Sabato 23 Ottobre 2021
   
Text Size

La scuola media Pende ospita “Il teatro dei piedi” della Kibel

.

 

Nell’ambito del progetto “La scuola va a teatro”, lunedì 23 Marzo presso l’Auditorium della scuola Media “N. Pende” è stato messo in scena lo spettacolo dei burattini “Allegro, presto a gambe levate”, di Laura Kibel, a cui hanno assistito gli alunni delle classi 1^, 2^ e 3^ della scuola primaria “A. Gramsci” (alle ore 9.30) e tutti i bimbi della scuola dell’Infanzia “Sabin” (alle ore 11.00).

Lo spettacolo ha ricevuto numerosi consensi da parte del pubblico in sala, e tra grandi e piccini è riuscito a strappare tanti sorrisi e applausi. Il teatro dei piedi è una forma di animazione a metà strada tra il mimo e i burattini, in cui le piccole storie messe in scena dall’artista rappresentano veri e propri sketches senza parole. Laura Kibel, vestita completamente di nero, sparisce dietro ai personaggi da lei stessa creati per raccontare storie che stupiscono e divertono il pubblico di qualsiasi età, cultura e nazionalità. Il suo è un teatro visuale che si avvale del sostegno di musiche ed effetti sonori, e attraverso la magica trasformazione del suo corpo prendono vita burattini espressivi che amano, combattono, piangono o si divertono. “Laura Kibel è molto conosciuta in teatro, e stiamo cercando di portare il suo spettacolo anche nelle scuole. Il teatro dei piedi è rivolto a tutti, e io stessa, nonostante abbia visto numerose sue performance provo emozioni intese come fosse la prima volta”, commenta la signora Susanna, promoter dello spettacolo.

Il teatro di Laura Kibel è stato fortemente voluto sia dal Dirigente Scolastico - prof.ssa Rosaria Giannini D’Ursi - sia dai docenti delle scuole interessate, perchè l’uso dei piedi da parte dell’artista ha portato ad una vera e propria rivalutazione di una parte del corpo tradizionalmente considerata “poco nobile”, e per questa ragione trascurata: “I piedi sono uno strumento prezioso del nostro corpo e sono certamente un altro importante mezzo di comunicazione. Grazie a questo spettacolo i bambini avranno modo di scoprire meglio le potenzialità del proprio corpo e comprenderanno che si può dare libero sfogo alla creatività utilizzando ogni parte della figura umana”, riferisce il Dirigente Scolastico.

Il tipo di esibizione ha lasciato un segno positivo, tanto che nelle prossime lezioni i docenti insisteranno sulla rilevanza dei piedi come componente di comunicazione, e l’attività motoria potrebbe aiutare in questo. Commenti positivi anche da parte della docente della scuola d'infanzia “Sabin”, la maestra Maria Santa D’Addio, che si è occupata personalmente dell’organizzazione dello spettacolo all’interno della scuola, e il cui entusiasmo nei confronti della buona riuscita della performance si tradurrà presto nell’inserimento del concetto “piedi” nel percorso progettuale “Emozioni in gioco”, ossia “una sperimentazione che abbina le emozioni del bambino al movimento”, come anticipato dalla docente.


[da La Voce del Paese del 28 Marzo]

.

Commenti 

 
#2 lisa 2015-04-03 08:14
Grazie alla Preside per aver fatto vivere queste bellissime esperienze ai nostri figli!!!
 
 
#1 sonoio 2015-04-02 21:59
Bellissimo spettacolo!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI