Giovedì 17 Gennaio 2019
   
Text Size

Pro Gioventù, la dott.ssa Gasparre: “Vincere non è tutto”

Noicattaro. La psicologa Gasparro front

 

Ormai parte attiva del territorio in quanto operante sullo stesso da ben 26 anni, la Pro Gioventù Noicattaro ha voluto l’incontro “Psicologia dello Sport”, svoltosi lo scorso 16 Dicembre presso la Biblioteca comunale con la presenza della relatrice nojana, la dott.ssa Anna Gasparre, psicologa e psicoterapeuta.

Come rende noto la relatrice, in età evolutiva lo sport rappresenta un contesto dove esprimere liberamente le proprie pulsioni e i propri desideri, riuscendo a dare sfogo all’energia fisica e alle tensioni del quotidiano. Di fronte ai cambiamenti repentini del fisico, è possibile costruire un’immagine di sé positiva, sviluppando al contempo una visione ottimistica del futuro e della vita.

Nello sport si apprendono e si mettono in pratica le regole del vivere sociale, pena il mancato raggiungimento del comune obiettivo prefisso. Genitori e allenatori sono i destinatari di questa esperienza, venendo appagati di riflesso. La psicologia, tuttavia, va oltre il raggiungimento del mero risultato, vedendo lo sport come un vero e proprio progetto educativo. Risulta di estrema importanza abbandonare l’idea abbandonare del gioco competitivo, dello sport agonistico, in quanto la prestazione non è solo il frutto di abilità tecniche e atletiche, ma anche di elementi soggettivi e caratteriali, quali lo stato d’animo, le paure e le ansie, come ad esempio accade quando sussiste un’eccessiva pressione da parte degli allenatori o quando vi sono delle aspettative molto elevate da parte dei genitori o, caso ancora peggiore, quando si è in presenza di un genitore svalutante. Tali situazioni provocano frustrazione con conseguente perdita di interesse nel ragazzo, il cui esito sarà quello dell’abbandono, con possibili conseguenze sullo stato di salute psico-fisica.

I ragazzi non possiedono la capacità di dare alla vittoria o alla sconfitta il giusto peso, sottovalutando o sopravvalutando se stessi nell’uno e nell’altro caso. Mentre la sconfitta deve costituire un’esperienza d’apprendimento poiché non esiste un apprendimento senza errore, vincere non significa successo: è un obiettivo importante, ma non è tutto!


[da La Voce del Paese del 19 Dicembre]

Commenti 

 
#6 Sicuro? 2015-12-24 13:02
Non ho mica detto di non aver commesso errore. Ho semplicemente invitato alla calma. Ricambio l'augurio
 
 
#5 Sicura? 2015-12-24 12:16
Aeee @sicuro? stai tranquillo tu, che hai commesso l'errore. Conosco la dott.ssa Gasparre da tempo, e non mi si può insegnare oggi il suo cognome.
Buon Natale!
 
 
#4 Sicuro? 2015-12-24 11:27
Non tanto come a te Sicura? a giudicare dall'aggressività che sprigioni. Keep calm: è Natale!
 
 
#3 Sicura? 2015-12-24 10:53
Si chiama Gasparre, e non Gasparro. A te il Natale ti fa male eh @sicuro?
 
 
#2 Sicuro? 2015-12-23 21:10
Si chiama Gasparro, Gasparre è l'influenza del clima natalizio con i magi a fare da sfondo
 
 
#1 Annojarello 2015-12-23 15:38
Nominatela candidata Sindaco
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI