Mercoledì 23 Gennaio 2019
   
Text Size

Allestito il presepe firmato da Gaetano Dibenedetto

Noicattaro. Presepe Dibenedetto front

 

Presepe si, presepe no. Dopo varie peripezie, anche quest’anno Noicattaro avrà il suo presepe, simbolo del Natale e della tradizione cristiana, creato interamente dal signor Gaetano Dibenedetto. Fino a qualche settimana fa non era chiaro se si sarebbe realizzato e lo stesso artigiano, a malincuore, era sul punto di lasciare i suoi attrezzi da lavoro e dire “bye bye” alla sua più grande passione. Il Comune, ci ha raccontato, non ha contribuito in nessun modo alla realizzazione del manufatto, e tanto meno è stato possibile creare una qualche forma di collaborazione tra le varie associazioni locali.

Inizialmente le cose non promettevano nulla di buono e, c’era da immaginarselo, sono state sollevate diverse polemiche. Nonostante i vari no e il “menefreghismo” di Palazzo di Città, Gaetano si è rimboccato le maniche e ha portato a termine una creazione che ogni anno cattura l’attenzione dei nojani e non solo. Centinaia sono le persone, infatti, che ogni anno ammirano, quasi con aria incredula, l’opera. Le sue creazioni e presepi, esposti in occasione di eventi natalizi a Conversano, Mola di Bari e Turi, sono state premiate e, a quanto pare, solo il nostro paese non riesce ad apprezzare e a dar merito ad un’artista che, oltre alla tecnica e bravura, ci mette cuore in quello che fa.

Gaetano, 76enne in pensione, realizza da anni il presepe per passione e perché spinto da un forte credo religioso. Una passione maturata sin da bambino, all’età di soli 12 anni, quando si dilettava con materiali di facile lavorazione: legno, carta, sughero, polistirolo e terracotta. Lui la chiama arte, e chi lo realizza è un’artista. In effetti, vedendo il presepe - realizzato in pietra leccese - si resta a bocca aperta e si può giustamente parlare di opera d’arte. “Non è stato per niente facile”, ci racconta l’artigiano. Dopo il no dei “vertici”, Gaetano ha voluto rendere ugualmente omaggio al suo paese e “dare uno schiaffo morale a chi non ha creduto nel progetto”. Infatti, quando si realizzano opere di questo genere, diversi sono gli intoppi, dal trovare un locale idoneo per allestire il presepe al trovare gli sponsor.

Noi della redazione ci siamo recati sul posto, in un locale caratteristico su Corso Roma (civico 53), dove Gaetano trascorre la maggior parte del suo tempo per ultimare il lavoro, e abbiamo dato una sbirciata all’opera in fase di esecuzione. Il manufatto coniuga bene diverse culture: l’ambientazione, oltre a richiamare la tradizione paesana e contadina di Noicattaro, riprende anche alcuni elementi della cultura bizantina.

Gaetano, insieme ai suoi figli, ha iniziato a realizzare statuine artigianali circa 5 anni fa, e ogni anno il presepe, con l’introduzione di nuovi blocchi, si rinnova. Un’evoluzione affascinante che permette ai visitatori di fare un tuffo nella storia cristiana. In origine l’opera era di dimensioni ridotte sino ad avere le seguenti dimensioni: 4mt x 4. Tanti sacrifici e notti insonni per raggiungere un simile risultato.

Sarà possibile ammirare il presepe, allestito in un locale su Corso Roma, sino a metà Gennaio. La redazione, portavoce dell’intero paese, ringrazia il signor Gaetano Dibenedetto e i suoi figli per aver regalato ai cittadini una grande opera, ricreando l’atmosfera del Natale.


[da La Voce del Paese del 19 Dicembre]

Noicattaro. Presepe Dibenedetto intero 1

Noicattaro. Presepe Dibenedetto intero 2

Commenti 

 
#1 Lionsnoja 2015-12-28 10:15
Opera da grandi maestri, bravo Gaetano per l' impegno che hai dedicato a questa magnifica opera d'arte. Complimenti
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI