Martedì 12 Novembre 2019
   
Text Size

Serata di beneficienza, con il torneo di Burraco dell'ANT

Noicattaro. Michele Decaro ANT front

 

È stato organizzato nella Sala Convegni dell’Istituto Sant’Agostino di Noicàttaro il Torneo di Burraco, a cura della Fondazione ANT - Comitato Noicàttaro. L’evento ludico, svolto la prima domenica di Marzo, è stato l’occasione per reperire fondi per l’assistenza domiciliale per pazienti neoplastici in fase terminale.

“Questo è l’undicesimo anno che l’ANT è presente a Noicàttaro”, ha chiosato il presidente dell’ANT di Noicattaro, dott. Michele Decaro. Operano attivamente sul territorio la dott.ssa Provenzano ed alcuni infermieri che provvedono sia alla terapia sia ai prelievi. La Fondazione ANT - Delegazione di Noicàttaro - è una realtà che esiste nel nostro paese da dieci anni. Oltre alle consuete pratiche svolte con l’ASL, il Comitato aiuta l’ANT Italia Onlus con la raccolta fondi per l’assistenza socio-sanitaria domiciliare oncologica gratuita e prevenzione.

L’iniziativa di indire una gara di burraco “è stata riproposta già negli anni passati, oltre a manifestazioni pubbliche di spettacoli, beneficienze, veglioni e pranzi sociali”, ha precisato il presidente, dott. Decaro. Come di consueto ogni anno, l’offerta delle uova di Pasqua in beneficienza per l’ANT è in programma per il prossimo 15 Marzo. “Avremo una nostra postazione a Parchitello, dove ci saranno i nostro volontari pronti a offrire le uova anche porta a porta o con una catena ormai consolidata negli anni”.

Sorto dal nulla, la Delegazione nojana dell’ANT ha subito una crescita esponenziale sin dall’inizio: “Dieci anni fa abbiamo avuto anche un aiuto dall’allora amministrazione guidata dal sindaco Vanni Dipierro, che ci ha aiutato nell’organizzazione. Ulteriori aiuti sono stati ricevuti anche dal Rotary Club e da tante altre iniziative come quelle con il Laboratorio di Archimede, che collabora costantemente con noi. Per ben dieci anni consecutivi abbiamo curato l’organizzazione del Mercatino di Santa Lucia. Purtroppo lo scorso anno, per problemi personali, ho dovuto abbandonare la gestione e affidarla ad altri validi collaboratori”.

Oltre ai volontari partecipano con il Comitato anche le aziende Dulciar, Divella e commercianti ortofrutticoli. La raccolta fondi va ad integrare la normale domanda garantita dall’ASL territoriale. “Collaborare con l’ANT - Associazione Nazionale Tumori Onlus - significa collaborare con una associazione seria che ha sempre portato a domicilio l’assistenza soprattutto ai pazienti, purtroppo, terminali, dove le strutture pubbliche non possono più fare altro. Noi le assistiamo a domicilio garantendo almeno fino all’ultimo momento l’eubiosia buona vita”. Tuttavia lo Stato e le ASL riescono a coprire a malapena il 25% della spesa necessaria, per questo “l’ANT porta a domicilio un’assistenza socio-sanitaria gratuita, continuativa e integrata a pazienti oncologici in fase terminale, e in alcune zone dell’Italia anche supporto psicologico”, ha aggiunto.

Toni di disapprovazione sono stati rivolti verso l’RSA, ma “in qualità di medico convenzionato qui a Noicàttaro, volutamente non voglio inserirmi in queste problematiche politiche. Tuttavia riconosco essere l’RSA una Cattedrale sprecata; una struttura così enorme potrebbe essere adibita o usata anche per poliambulatorio, invece mi risulta che alcuni ambulatori sono stati spostati a Rutigliano. Purtroppo non so come vengono operate queste scelte di economia”, ha concluso con una smorfia di amarezza.


[da La Voce del Paese del 7 Marzo]

Noicattaro. Torneo Burraco ANT intero

Commenti 

 
#1 Angelo Cavallo 2015-03-14 14:22
Mi chiedo se l'operato di assistenza sanitaria, perché di questo si tratta, se è sostenuta da associazioni private, Onlus etc. Qualcuno ci spieghi dov'è finito il tanto "mitizzato" Stato sociale. Allora stiamo ammettendo che esso, lo stato sociale, non da alcuna risposta cioè ha fallito. Tanto vale ridimensionarlo. Siamo ipocriti e ci prendiamo in giro.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI