Lunedì 24 Giugno 2019
   
Text Size

Muore un topo. Fatale l’ultima scorpacciata vicino il bidone

Noicattaro. Topo morto via Mazzini front

 

Avvistato ennesimo ratto morto in strada. Questa volta in via Giuseppe Mazzini, nei pressi del parco comunale.

Nonostante sia posizionato quasi al centro del percorso, ad un primo distratto passaggio non è facile notarlo, perchè facilmente confondibile con buche o cartacce in strada ormai all’ordine del giorno. Il colore della carcassa e la posizione deformata permette poi la totale mimetizzazione con l’asfalto sopra cui è stato rinvenuto, e sarà per questo motivo quindi che nessuno tra coloro i quali sono delegati a pulire la strada è ancora intervenuto.

Eppure la zona è abbastanza frequentata dai cittadini nojani perchè permette l’accesso ad uno degli ingressi del parco, soprattutto durante la bella stagione, e non è difficile immaginare la reazione dei tanti genitori alla vista del topo morto mentre accompagnano i loro pargoli nell’area a verde. La via poi, essendo a senso unico per quanto riguarda il traffico veicolare, è spesso adoperata da bimbi che in sella alle loro bici pedalano in attesa di giungere al parco e accedere all’area giostrine, completamente ignari di quell’essere che potrebbe sfiorare i loro piedi o qualche altra parte del corpo se avvenisse una caduta accidentale, proprio nel punto in cui giace.

“Che dire, sono allibito. Passo spesso da queste parti perchè sono un corridore e frequento il parco, ma confesso che non mi sono mai accorto del roditore. Strano, perchè dallo stato di conservazione si evince chiaramente che è lì da parecchi giorni. Come al solito l’inefficienza dei netturbini è sotto gli occhi di tutti e, strano ma vero, il cassonetto dell’immondizia è proprio lì a due passi”, riferisce un cittadino.

La presenza di topi, che siano morti o in vita, solleva ancora una volta la questione rifiuti in strada, perchè è dall’accumulo di spazzatura che questi roditori traggono sostentamento, e l’abbondante offerta di cibo causa l’aumento massiccio dei loro simili.

Inoltre, perchè il corpo si deponga completamente è necessario il trascorrere di molte settimane, e la mancata rimozione della carcassa, unitamente alle alte temperature di questi giorni, potrebbe causare la trasmissione di batteri e il generare di cattivi odori.


[da La Voce del Paese dell'8 Agosto]

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI