Domenica 20 Gennaio 2019
   
Text Size

"Traveling", le opere di Domenico Posteraro in mostra

Noicattaro. Mostra Domenico Posteraro front

 

Sarà in esposizione fino a domenica 15 Settembre, la mostra dell’artista Domenico Posteraro, dal titolo “Traveling”, presso la pinacoteca del Palazzo della Cultura.

Domenico Posteraro è un artista originario di Molfetta; lavora nel sistema artistico da più di 40 anni e da più di un anno ha inaugurato una galleria/laboratorio artistico a Noicàttaro. Domenico ha attraversato diverse fasi artistiche e sperimentato diverse tecniche nel corso della sua vita: si è avvicinato al fashion, si è occupato di design, di architettura, di pittura e di moda. Nell’ultimo periodo, invece, si è avvicinato molto al design dei gioielli. Un’artista a tutto tondo “che si lascia sempre ispirare da tutto ciò che è arte”, ha detto la dott.ssa Sabrina Delliturri, che in qualità di storico d’arte ha aperto la mostra giovedì 3 Settembre.

La rassegna racchiude una serie di spunti e ritagli ricavati da altre precedenti produzioni di Posteraro, ed è intitolata Traveling proprio per ripercorrere quelle che sono state le ultime produzioni dell’artista in maniera frammentata. La mostra va ad osannare due generi di omaggi differenti: da una parte l’omaggio ai fiori, e dall’altro sono stati omaggiati artisti di fama mondiale quali Modigliani, Dalì, Morandi rivisitati con i colori di Posteraro, pur restando fedele alla loro arte. Nonostante si tratti di un omaggio c’è, tuttavia, l’impronta dell’artista; ossia la tecnica di sovrapporre una serie di stili. “Ci sono delle opere, in particolare, in cui si è voluta integrare la parola; un linguaggio secondario alla raffigurazione stessa”, ha sottolineato la dott.ssa Delliturri. “Altro elemento prettamente determinante è l’apporto di materiale non artistico su tela”.

Il tema floreale è stato un po’ rivisto. L’opera “Fiore a Venezia”, ad esempio, non è il classico vaso dei fiori ma vi è continuità nel vaso dove è possibile osservare le varie sfumature del vetro”, ha precisato Posteraro. “Oppure in un’altra opera è possibile osservare vetro di murano. Il fiore è il filo conduttore con il quale il visitatore viene condotto nelle varie città italiane; ogni opera richiama una città o un’artista”. Un’ulteriore spiegazione alla scelta del titolo è dettata dal fatto che le opere di Posteraro vanno viste con occhi contemporanei, attuali, ma parallelamente traveling è un viaggio che sta a significare in maniera trasversale il termine stesso: viaggio attraverso le diverse epoche nelle quali si omaggiano artisti che vanno dal Medioevo ai giorni nostri; viaggio all’interno di vari stili in quanto si utilizzano una sovrapposizione di stili appartenenti a diverse epoche. Questa è l’ottica con la quale ammirare le opere di Posteraro. Avvicinarsi con la curiosità di scoprire quello che c’è dietro a quello che apparentemente si vede; oltre alla sovrapposizione di canali, di stili, di chiavi di lettura e molteplicità dei linguaggi.

Al termine della mostra è stato offerto un rinfresco per ringraziare gli ospiti e brindare la decisione di donare al Comune di Noicàttaro il ritratto di Bacco, il Dio del vino, realizzato grazie all’ispirazione di due bozzetti di Michelangelo, esposto presso la pinacoteca del Palazzo della Cultura.


[da La Voce del Paese del 12 Settembre]

Noicattaro. Mostra Domenico Posteraro intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI