Lunedì 18 Novembre 2019
   
Text Size

Torre a Mare tra i fiocchi di neve e le aspettative per il nuovo anno

Torre a Mare. Nevicata front

 

La notte tra il 30 ed il 31 Dicembre un’abbondante nevicata ha imbiancato il piccolo quartiere a Sud di Bari (foto di Miriam Biancofiore), regalando agli abitanti un risveglio da favola. La neve da sempre è associata a paesaggi di montagna, valli e colline da noi tanto lontane, proprio per tale ragione lo stupore, misto alla meraviglia ha catturato l’entusiasmo, la curiosità ed anche i sentimenti di coloro i quali con occhi increduli hanno affollato le strade e le piazze armati di cellulari e macchine fotografiche.

Torre a Mare tutta innevata, l’antica Torre, il porticciolo, il lungomare, le barche dei pescatori, tutto quanto appariva magico, unico a tratti poetico. Incredibile, poi, che l’evento atmosferico si sia verificato proprio l’ultimo giorno dell’anno, quando ognuno di noi si prepara ad affrontare qualcosa di nuovo, cerca inevitabilmente di lasciarsi alle spalle ciò che di negativo ha vissuto e si predispone mentalmente con maggiore speranza ed ottimismo ad altri trecentosessantacinque giorni.

La neve l’ultimo dell’anno ci ha fatto riflettere, abbiamo colto un significato diverso in quei fiocchi caduti dal cielo; ci è parso di vedere una Torre a Mare più bella, un paese che per un giorno sotto la coltre di neve ha sepolto tutti i suoi scempi, i suoi problemi, le sue drammaticità. Meraviglioso vedere il porticciolo innevato, per un giorno la sabbia è sparita, ed insieme a lei il tanto atteso dragaggio; fantastico osservare i bimbi rincorrersi e lanciarsi la neve. Tutto era diverso, tutto era poesia, quasi per incanto il tempo si è fermato, al fine di permetterci qualche pensiero, qualche riflessione in merito ad un anno che ci ha lasciato con tanti pensieri e poche speranze.

Una coltre bianca ha accompagnato Torre a Mare nel nuovo anno ma, tirando le somme, cosa davvero il piccolo quartiere può portare con se in questo 2015? La piazza della Torre transennata? Il porto abbandonato alla sabbia e alle alghe? Le strade e i marciapiedi dissestati? Il lungomare prossimo al crollo? I fenomeni di violenza? Le auto danneggiate ed incendiate? Delle giostrine rimosse e mai sostituite? Noi preferiamo pensare che il piccolo Borgo di pescatori porti con se in questo 2015 la ritrovata festa di San Nicola, l’entusiasmo ed il senso di civiltà mostrato durante la manifestazione “Spiaggia Pulita”, una sempre maggiore partecipazione delle neonate associazioni e dei tanti attivisti, un maggiore senso di appartenenza da parte di tutti i cittadini e soprattutto maggiore rispetto da parte di istituzioni ed amministratori.

Vogliamo che il 2015 sia l’anno delle risposte e non delle ennesime promesse e chiacchiere, vogliamo che finalmente qualcuno dimostri rispetto per Torre a Mare e per i suoi abitanti, vogliamo che qualcuno abbia il coraggio di dire”No, non si può fare” e non i classici “Tranquilli, ora facciamo, vediamo, ragioniamo”. Vogliamo che il 2015 sia l’anno del fare e non l’anno del dire. Oggi vogliamo solo augurare questo a Torre a Mare, perché crediamo che se la neve in una notte può coprire con il suo manto bianco ciò che non ci piace, trecentosessantacinque giorni possono risolvere i tanti problemi del piccolo quartiere a sud di Bari.

 

[da La Voce del Paese del 10 Gennaio]

Torre a Mare. Nevicata intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI