Martedì 19 Marzo 2019
   
Text Size

Matematica e zucchine. A Torre a Mare inaugurato l'Orto Didattico

Torre a Mare. Inaugurazione Orto Didattico front

 

Un ritorno alle origini, un tuffo nella cultura contadina, l’antica arte della terra mescolata all’entusiasmo di circa 250 bambini. Questo il risultato del progetto “Orto Didattico” della Coldiretti. Una didattica a trecentosessanta gradi, che abbraccia cultura e tradizione: quindi non solo addizioni, sottrazioni, temi e compiti in classe, ma anche germogli, piante e terra. Un progetto che unisce la classica didattica scolastica a quella all’aria aperta, fatta di conoscenza diretta, comprensione e valorizzazione dell’importanza dei vari cicli biologici che ogni giorno ci permettono di gustare i prodotti della nostra terra.

Ebbene da martedì 10 Novembre i giovanissimi studenti di Torre a Mare potranno toccare con mano la crescita dell’orto scolastico, allestito nel cortile dalla Coldiretti, al fine di comprendere il miracolo della crescita, e raccogliere i frutti della terra. Il progetto della Coldiretti ha trovato il favore dell’amministrazione comunale e delle scuole, dando vita ad un qualcosa di unico.

L’Istituto Comprensivo “Japigia II-Torre a Mare”, sapientemente diretto dal Dirigente Scolastica - dott.ssa Annamaria Lagattolla - non è nuova ad iniziative del genere. Da sempre Dirigente, corpo docenti e genitori si prodigano per promuovere e realizzare iniziative didattiche alternative. La conoscenza e la consapevolezza si connotano come elementi fondamentali nel processo di crescita culturale degli studenti, la didattica extrascolastica avvicina i giovani alunni ad un qualcosa che va oltre le tabelline. Assistere alla cerimonia di inaugurazione è stata un’esperienza unica. In passato siamo stati ospiti della Dirigente ed abbiamo testimoniato numerosi eventi, ma ogni occasione è ossigeno per l’anima.

I circa 250 alunni della scuola Mameli hanno sfilato, ballato, cantato e realizzato siparietti divertenti, per la gioia dei numerosi genitori intervenuti. Ancora una volta Dirigente, docenti e genitori hanno collaborato, convogliando energie e comunione d’intenti nel solo ed unico fine di regalare gioia e sorrisi ai piccoli umani. I ragazzi di quinta hanno ballato la pizzica, altri hanno fatto girotondi di festa, altre classi hanno cantato e raccontato l’importanza della sana alimentazione e dello sfruttamento sano della terra, sottolineando la circostanza del miracolo di madre natura. Come sempre in cabina di regia la dott.ssa Lagattolla e il suo corpo docenti, maniacali e perfetti, ma anche il contributo delle mamme è stato fondamentale.

La Coldiretti ha offerto confetture di frutta, che sono state spalmate su centinaia di fette di pane e offerte ai giovani protagonisti della giornata dalle mamme. L’orto è stato inaugurato con tanto di taglio del nastro, le piantine sono state poi piantate dai giovanissimi, con l’aiuto di Giuseppe Tanzi, un papà che è stato nominato ufficialmente custode dell’orto e che nei prossimi mesi si dedicherà alla sua cura insieme agli alunni.

Un orto che si rispetta deve avere anche uno spaventapasseri, che a Torre a Mare non poteva assolutamente mancare. Realizzato dalle mamme e dai papà, l’uomo di paglia a grandezza naturale è stato posizionato e vigilerà sull’orto.

La Coldiretti in persona del suo rappresentante si è detta entusiasta del progetto, che mira a sensibilizzare e far conoscere ai più giovani l’importanza della terra, del suo ciclo biologico e del sacrificio che ogni giorno anima agricoltori ed allevatori. Il fine ultimo è quello di far comprendere ai ragazzi temi importanti come la sostenibilità dell’alimentazione, l’importanza di un’alimentazione sana e completa. Un progetto davvero fantastico, che ha trovato il favore dell’amministrazione comunale che, in persona del presidente del Primo Municipio Micaela Paparella e del suo Vice Presidente Lorenzo Leonetti, ha ribadito l’impegno per la realizzazione di progetti come questo, che mirano di fatto a fare comunità e che trovano sempre più spesso il favore di tanta gente.

La Scuola “Mameli” è stata la prima ad avere il suo orto, ma a breve altre due scuole del Primo Municipio disporranno di un orto da gestire e far crescere. Durante la cerimonia il Dirigente Scolastico ha reso noto al pubblico che il professor Vino ha destinato, agli alunni più meritevoli, due borse di studio dell’importo di 500,00 euro ciascuna, in memoria della moglie, la professoressa Sciannameo, esempio di dedizione e disponibilità per i suoi alunni e per l’intero quartiere. Un gesto nobile che ancora una volta dimostra il grande cuore della gente di Torre a Mare.

Impossibile restare impassibili innanzi a questi eventi: vedere i sorrisi stampati sui volti di 250 bambini è impagabile, un tuffo al cuore, senza scorciatoia alcuna. Tante piccole manine che affondano nella terra scura per piantare un piccolo germoglio, che si trasformerà in un miracolo, un ritorno a quei sapori ben noti alle generazioni passate.

Ancora una volta Torre a Mare, ancora le nostre giovanissime speranze, ancora l’Istituto Comprensivo “Japigia II-Torre a Mare”, ancora una volta orgogliosi dei nostri ragazzi, sempre più al centro di un progetto di formazione globale, fatto di impegno e dedizione.


[da La Voce del Paese del 14 Novembre]

Torre a Mare. Inaugurazione Orto Didattico intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI