Mercoledì 01 Dicembre 2021
   
Text Size

Protestano i residenti: “Questa villetta non è una discarica!”. Foto

Noicattaro. Villetta-discarica via Desimini front

 

Tante sono le denunce e gli articoli che abbiamo scritto riguardanti il degrado presente nelle vie noiane a causa della poca pulizia; questa volta la denuncia parte dei residenti di via Desimini e via Incoronata, i quali lamentano della sporcizia che - costretti a vedere quotidianamente - si annida nella villetta che raccoglie le due vie, finanziata originariamente dai Fondi Europei di Sviluppo Regionale (FERS) ripartiti tra provincie e Comuni nel 2007.

Effettivamente, dal viale al centro della piazzetta, non si può far a meno di notare, bottiglie di plastica, cartoni, pacchi e cicche di sigarette, alberi con rami spezzati, escrementi e tanto altro ancora. Gli stessi residenti, ormai, più che definirla “villetta” la definiscono una “discarica”.

Dinanzi a questo scempio possiamo dire che, sicuramente, l’inciviltà e la superficialità del cittadino è tanta e soprattutto grave ma sicuramente tanta è anche la responsabilità di chi è addetto alla pulizia del paese e non assolve alla propria prestazione o probabilmente non è posto nelle condizioni di farlo. I residenti si chiedono perché, pur pagando la tassa - comunemente chiamata “Tassa sui Rifiuti”, TARI - la loro villetta viene dimenticata e lasciata morire. Le motivazioni possono esser tante ma tra i vari interrogativi quello più frequente è: “Probabilmente perché non la troviamo al centro del nostro paese?”. Ma questa non sarebbe una giustificazione valida, neppure per arginare le conseguenze negative che derivano da questa situazione e che si ripercuotono sulla salute, sul benessere e sulla vita sociale dei residenti o più in generale sulla cittadinanza noiana.

Le lamentele nascono anche perché qualche settimana fa è stata tagliata l’erba delle aiole, che per mesi è stata lasciata crescere smisuratamente, solo che, ad oggi, oltre ai rifiuti inorganici presenti, in questa villetta si trovano cumuli di erba secca che nessuno ha rimosso.

Parliamo di un’area che può essere utilizzata dai bambini per giocare o come punto di ritrovo per ragazzi e adulti non solo della zona ma di tutto il paese. In conclusione, ben vengano iniziative plateali che hanno lo scopo di riunire la cittadinanza e far si che questa non emigri in altri paesi della provincia purché, prima, si curino queste aree - ab origine - previste per il benessere, la valorizzazione del paese e probabilmente per l’intrattenimento, che oggi non è possibile utilizzare.

I residenti, oltre a sperare in risposte motivate soprattutto, chiedono che concretamente si faccia qualcosa, in altre parole che qualcuno vada a ripulire e che questo lavoro venga fatto almeno ogni settimana.


[da La Voce del Paese del 1° Agosto]

Qui alcune foto.

Commenti 

 
#2 py 2015-08-04 19:17
e se vediamo il parco diventato il ca*****o dei cani.ormai ci portano tutti i cani a pascolare li dentro,ci si cammina scansando le feci..e i vigili dormono,fuori c'è un cartello del divieto...
 
 
#1 pincopallino 2015-08-04 14:19
Quello è solo uno scorcio del paese. La sporcizia ormai regna ovunque e non diamo la colpa solo a chi non pulisce. Quello schifo è stato creato dai nostri cari Noiani....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI