Mercoledì 24 Luglio 2019
   
Text Size

Disabilità e barriere, Giuseppe continua a lottare

Noicattaro. Peppe Mazzei front

 

Noicattaro è ancora molto distante dall’essere definito un paese progettato su misura di tutti i suoi abitanti, e l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche, che renderebbero più agevole la vita di coloro che hanno una ridotta capacità motoria e si spostano sulla carrozzina, è ancora oggi un’utopia.

Riportiamo la testimonianza di Giuseppe, cittadino di Noicattaro, che vive in prima persona i disagi che affronta, per svolgere i semplici gesti della vita quotidiana. Attraverso la sua storia, vorrebbe fare da portavoce, anche, per tutti coloro che vivono silenziosamente gli stessi limiti, e che da un po’ di tempo hanno gettato la spugna. Recarsi al bar, andare dal barbiere, raggiungere il centro, provare degli abiti all’interno dei camerini dei negozi, diventa un vero e proprio percorso ad ostacoli.

Per questo motivo lo scorso sabato 21 Marzo, a Noicattaro è venuto l’ormai famoso Nicola Caldarulo, in arte Vitone. Il 42enne barese - che gestisce la pagina Facebook “L’angolo di Vitone” - è molto noto nella provincia, grazie alle sue esilaranti barzellette in tipico stile barese. E non solo. Sulla sua pagina Facebook pubblica costantemente video con i quali sdrammatizza sui temi offerti dal mondo della politica. Con la sua ironia riesce sempre a smorzare i toni, restando sempre pungente.

Così il grande Vitone ha incontrato il sig. Giuseppe, ma i due non hanno potuto prendere un caffè insieme. Non perché i bar fossero chiusi, ma perché il marciapiede impediva a Giuseppe di entrare nel locale. Per questo motivo Nicola Caldarulo ha lanciato un invito al sindaco e al Consiglio Comunale di Noicattaro (oggi sciolto). “Diamoci una svegliata. Per Giuseppe e per tutti gli altri”. In cambio, il simpatico Vitone promette di offrire al sindaco una bella birra fresca. Il video si può facilmente rintracciare su Youtube, o sul nostro sito www.noicattaroweb.it .

Per capire meglio la situazione che vive Giuseppe, percorriamo insieme a lui pochi metri. Ad accompagnarci in questa passeggiata c’è anche Vito Detoma, presidente dell’associazione “Noicattaro Sviluppo”, pronto a prendere atto di una situazione che priva Giuseppe del diritto di sentirsi cittadino come tutti, di questo paese.

Pochi metri sono sufficienti per renderci conto che è necessario essere dotati di pazienza, forza fisica e forza d’animo, per compiere simili gesti eroici, altrimenti l’alternativa sarebbe restare chiusi in casa tra le quattro mura, scoraggiati dal mondo esterno. Il mondo che sta fuori, purtroppo, non è stato realizzato ad hoc per chi presenta dei limiti motori. Ce ne rendiamo conto nel momento in cui ci troviamo d’avanti ad un gradino un po’ più alto, a marciapiedi troppo stretti, alla mancanza totale di scivoli o di fronte alla presenza di scivoli non livellati con l’asfalto, che faciliterebbero l’accesso ai marciapiedi e renderebbero meno faticosa ogni meta da raggiungere. Tutto questo purtroppo manca, mancano veri e propri percorsi adeguati e attrezzati per disabili e questo non fa altro che creare un muro che separa la società da chi ha poca autonomia di muoversi. L’unico mezzo percorribile rimane la strada, che riserva anch’essa brutte sorprese, a causa delle buche presenti sull’asfalto e delle auto che sfrecciano ad alta velocità, trascurando la presenza di altri, meno fortunati, utenti della strada.

Ma Giuseppe è un vero guerriero, non è disposto a stare fermo e subire questa realtà inaccettabile. La sua forza è l’ironia, e appena riusciamo a scovare qualche scivolo, ci fa vedere, divertito, come prende la rincorsa per riuscire ad accedere al marciapiede senza ribaltarsi. Ci spiega come, all’interno del suo percorso di riabilitazione, ha imparato a sapersi destreggiare per evitare le incombenze della strada, dovute alle mancanze di chi non effettua veri e propri atti concreti per ribaltare questa situazione.

L’impegno di Giuseppe vorrebbe far si che questo tipo di realtà non rimangano inascoltate, e spera che un domani gli venga data la possibilità di poter aiutare chi è più fragile di lui, come i bambini e gli anziani, attraverso un efficace ed appropriato servizio trasporto e la creazione di un’associazione per disabili.

Anche Vito Detoma non resta indifferente davanti alle esigenze di Giuseppe, e prende l’impegno di farsi portavoce con gli organi competenti per cercare di inserire le adeguate attrezzature per rendere agibile il percorso ai disabili nel piano di riqualificazione della piazza, che verrà messo in atto dopo Pasqua. Via Carmine e via Console Positano avranno presto un nuovo look e sarebbe un ottimo passo in avanti, per mettere in atto iniziative che sono rimaste inaudite per anni. L’associazione “Noicattaro Sviluppo” si impegnerà a portare la voce di Giuseppe, cercando di riqualificare l’aspetto commerciale, con la prospettiva di mettere a norma le attività commerciali messe a disposizione del pubblico, attraverso l’inserimento di rampe, scivoli e bagni adeguati per chi ha scarsa autonomia motoria.

Questa iniziativa infonde speranza, ma molto ci sarebbe ancora da fare per permettere a Giuseppe e a chi vive la sua realtà, di disporre dei mezzi che permetterebbero loro di vivere la propria vita dignitosamente, in modo da fruire finalmente di quei diritti che davvero li farebbe sentire cittadini di Noicattaro.


[da La Voce del Paese del 28 Marzo]

Noicattaro. Peppe Mazzei intero

Commenti 

 
#7 CITTADINO DELUSO 2015-04-08 06:41
si vede
 
 
#6 Vito Detoma 2015-04-03 10:18
Cittadino Deluso prima di giudicare una persona informati e pubblica il tuo vero nome. Altrimenti il pagliaccio in questione sei tu !

#Domanda... Il sottoscritto è un semplice e umile cittadino che non resta indifferente davanti ai problemi della società .
 
 
#5 CITTADINO DELUSO 2015-04-03 07:45
giuseppe non permettere a questi PA....cci da quattro soldi di usare te la tua persona la tua faccia e il tuo disagio per farsi pubblicità senza che nulla cambi....in questo paese è più importante permettere al bar o alla pizzeria di occupare i marciapiedi che aggiustare le rampe e li stessi marciapiedi è una vergogna..
 
 
#4 domanda 2015-04-02 18:41
"Vito Detoma non resta indifferente"...... Mi sfugge qualche passaggio, ma Detoma chi è?
 
 
#3 fado 2015-04-02 15:08
Bravo pincopallino
 
 
#2 CITTADINO DELUSO 2015-04-02 11:44
L'IMPEGNO RIGUARDA ANCHE PRENDERE PROVVEDIMENTI CONTRO LE PIZZERIE (NON A NORMA) CHE OCCUPANO LO SPAZIO DESTINATO AL PASSAGGIO DEI DISABILI CON TAVOLI E SEDIE...TUTTI SI IMPEGNANO E NESSUNO FA NIENTE COME AL SOLITO
 
 
#1 pincopallino 2015-04-02 10:27
Purtroppo, grazie all'elevato senso civico dei nostri compaesani, tutti i marciapiedi dotati di scivolo per disabili sono occupati da auto in sosta. Mi chiedo cosa giardano i nostri VV.UU. quando girano "a vuoto" per il paese?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI