Venerdì 22 Novembre 2019
   
Text Size

Processione del Corpus Domini, un rito che nasce nel XIII secolo

Noicattaro. Corpus Domini front

 

Domenica 7 Giugno, alle ore 18.30, il paese di Noicattaro ha celebrato una delle principali festività dell’anno liturgico della Chiesa cattolica: la Solennità del Santissimo Corpo e Sangue di Cristo. Tale rito, per tradizione, si svolge la seconda settimana dopo la Pentecoste.

Come ogni anno, il Corpus Domini (foto di Pino Positano) - custodito nell’ostensorio - è stato portato in processione sotto un vistoso baldacchino, dietro cui hanno sfilato in corteo i sacerdoti delle principali Chiese del paese e l’intera cittadinanza. La solenne manifestazione è partita dalla Chiesa del Soccorso - unico luogo in tutto il paese dove è stata celebrata la Santa Messa serale - e ha coinvolto via Einaudi, via Terracini, via Principe Umberto I, piazza Umberto I, via Carmine, via Perotti, e poi nuovamente via Einaudi, per far ritorno al tempio da cui era partita.

Oltre a un gran numero di fedeli, alla processione hanno preso parte le cinque Confraternite di Noicattaro, fra cui la Confraternita della Passione e Morte di Nostro Signore Gesù Cristo - che ha sede nella Chiesa della Madonna della Lama - e la Confraternita del Santissimo Sacramento - che opera all’interno di S. Maria della Pace. Presenti anche i diversi ordini religiosi, tra cui le Apostole del Sacro Cuore di Gesù, l’Ordine Francescano Secolare (ex convento dei Cappuccini) e i Monaci Agostiniani (Convento della Madonna della Lama). Alla manifestazione hanno inoltre partecipato le più alte cariche politiche locali, l’Arma dei Carabinieri e i Vigili Urbani.

L’istituzione della Solennità cattolica in onore del Corpus Domini risale al XIII secolo ed è legata alla beata Giuliana di Rétinne, priora nel Monastero di Monte Cornelio presso Liegi. La suora, durante un’estasi, vide l’Eucarestia splendere di luce ma deformata da un lato, rimasto in ombra. Da tale visione la suora apprese che Dio le stava chiedendo di far introdurre una solennità in onore del SS. Sacramento, perchè ancora mancante nella Chiesa del suo tempo. Giovanni di Lausanne, il Canonico di Liegi e il direttore spirituale della suora, ottenuto un giudizio positivo da parte di molti teologi del tempo in merito alla visione della suora, inviò al vescovo la richiesta di istituire all’interno della diocesi una festa che potesse venerare il Corpo del Signore. Tale richiesta fu successivamente accolta, ed ecco che da allora la Chiesa Cattolica ogni anno celebra il Corpus Domini, festa in cui viene sancita l’intima relazione che esiste tra la Chiesa e l’Eucaristia, tra i fedeli e il Corpo di Gesù Cristo.

“Gesù è il pane vivo che è disceso dal cielo per divenire nostro cibo. L’Eucarestia è la presenza invisibile del nostro Signore tra noi, e attraverso la Comunione io mi incammino verso di Lui lasciandomi travolgere dalla forza del suo amore”, ci confida una signora che ha preso parte alla manifestazione. “L’adorazione celebrata durante la processione rappresenta l’espressione della fede del popolo cristiano, e la cospicua presenza della cittadinanza la scorsa domenica ne è stata la prova”.


[da La Voce del Paese del 13 Giugno]

Noicattaro. Corpus Domini intero

Commenti 

 
#1 sante 2015-06-16 17:52
Io i carabinieri non li ho visti.
Ma c'erano i marinai in congedo di Noicattaro.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI