Sabato 15 Dicembre 2018
   
Text Size

Viaggio intorno al mondo, con la Junior Band si può

Noicattaro. Junior Band front

 

Nonostante le avversità del tempo non hanno consentito di presentare il concerto musicale presso il Chiostro del Palazzo della Cultura, l’associazione “Il Setticlavio” non si è persa d’animo è sabato 23 Maggio ha deliziato i suoi spettatori con le musiche della nuova orchestra giovanile Junior Band nel semi circolare auditorium della scuola media “N. Pende”.

Ensemble di fiati, chitarre e percussioni, la Junior Band diretta dalla maestra Margherita Dipierro - pianista e insegnante presso l’associazione “Il Setticlavio” - ha percorso un viaggio intorno al mondo, a cominciare dal Brasile presentato con la canzone “Brazil” per ricordare l’atmosfera del noto Carnevale di Rio, animata da maschere, balli, carri allegorici e l’allegria che caratterizza questo fantastico paese. La Junior Band ha continuato il suo viaggio musicale proponendo le celebri canzoni del Messico con “Mexico” e la “Cucaracha”, per poi passare all’America, alla nazione che “ha sempre sognato di raggiungere, attraverso il lavoro e la dedizione, l’uguaglianza e la fraternità, la libertà e la prosperità”, così come ha detto il Direttore Artistico de “Il Setticlavio”, Chiara Lamorgese. “Qui è dove è nato il jazz ma anche il blues e il soul, il reggae e il rock and roll. Da qui è partito il primo uomo sulla Luna perché loro non smettono mai di sognare traguardi impossibili”. Una nazione che punta ad arrivare sempre più in alto e sfiorare il cielo con un dito. Grattacieli luccicanti si presentano alla vista dell’uomo e “la Libertà” rappresentata con una fiaccola tesa in alto da una mano e nell’altra un libro. L’America, quindi, non poteva che essere omaggiata con la canzone “New York, New York” di Liza Minelli.

Dagli alti grattacieli di New York la Junior Band - nata dalla collaborazione con la Street Band turese “Conturband”, allievi della scuola di musica di Turi -  ha raggiunto il Sudamerica per dirigersi verso la selvaggia Terra del Fuoco e verso le desolate pianure dalla Pampa, ossia l’Argentina. La diversità e la seduzione sono i due pilastri di questo popolo. “Il Tango è un pensiero triste che si balla”, ha detto prof.ssa Lamorgese, e proprio su queste note i piccoli musicisti hanno suonato la passione e la sofferenza del popolo argentino.

Dalla selvaggia Argentina il viaggio ha proseguito e ha raggiunto il cuore dell’Europa: l’Austria. “È la culla dell’aristocrazia e della cultura. Terra di arte e di castelli, di imperatori e di principesse. Culla della musica; qui nasce il genio di Mozart e di Strauss” precisa la prof.ssa Lamorgese. L’eleganza e nobiltà austriaca si fondono nel valzer del Gran Ballo di Vienna e per un attimo la Junior Band sulle delicate note de “Sul bel Danubio Blu” di Strauss ha fatto sognare mamme e bambine.

Il viaggio musicale continua e fa tappa in Spagna e la “Corrida” è il suo simbolo. “Mari e fiumi, alpi e pianure, isole e promontori. Passione e genio; Verdi e Puccini. Follia e ardore. Pizza e polente. Nord e Sud”, dice il Direttore Artistico. “Questo è il paese del sole e del mare. Questo è il paese dove tutte le parole sono dolci e sono amare, ma sono sempre parole d’amore. Benvenuti in Italia”. Il viaggio musicale intorno al mondo termina nel paese più bello del mondo, la nostra Italia; e sulle note musicali di “Iamme Iamme Ia” e l’inno Nazionale, la Junior Band ha concluso il suo viaggio e salutato il suo caloroso pubblico.


[da La Voce del Paese del 29 Maggio]

Noicattaro. Junior Band intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI