Mercoledì 20 Novembre 2019
   
Text Size

Beneficenza nella serata in ricordo di Leonardo Epifanio. FOTO

Noicattaro. Serata di beneficenza in ricordo di Leonardo Epifanio front

 

“Ricordare è voler trattenere qualcosa, voler evitare che vada via, ed è volerlo rivivere”. È una delle frasi più belle della serata di beneficenza - svoltasi lo scorso 10 Gennaio, presso la sala ricevimenti “Plenilunio Alla Fortezza”, a Mola di Bari - in memoria di Leonardo Epifanio, il giovanissimo ragazzo di Noicattaro scomparso il 12 Agosto 2015, in seguito ad un incidente stradale.

Leonardo avrebbe compiuto 18 anni l’11 Gennaio, ed è in questa occasione che i suoi genitori, con la preziosissima collaborazione di sua sorella Serena, hanno voluto organizzare una serata per ricordare - tra esibizioni musicali, canore e di danza - il grande Leon.

“Volevo ricordare mio fratello a modo mio - ha detto in apertura Serena - realizzando questo evento all’insegna dell’arte”.

Quella di domenica scorsa non è stata solamente la celebrazione di un ragazzo meraviglioso, ma il giusto momento per sposare una nobile causa. Durante la serata, infatti, sono stati raccolti i fondi per l’Asd Nuoto “Vinci con Noi”, l’associazione che si occupa di persone con autismo. E Leonardo era un volontario speciale, uno che mai si è tirato indietro per sostenere questi ragazzi speciali. “L’intento è quello di proseguire in ciò che Leon credeva”, ha aggiunto Serena Epifanio. “Lui mostrava un grande entusiasmo nell’aiutare questi ragazzi, e io voglio sostenere le sue iniziative”.

La serata è stata introdotta dalla così ha aperto la serata Stefania D’Elia, nella doppia veste di fondatrice dell’Asd Nuoto “Vinci con Noi” e professoressa di Leonardo. “Noi lavoriamo sull’integrazione di questi ragazzi, perché la disabilità ha un’incidenza molto alta sulla socialità”, ha commentato D’Elia. “Questi sono ragazzi spesso fuori dai gruppi, perché sono troppo difficili, perché fanno chiasso, e perché rovinano la festa”.

E Leonardo credeva molto in questo progetto, che subito ha sposato, senza guadagnarci nulla. “È stato un ragazzo meraviglioso, genuino e altruista. La sua generosità consisteva nel fare e nel donare agli altri senza mettersi sotto i riflettori. Non era quello che contava per lui”.

Ma Leonardo è amore. È stato egli stesso a chiedere di donare gli organi. Ha donato se stesso per permettere a delle persone di continuare a vivere. Durante la serata è intervenuto anche Vito Scarola, presidente dell’associazione regionale AIDO, il quale ha omaggiato i genitori di una targa, in ricordo di Leonardo Epifanio, per il suo ultimo grande gesto d’amore. “Pensare che Leonardo abbia pensato di donare i suoi organi, senza che nessuno gliel’avesse chiesto, accresce il valore di questo ragazzo”, ha asserito Scarola. “Leonardo ora è nel cuore, nel fegato, e negli occhi di qualcuno. E quel qualcuno, in questo momento, sta guardando un libro, sta guardando la tv, e domani guarderà il mare, perché gli occhi glieli ha prestati Leonardo”.

Un pensiero è andato anche a Giuseppe Reale, compagno di classe di Leon, il quale è deceduto lo scorso 5 Dicembre.

Dopo tanta commozione, la serata - presentata dalla prof.ssa Lucilla Daddabbo - ha avuto inizio. Giovani e meno giovani si sono avvicendati per omaggiare Leonardo: stupenda la performance di Nico Damato con il suo sax, così come le ammirabili voci di Giusyana Suglia, Donatella Spinelli, Daniela Diomeda, Bina Palumbo, Ginevra Catalano, Vittoria Di Sabato, Pietro Barbieri, Isabella De Cosmis, Margherita Settanni, Francesca Gallo, Carmela Difino, Nicola Suglia e Serena Ramunni (associazione Kumanta). Magnifiche anche le esibizione di ballo di Antonio Mazzuto e delle ballerine della Scuola di Danza “Attitude” di Noicattaro, magicamente guidate dagli insegnanti Fabrizio Delle Grazie e Valentina Arrivo.

In scena anche Serena Epifanio, nelle vesti di ballerina, la quale ha fatto vibrare i cuori con i suoi movimenti dolci e leggeri. “Continuerò a ballare solo per mio fratello. Ci teneva molto”.

Scoccata la mezzanotte, parenti e amici hanno fatto volare le lanterne. Un altro momento commovente, scoppiato in un grande applauso.

Al termine dell’evento, la famiglia Epifanio ha consegnato all’associazione il ricavato della serata, pari a 2.500 euro. Questa somma servirà all’Asd Nuoto “Vinci con Noi” per realizzare il sogno di alcuni ragazzi “speciali”, ovvero quello di partecipare alle nazionali di nuoto di Torino.

Anche i compagni di classe di Leon, e tutta la scuola che egli frequentava - l’Istituto Tecnico Commerciale “De Viti - De Marco”, a Triggiano - ha voluto ricordare il giovane nojano. Lo scorso 11 Gennaio, infatti, è stata inaugurata e benedetta una aiuola della scuola.

Una serata piena di emozioni, in memoria di una grande persona, che troppo presto ha lasciato questa terra. Con l’amore dei suoi cari, il ricordo di Leonardo non potrà svanire mai!


[da La Voce del Paese del 16 Gennaio]

Qui tutte lel foto, scattate da Carlo Caringella

Commenti 

 
#1 Butterfly80 2016-01-20 16:20
l'amore di questa famiglia non ha confini... Ciao Leon ovunque tu sia ❤
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI