Lunedì 16 Settembre 2019
   
Text Size

Festa per strada, gli alunni nojani inaugurano la stagione dell’Exviri

Noicattaro. Parata inaugurazione Exviri 2015 front

 

Nel primo weekend di Ottobre il nostro paese si è colorato di musica, animazione e letteratura per l’inaugurazione del Laboratorio Urbano Exviri, in collaborazione con la cooperativa dei Teatri di Bari - il nuovo Teatro Abeliano e il Teatro Kismet - e il Teatro Fantarca, così come citato nel giornale della scorsa settimana.

I festeggiamenti per la nuova stagione dell’Exviri sono iniziati sabato mattina con la parata dei “Giganti Arcobaleno”. Le grandi marionette hanno sfilato per il nostro paese accompagnate dai bambini delle scuole primarie nojane - che durante la settimana si sono occupate della realizzazione - le maestre, i genitori e gli artisti dei Teatri di Bari e Fantarca.

La parata è partita delle scuole di appartenenza e si è diretta verso piazza Umberto I. Lungo il tragitto i bambini, insieme agli artisti dei Teatri di Bari e Fantarca, hanno attirato l’attenzione dei nojani urlando a squarciagola: “Attenti abitanti, arrivano i giganti!”. Per non passare inosservati e prima di ritrovarsi tutti in piazza, i giganti e i bambini della scuola “Gramsci” hanno sfilato per le vie cittadine accompagnati anche da un trampoliere, mentre i bambini della scuola “De Gasperi” hanno attraversato il paese con giovani che suonavano tamburi e tamburelli.

Tutti insieme - in piazza - a ritmo di musica hanno fatto ballare i “Giganti Arcobaleno” e hanno festeggiato la nuova stagione dell’Exviri.

Festeggiamenti che sono proseguiti nel pomeriggio di domenica 4 Ottobre, nello spazio antistante la Chiesa S. Maria del Carmine, dove ci sono state varie esibizioni dedicate ai più piccoli e alle famiglie. In particolare c’è stato uno spettacolo di burattini dove i protagonisti sono stati i bambini stessi, che hanno interpretato la famosa scena del balcone della storia di Romeo e Giulietta, di Shakespeare, aiutati dal sig. Enzo il quale, successivamente, ha fatto vedere a tutti i bambini e genitori presenti come si può inventare una storia, improvvisando.

È seguito poi un altro spettacolo, dove a recitare questa volta è stata un’attrice degli artisti dei Teatri di Bari, che ha rappresentato in primis il “giullare del Conte di Bel Poggio”, cioè il servitore del Conte, impegnato nell’organizzare una festa per la sua amata Madama dell’Alice, e “Lesbina”, la servitrice della Madama che parla in rime e che balla la più nota danza meridionale, la Pizzica.

Il pomeriggio dedicato ai bambini si è concluso con tanta musica, suonata dal vivo dai ragazzi dei Teatri di Bari.

Coinvolgente e suggestivo è stato lo spettacolo che si è tenuto domenica intorno alle 20.30, dove Vito Signorile, direttore artistico del Teatro Abeliano, ha letto e tradotto in dialetto barese alcuni canti della Divina Commedia di Dante Alighieri, il tutto davanti alla maestosa chiesa S. Maria del Carmine, con luci soffuse e la rilassante musica di una chitarra suonata dal vivo. Questo momento è stato molto apprezzato dal pubblico nojano, che ha ascoltato con attenzione.


[da La Voce del Paese del 10 Ottobre]

Qui alcune foto.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI