Venerdì 22 Ottobre 2021
   
Text Size

Birre, buste e cassette. Torre a Mare e il litorale pieno di rifiuti

Torre a Mare. Rifiuti a mare front

 

Passeggiando sul litorale del nostro caro piccolo borgo, non possiamo fare a meno di notare un’infinità di rifiuti che il mare non tarda a restituirci dopo ogni mareggiata: oggetti di ogni genere, materiale e dimensione riempiono le calette e gli anfratti, galleggiano a riva o chiedono disperatamente di essere liberati dagli scogli. Una vera vergogna, soprattutto se si pensa che buona parte di questi rifiuti vengono abbandonati sulle spiagge proprio da coloro che su di esse decidono di passarci del tempo, o ancor peggio lasciati distrattamente scivolare dalle piccole e meno piccole imbarcazioni che navigano a largo delle nostre coste.

Non aver cura dell’ambiente è un vero e proprio reato, e lo è anche restare indifferenti alla vista di così tanto degrado. Occorre agire, ed agire in fretta, il nostro mare si sta ammalando.

Nell’Adriatico, secondo studi di Legambiente, si contano 27 rifiuti galleggianti ogni kmq, la concentrazione di plastica è altissima, quasi il 90% del totale di questi ultimi. È terribile pensare che il 20% di questi arriva proprio dalla pesca e da coloro che di mare vivono.

Reti, polistirolo, frammenti o cassette intere utilizzate per contenere i prodotti ittici, buste di plastica ecc., seguono le correnti e vagano in attesa di raggiungere le nostre spiagge.

Certo, non siamo ancora ai livelli del “plastic vortex” - l’isola di rifiuti galleggianti che si è formata nell’Oceano Pacifico - ma anche nei nostri mari proprio la plastica rappresenta un grave problema ambientale. Le ripercussioni generate dalle tonnellate di rifiuti pericolosi prodotti dall’uomo sono indiscutibili, sia da un punto di vista ambientale che da un punto di vista faunistico; l’ingestione di questi è tra le principali cause di morte di tartarughe e delfini. E sulle coste baresi di tartarughe morte negli ultimi anni ne abbiamo viste davvero tante. L’ultima meno di due settimane fa.

Un altro aspetto inquietante, spesso sottovalutato, riguarda i frammenti più piccoli, la cosiddetta microplastica che viene ingerita dalla fauna marina. Questa entra indirettamente nella nostra catena alimentare causando non pochi problemi al nostro organismo.

La quantità dei rifiuti galleggianti rappresenta solo la punta dell’iceberg, infatti il 70% di tutto quello che entra nell’ecosistema marino - ahimè - affonda: si stima che nell’Adriatico ci sono circa 40 kg di rifiuti sommersi ogni kmq di fondale.

Anche se guardando i dati ci può sembrare difficile risolvere il problema, non dobbiamo perdere di vista che la salvaguardia dell’ambiente passa proprio dalle nostre azioni quotidiane e dai comportamenti che ognuno di noi decide di adottare. Lasciare rifiuti in giro produce sempre un disagio, e danni permanenti al nostro ecosistema.

I tempi di degradazione dei rifiuti nel mare sono lunghissimi, e tante sono le sostanze tossiche rilasciate lentamente da essi. Si pensi che una semplice gomma da masticare si degrada in 5 anni, una lattina di alluminio in 500, plastica, polistirolo, schede telefoniche e simili in 100-1000; un mozzicone di sigaretta in 2-5 anni.

Una buona parte dei Pelosini non si arrende a questo scempio e ogni anno organizza la pulizia della costa. Sono numerosi i volontari e le associazioni che vi partecipano: gente che crede ancora che le cose possono cambiare e che si impegna in prima linea perché questo accada, gente che rispetta l’ambiente adottando quotidianamente comportamenti ecosostenibili e che insegna ai propri figli che anche una sola carta lasciata scivolare con disinvoltura dalle proprie mani rappresenta un gesto grave, un’azione di estrema inciviltà che la nostra terra non merita affatto. 

 

[da La Voce del Paese del 21 Febbraio]

Torre a Mare. Rifiuti a mare intero

Commenti 

 
#2 CITTADINO DELUSO 2015-02-24 09:43
via san filippo neri è peggio...
 
 
#1 fran 2015-02-23 18:30
Non c'è bisogno di andare a torre a mare per vedere queste cose, venite a fare fotografie nella piazzetta Porcelli e vedrete lo stesso degrado.Grazie.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI