Lunedì 25 Ottobre 2021
   
Text Size

RSA: meno servizi, più disagi. Noicattaro perde anche urologia

Noicattaro. RSA front

 

Sempre più “Cattedrale nel deserto”. L’avevamo rinominata così, mesi e mesi fa, ma oggi la situazione non è migliorata, anzi - al contrario - è peggiorata. Stiamo parlando dell’RSA - Residenza Sanitaria Assistenziale - di Noicattaro, sita nei pressi della Chiesa dei Cappuccini.

Chi ha fatto un salto nell’ultimo periodo è rimasto sbalordito. Mancanza di personale - e quando c’è, è inferiore alla richiesta - e servizi che stanno scomparendo. Già, più passa il tempo e più diminuiscono.

Si veda il servizio di urologia, attivo fino a qualche settimana fa con la presenza di uno specialista per due volte a settimana. Questa figura ora non opera più su Noicattaro, negando ad un paese intero la possibilità di poter effettuare visite senza spostamenti. Secondo alcune voci, pare che l’ecografo - attrezzo indispensabile per un urologo - abbia smesso di funzionare, costringendo il medico specialista ad utilizzare quello del Consultorio, che però è sito al primo piano. La cosa è andata avanti, non senza difficoltà, fin quando anche l’ascensore - anche questo indispensabile, per spostare l’ecografo dal primo piano al piano terra - è passato a miglior vita. A questo punto era inutile tenere a Noicattaro una figura professionale così importante, senza che potesse svolgere il suo compito al meglio, e così la nostra struttura ha perso un altro servizio.

“Come è possibile - si lamenta un cittadino - che per fare una visita dobbiamo spostarci a Mola? E chi non ha la macchina? E chi non ha i soldi per fare i biglietti del treno? Abbiamo già tante spese mediche da sostenere!”. Altri nojani hanno denunciato la mancanza di personale all’interno della struttura, la quale causa enormi code al Centro Unico di Prenotazione (CUP), con anziani e diversamente abili costretti ad ore e ore di attesa, in condizioni non proprio ottimali. “Paghiamo le tasse, salatissime, ma che servizi ci vengono offerti?”, è il commento di una signora che, armata di Santa pazienza, attendeva il suo turno in piedi.

Lo scorso 2 Febbraio c’è stato un sopralluogo delle istituzioni, le quali hanno fatto il punto della situazione. Erano presenti il sindaco Peppino Sozio, l’assessore ai Servizi Sociali Alida Palmieri, il Segretario Generale Floriana Gallucci, il presidente dell’Ordine dei Medici dott. Filippo Anelli e la Direttrice del Distretto Socio Sanitario n.11, dott.ssa Maria Tateo. In questa occasione un gruppo di cittadini esausti ha fatto sentire la sua voce.

Stanze vuote, corridoi bui, cantieri aperti qua e là, e controsoffitto a pezzi: questo è il quadro emerso. Uno scenario triste e desolante. “Stiamo assistendo ad una organizzazione generale del mondo della Sanità - apre il sindaco Peppino Sozio - ed in questo momento c’è tanta confusione. Noi, così come la ASL, siamo solo vittima e non possiamo che attendere. Anche perché ci hanno promesso tanti altri servizi, come quello di cardiologia, ad esempio”.

A proposito di attese, per il 13 Febbraio è prevista la sentenza del Tar in merito al ricorso presentato da alcuni Consorzi che hanno partecipato al bando di aggiudicazione dell’RSA di Noicattaro. Pare che una società che fa parte del Consorzio San Raffaele di Milano - risultato vincitore della gara - avesse problemi con Equitalia.    

In questi giorni si stanno tenendo importanti riunioni in merito alla vicenda RSA. Il più importante si svolgerà il prossimo 13 Febbraio, nella Sala Consiliare di Sannicandro, dal titolo “La salute a portata di mano”. Un dibattito pubblico - organizzato dal Gruppo Consiliare regionale del partito Democratico - sulle nuove Residenze Sanitarie Assistite. All’incontro parteciperanno i sindaci di Noicattaro, Sannicandro e di Adelfia, il consigliere regionale del Pd Mario Loizzo, l’assessore regionale alla Sanità Donato Pentassuglia e il Direttore Generale della Asl Vito Montanaro, oltre agli operatori del mondo della Sanità.

In attesa di vedere risplendere quella bellissima struttura, oggi grigia e a rischio chiusura!


[da La Voce del Paese del 7 Febbraio]

Noicattaro. RSA intero 1

Noicattaro. RSA intero 2

Commenti 

 
#11 marisagl 2015-02-19 09:47
A proposito della sentenza del tar dello scorso 13 febbraio e della riunione tenutasi nello stesso giorno a Sannicandro sulla questione RSA con la partecipazione di diverse autorità si sa qualcosa? Teneteci informati, la cittadinanza aspetta risposte
 
 
#10 noya 2015-02-14 12:21
Ciccillo , tu che ti senti tanto scienziato da riprendere le p***** sappi bene che noicàttaro si scrive con la (A) accentata.
Poi inizia a costruire un gruppo di persone che a costo zero vogliano dare qualcosa al paese..
 
 
#9 Ciccillo 2015-02-14 11:17
Noya impara a scrivere, ha senza la h e non dare lezioni di intelligenza gratuite e scrivere scemenze.
Io sono uno di quelli che seriamente farebbe il consigliere a costo zero per il bene di Noicattaro, sottoscrivendolo pubblicamente.
La questione è che nella nostra cittadina i soliti volponi fanno il bello e il cattivo tempo e sono in politica solo per curare il proprio orticello. E' ora di finirla con questa politica per pochi a discapito dei tanti.
Spero solo che un bravo Magistrato un giorno decida di farsi un giretto nel nostro comune non fosse per rispetto e tutela di tutti i cittadini che pagano le tasse per mantenere l'Ente.
 
 
#8 noya 2015-02-14 09:55
bla.bla. parlate , riparlate... ma quanta gente si sente di dare ha questo paese.
Si faccia Avanti che vuol far parte della prossima Amministrazione senza percepire un soldo - fatte salve le spese vive- .
Vediamo chi ha interessi a Governare ha costo zero.!- Solo cosi si andrà a capire chi tiene realmente a Noicàttaro.... è sicuramente mettendo a zero i loro introiti metteranno a zero anche quello degli altri.
 
 
#7 fran 2015-02-13 16:58
Ma date una risposta ai noiani,ma perchè insistete a stare ancora al comune se non siete capaci????????????????
 
 
#6 Pino Fonzoo 2015-02-13 14:31
Scusate ma quando mai il Sindaco si e' interessato di sanita' .Senza presunzione vorrei ricordare che nel corso dell' amministrazione Dipierro riuscii ad impedire che il Servizio di Igiene Mentale fosse trasferito a Mola e , nel corso dell' amministrazione Sozio , riuscii con la collaborazione della consigliera Sportelli ad impedire la chiusura del consultorio a causa del pensionamento dell' ostetrica di ruolo , favorendo il trasferimento a Noicattaro di una nuova ostetrica .Tranne il consigliere Pignataro , penso che ci sia stato disinteresse totale verso la sanita' a Noicattaro .Per quanto riguarda le affermazioni del Sindaco , penso non abbiano bisogno di commenti .STIAMO PROPRIO FRECATI CON QUESTI AMMINISTRATORI
 
 
#5 aspide 2015-02-13 09:46
La frase più desolante del servizio giornalistico, dimenticando le foto che rappresentano in minima parte quello che realmente è lo stato delle cose in RSA, è quella proferita dal sindaco, quando afferma con assoluta nonchalance che, i problemi organizzativi legati al mancato funzionamento dell' Ospedale dei Cappuccini, sia collegato ad un'ipotetica "organizzazione generale del mondo della sanità " per cui Noicattaro sarebbe " vittima " e deve pazientemente attendere....
Dunque, non è bastata un'attesa lunga trent'anni perché, finalmente, il vecchio ospedale aprisse le sue porte ad un'utenza AFFAMATA di servizi.
Quanto ancora bisognerà aspettare secondo le previsioni dell'esimio o meglio, inetto sindaco?
E ancora, ci chiediamo: esiste, nell'agenda del Primo cittadino, una SCALA DELLE PRIORITÀ, che metta realmente al primo posto l'esigenza di cure e assistenza e offerta di Servizi che sia perlomeno pari agli altri comuni del distretto, Mola - Rutigliano?
Perché l'attenzione della sua fallimentare amm ne è solo rivolta alla realizzazione di opere pubbliche, peraltro mal realizzate che , in fin dei conti, non servono a nessuno, se non.........agli Amici del Amici?..... E non, invece, alla risoluzione dei gravi problemi legati al disagio sociale e all'atavica mancanza di servizi prioritari all'interno di un Ospedale sempre più abbandonata " Cattedrale nel deserto "come giustamente sottolineato dal bravo Vito Didonna Jr?
Ci sarebbe ancora molto da dire e scrivere, ma ognuno potrà farsi l'idea di come " non vanno " le cose in questo paese, effettuando un tour panoramico nei corridoi dell' RSA, debitamente arredata, ma non funzionante
(quanto spreco di denaro pubblico!)
Chiudo con due riflessioni mutuate dai commenti di Giacomo Rizzello e Angelo.Cavallo:
"IL CITTADINO SENTE DI ESSERE REALMENTE TENUTO IN CONSIDERAZIONE DALLA POLITICA NOSTRANA? "(Rizzello)
" MOLTI UOMINI POLITICI E NON, A MIO PARERE, FAREBBERO BENE A NON SCOMODARE PAROLONI COME MORALITA, LEGALITÀ, CONCENTRARSI MENO SULLE ETICHETTE E FOCALIZZARE I FINI, CHE NELLA POLITICA, APPUNTO, È LA POLIS.......
( Cavallo )
 
 
#4 pinuccio 2015-02-12 21:36
Prima l***** ...adesso ...sono ...migliorati. L*************
 
 
#3 Ciccillo 2015-02-12 18:42
Mi chiedo quanto tempo dobbiamo aspettare ancora affinché la magistratura penale e quella contabile facciano luce su tutto questo spreco di soldi pubblici, soldi pagati con il sudore dei cittadini.
 
 
#2 fran 2015-02-12 18:28
Questi sono i risultati di una amministrazione comunale fallimentare che abbiamo.
 
 
#1 rafaela 2015-02-12 17:55
che schifo
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI