Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

Discariche a cielo aperto. Dal Comune: "Facciamo un patto?"

Noicattaro. Rifiuti contrada La Vela front

 

Il recente e costante problema delle discariche abusive - si veda contrada La Vela, giusto per citarne una - ha fatto emergere alcune riflessioni, alcune anche provocatorie.

Una chiacchierata con il Dirigente responsabile del servizio di Igiene Urbana ha fatto emergere una sorta di “problema contrattuale” tra il Comune di Noicattaro e la Camassambiente, la ditta vincitrice dell’appalto. Come da bando, infatti, la Camassa è responsabile della raccolta dei rifiuti “porta a porta”, secondo il calendario prestabilito. Chiedere alla ditta di ripulire gli immondezzai nelle campagne o in zone periferiche del paese sarebbe come chiedere ad un cameriere di cucinare per 200 persone, oltre che servire le portate.

Anche perché la differenza tra bonifica e raccolta è notevole, sia in termini di forze umane che in termini di mezzi meccanici. Due cose completamente diverse.

Insomma, la bonifica delle aree è qualcosa di extracontrattuale, e quindi, qualora venisse fatta, avrebbe un costo “extra”, appunto, che ricadrebbe sicuramente sui contribuenti. Come la bonifica dell’area esterna del CCR, per la quale il Comune ha speso circa 20.000 euro.

“Facciamo un patto con i cittadini”, continua il Dirigente. “Il Comune si impegna, per l’ennesima volta a pulire, ma la gente deve prendersi cura di quell’area, non riempiendola di rifiuti dal giorno seguente”. Un patto che ha bisogno di pazienza.

I cittadini non possono pretendere di avere il cameriere dietro dietro. È necessario il supporto delle telecamere, o l’appostamento dei cani, della Guardia di Finanza, delle Guardie Ecozoofile, dei poliziotti o dell’esercito, per costringere i cittadini a non sporcare nuovamente quelle zone “a rischio”? Noi speriamo di no, perché crediamo nella materia grigia presente nella testa di ognuno dei nojani. O dobbiamo farci dire che siamo fessi?

No. Il cittadino va educato, proprio come un bambino, con “mazz’e panell”.

Qualora questo non bastasse, potrebbero arrivare segnali forti dal Comune, come quello di non pulire più!


[da La Voce del Paese del 21 Novembre]

Commenti 

 
#5 G & B 2015-11-29 11:32
Hanno pulito da poco le strade della zona "La Vela" ma già ci sono dei rifiuti. Basta! Bisogna sanzionare questi incivili
 
 
#4 rutiglianese 2015-11-27 13:54
Fate ridere
 
 
#3 angelo1 2015-11-27 00:37
Il paese è una vera schifezza.
Sanzioni e basta.
Tolleranza zero
 
 
#2 noiana 2015-11-26 19:37
Basta percorrere le strade del paese e vedere quanta inciviltà c'è.E' necessario sanzionare, sanzionare e sanzionare tutti anche chi ripone i rifiuti fuori casa senza il bidoncino, è uno schifo la mattina, il paese è una discarica a cielo aperto. Basta
 
 
#1 Rispetto 2015-11-25 16:05
Non ci sono parole per il comportamento di questi incivili
Ma anche per la ditta che si occupa del servizio perché le strade del centro abitato sono sporche specialmente di carte che rimangono lì per varie settimane
Non spazzano mai
E questo non è da esempio da parte loro
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI