonista della manifestazione. La serata si è aperta con i Corbeau, pseudonimo di un cantautore rutiglianese, accompagnato per l’occasione dai suoi “fedeli musicisti”. Frammenti di vite, pezzi di quotidianità e di ordinaria follia, raccontate nelle canzoni dal ritmo spensierato. Selezionati dal bando 2014 di Nojarella come i Corbeau, ospiti della serata anche i Santa Muerte, un trio di Mola di Bari che ha caricato il pubblico di quell’energia unica che solo il rock’n’roll sa dare. E quando la gente era carica, sono saliti sul palco i Soviet Soviet, una delle band italiane più seguite dai giovani e tra le più rinomate in ambito europeo. Dopo aver collaborato con alcuni portali di musica importanti, quali Stereogum e Pitchfork, i Soviet Soviet hanno calcato il palco nojano, per la gioia degli amanti dell’alternative rock.

Unica nota dolente della serata: la pioggia. Poco prima dell’esibizione dei Soviet Soviet infatti, un temporale si è abbattuto su Noicattaro, mettendo in fuga una minima parte di spettatori. I fan hanno comunque resistito e sono rimasti ad applaudire la band pesarese fino alla fine.

Soddisfatto l’assessore alla Cultura, Vito Didonna: “Una bellissima manifestazione, a dimostrazione che Noicattaro è viva, ma che ha bisogno di eventi del genere”.

“Finalmente una festa a Noicattaro”, ha commentato a caldo una signora al nostro stand. “Tutto merito dei giovani nojani, che sanno mettere su una grandissima organizzazione. Complimenti”.

Insomma, Nojarella è piaciuto proprio a tutti. Ora il meritato riposo per gli organizzatori, che a breve inizieranno a mettere su idee e proposte per un nuovo censimento, propedeutico per la terza edizione di Dicembre 2015.


Un ringraziamento particolare, da parte di tutta la redazione di NoicattaroWeb - La Voce del Paese, va a Nojattiva e a Indipercui per la gentilezza e l’ospitalità offertaci.

Ulteriori approfondimenti sulla serata, le interviste alle band e agli organizzatori, le foto, potrete trovarle sul primo giornale cartaceo del 2015 “La Voce del Paese”, in edicola da sabato 10 Gennaio.


Qui tutte le foto, scattate da Lorenzo Ardito e dallo Staff Nojarella.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI