Mercoledì 23 Ottobre 2019
   
Text Size

Franco Gargano e la sua passione per il presepe

Noicattaro. Presepe Franco Gargano front

 

Le feste natalizie sono ormai giunte al termine e si ritorna alla routine, ma prima di chiudere questo capitolo vogliamo riportare su questo numero, il primo dell’anno 2016, il presepe realizzato dalle mani d’oro del signor Franco Gargano. Franco, un uomo sulla ottantina originario di Acquaviva, da poco più di 10 anni allestisce all’interno della sua casa - nei pressi della scuola “A. De Gasperi” - un presepe di medie dimensioni che lascia a bocca aperta tutti. Un presepe che merita di essere visto per la sua complessità e attenzione per i minimi dettagli. Del resto quando passione e competenza artistica si fondono, il risultato non può che essere positivo.

Dunque, un classico presepe ben proporzionato, con particolari realizzati a mano, fra cui l’alternanza dell’illuminazione giorno-notte. Con queste parole Franco ha commentato il suo capolavoro: “Il presepe è frutto dell’amore per Dio, del lavoro e della passione immensa che ci dedico per raccontare il Natale”.

Allestire il presepe in casa Gargano è ormai una tradizione che si tramanda da anni, e che coinvolge l’intera famiglia. Con l’aiuto di sua moglie, la signora Rosa Boccuzzi, Franco - che di professione fa il calzolaio - ha dato forma alla sua passione per i presepi. L’opera, frutto della sua ispirazione e immaginazione, è realizzata in cartongesso e pietra in una stanza di 2 metri per 7. Luci e strutture particolari la fanno da padrone, abbinato a pregevoli dettagli e statuine in movimento.

Niente è lasciato a caso. Sono riproposti fedelmente tutti i personaggi, da Gesù bambino fino all’ubriacone, nei loro tratti distintivi e mentre svolgono le loro attività, distribuiti in un’atmosfera veramente trascendente. Le statue sono alte più o meno 7 centimetri e sono state acquistate nel corso degli anni da diversi siti. Stessa cosa vale per gli addobbi e le suppellettili. La realizzazione dell’opera, ci raccontano, ha comportato non solo dispendio di energie, di tempo ma anche di denaro. Basti pensare che una struttura costa più o meno 200 euro. Ma in questo caso, modificando un vecchio adagio, “il gioco vale la candela”.

“È una vocazione che ho dall’età di dieci anni, e ogni volta che prendo in mano Gesù bambino sembra sorridermi”, ha commentato la signora Rosa. Il presepe è custodito nella loro casa ed è fruibile al pubblico. In realtà pochi sanno dell’esistenza di questo capolavoro. Alcune classi della scuola elementare hanno avuto la possibilità di vedere l’opera e, come volevasi dimostrare, gli alunni e le maestre sono rimasti senza parole.

Noi della redazione non vogliamo svelare altri particolari, piuttosto invitiamo i lettori a recarsi sul posto, sicuri che resteranno a bocca aperta.


[da La Voce del Paese del 9 Gennaio]

Noicattaro. Presepe Franco Gargano intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI