Lunedì 17 Giugno 2019
   
Text Size

“Giubilanti con Maria, nostra Patrona e Soccorso”. Foto

Noicattaro. Giubileo Parrocchiale front

 

Ed è iniziata lo scorso 8 Settembre, festa della natività della Vergine Maria, la settimana dedicata alla Madonna. Sette giorni densi di spiritualità ed eventi che interesseranno i cittadini nojani con catechesi, Messe, concerti meditativi e serate della tradizione.

La Chiesa S. Maria del Soccorso ospiterà - un qualcosa mai accaduto prima! - la statua della Madonna del Carmine fino al 14 Settembre, per ricordare e festeggiare il Giubileo Parrocchiale, dal 1990 al 2015, dal titolo “Giubilanti con Maria, nostra Patrona e Soccorso”. La giornata si è aperta con la celebrazione della Santa Messa presso la Chiesa del Carmine. A dare il benvenuto ai fedeli è stato don Giuseppe Bozzi, invitando a “riempire questo piccolo evento con tanta fede, attratti dalla bellezza di questa donna che ha accettato il progetto di Dio”. La Messa è stata presieduta da don Angelo Latrofa, che durante l’omelia ha disegnato Maria come “il Tempio nuovo di Dio”, Tempio come cantiere in quanto abitazione di Gesù, Tempio dello Spirito Santo come lo siamo noi, Tempio perché madre e Tempio vivo e animato grazie alla fedeltà e all’alleanza. Dobbiamo imparare a dire sì per accogliere il Signore, proprio come ha fatto Lei, ponendoci due domande essenziali: “Siamo vivi?” e “ Ci sentiamo portatori dello Spirito di Dio?”.

La devozione e il senso di appartenenza al paese hanno fatto sì che la Chiesa fosse piena di fedeli immersi in un forte momento di preghiera e raccoglimento. Al termine della celebrazione è iniziata la processione della Sacra immagine della Madonna del Carmine verso la Chiesa del Soccorso, passando per via Perotti e via Einaudi, recitando un semplice Rosario e lodando la Madonna con canti.

Appena arrivata in Chiesa, la statua è stata accolta gioiosamente e dal saluto del parroco don Giovanni. La Chiesa, edificandosi, può essere portatrice di Gesù e dello Spirito Santo. Il sacerdote ha invitato i fedeli a lasciarsi condurre dalla Madonna che è maestra e guida.

Dopo la Veglia Mariana è iniziata l’adorazione notturna con l’esposizione del Santissimo, proseguita fino alle 7,00 del mattino, che ha visto la partecipazione dei fedeli in adorato silenzio, dedicando un po’ del loro tempo alla Madonna con preghiere e ringraziamenti personali.


[da La Voce del Paese del 12 Settembre]

Qui alcune foto, a cura di Lorenzo Ardito.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI