Lunedì 25 Ottobre 2021
   
Text Size

Motori, una passione che unisce. Nel ricordo di Ricciardi. Foto

Noicattaro. Memorial Ricciardi 2015 front

 

Come vi avevamo anticipato, durante lo scorso fine settimana, sabato 6 e domenica 7 Giugno, si è tenuta alla Zona Industriale di Noicàttaro la “Festa Motoristica” in occasione del 4° Memorial Giovanni Ricciardi, evento volto a commemorare la figura del pilota nojano precocemente scomparso nel 1981 all’età di 38 anni.

Da sempre attratto dall’automobilismo, oltre che per la sua comprovata abilità alla guida, Ricciardi viene ricordato per l’innata passione per la meccanica e per la perfezione con cui riusciva a far “cantare” i motori, dopo giornate passate a smontare e rimontare minuziosamente i pezzi delle sue auto insieme ad amici e collaboratori. Nelle menti e nei cuori dei suoi compagni d’avventura, però, ancor più che le doti del pilota, sono rimaste vive le caratteristiche umane: la capacità di coinvolgerli dimostrando loro stima e affetto sinceri, l’indole buona e genuina e i principi sani che hanno sempre contraddistinto la sua breve ma intensa vita.

Il Memorial, organizzato dalle associazioni “Noicattaro Corse”, “Moto Club Noja” e “Movimento Nojano”, e sostenuto da vari sponsor, è consistito in una serie di dimostrazioni di varie tipologie di vetture, dai kart di piccola cilindrata (tra i 50 e i 125cc) costituiti da un telaio tubolare in acciaio privo di sospensioni e da un motore, alle generiche auto preparate, che si sono esibiti lungo una pista appositamente allestita nell’ampio piazzale di via delle Regioni. Ci sono state anche esibizioni di drifting, una tecnica di guida che consiste in una “sbandata controllata” dell’auto, le cui ruote assumono angoli di inclinazione diversi slittando in diagonale. Al fianco della pista da corsa, inoltre, è stato realizzato un vero e proprio circuito sterrato, dove le moto da cross e i fuoristrada hanno potuto compiere spettacolari evoluzioni con salti in aria e piroette.

In un’area poco distante dalle piste erano allestiti diversi stand: dalle esposizioni di auto e moto, sia d’epoca che moderne, ai mercatini di semplici componenti, pezzi di ricambio, motori integrali.

Degna di nota è stata, inoltre, la presenza di alcuni membri dell’associazione “Autoclub” di Bari, che hanno conferito delle targhe agli organizzatori e hanno confermato la possibilità di collaborazione futura, prospettando anche l’organizzazione di alcuni corsi di educazione stradale, sia teorici che pratici, rivolti ai piloti da corsa, come quelli che l’Autoclub già realizza nel capoluogo.

Al termine della festa, infine, tutti i partecipanti hanno ricevuto un attestato ed una medaglia, insieme ad una serie di gadget ricordo.

Della buona riuscita dell’evento abbiamo parlato con il signor Onofrio Pagliarulo, presidente dell’associazione “Moto Club Noja”, il quale ha tenuto a precisare che la Festa Motoristica, non volendo essere una ‘sfida’ o una gara tra contendenti, ha visto i partecipanti entusiasti di mettersi alla prova in un clima di socializzazione di una passione così particolare, animati solo dalla voglia di divertirsi. Alla nostra domanda riguardo alle iniziative più specificamente finalizzate a ricordare Giovanni Ricciardi, il signor Pagliarulo ha raccontato lo svolgimento di una parata, nella mattinata della seconda giornata, aperta da alcuni dei meccanici che in passato hanno lavorato insieme al pilota, oggi vicini alla scuderia con la loro competenza. Inoltre, durante la manifestazione è stato suggestivo l’intervento dell’anziano Vittorio Bernasconi, compagno di lavoro e amico del Ricciardi, che ha condiviso con i presenti piacevoli ricordi e aneddoti legati alle esperienze vissute con il collega.

Il signor Pagliarulo, concludendo, ha rivolto un appello ai giovani appassionati di auto e moto: “Sarebbe bello realizzare il sogno di Ricciardi, il progetto, incompiuto, di formare una scuderia vera e propria, di coinvolgere in una squadra tutti coloro che fossero animati dalla sua stessa passione. Rinnovo, quindi, il mio invito ai giovani che vogliano dare un seguito alla sua idea: manteniamo vivo questo ideale”. Possano i motori della scuderia continuare a rombare.


[da La Voce del Paese del 13 Giugno]

Qui alcune foto, a cura di Filippo Dioguardi.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI