Martedì 26 Marzo 2019
   
Text Size

Furto al Centro Ascolto di Torre a Mare, un colpo alla solidarietà

Torre a Mare. Furto Centro Ascolto Famiglie front

 

Nella notte tra il 28 ed il 29 Gennaio, alcuni malviventi si sono introdotti nel Centro Ascolto Famiglie di Torre a Mare, in via Morelli e Silvati, sottraendo diverse attrezzature elettroniche, tra cui un personal computer, tre macchine fotografiche digitali, un video-proiettore, diversi strumenti musicali ed altre piccole attrezzature. Il materiale sottratto veniva utilizzato dagli operatori sociali del Centro per i laboratori, che coinvolgevano ragazzi ed adulti. I malviventi hanno inoltre tentato di scassinare i distributori automatici di snack e bevande. Il vile gesto compiuto da questi balordi è stato annunciato dall’assessore al Welfare Francesca Bottalico, che sulla sua pagina Facebook ha commentato così: “Nonostante questo bellissimo sole, il welfare inizia la sua giornata con un triste furto a danno del Centro di Ascolto per le Famiglie di Torre a Mare. Sottratte diverse attrezzature e strumenti che fino ad oggi sono state utilizzate per creare spazi e momenti di aggregazione, laboratori di formazione, cineforum e feste di quartiere per bambini, adolescenti e anziani. È triste, assurdo e vile quanto è accaduto e quanto accade a danno, specialmente, di servizi e di strutture destinate anche agli stessi figli, fratelli, famiglie di questi mezzi uomini. Ma noi continuiamo. Il welfare è speranza, desiderio, cura e fiducia, ma anche tenacia, passione, coraggio e denuncia. Non saranno i furti, i pregiudizi, l’intolleranza, il razzismo, l’illegalità, le strumentazioni, gli interessi personali, le provocazioni a fermarci. Ogni giorno c’è nuovamente il sole e una grande città da ascoltare”.

Il gesto è incommentabile, un duro colpo ad una struttura che da anni opera nel piccolo quartiere a sud di Bari, con ottimi risultati, fornendo un servizio di assistenza ai meno fortunati. L’intera comunità pelosina e gli operatori del Centro sono ancora sconvolti da quanto accaduto, non ci si spiega le ragioni di una gesto del genere. L’accaduto non colpisce solo una struttura, ma il concetto di sociale, l’impegno degli operatori ed operatrici sociali e dell’intera comunità pelosina. Dai primi rilievi effettuati pare che i malviventi si siano introdotti nel Centro utilizzando il giardino interno della vicina scuola dell’infanzia “Aquaro”, forzando l’accesso posteriore del Centro di Ascolto.

Dalle parole dell’assessore Francesca Bottalico emerge lo sdegno e la rabbia, ma al tempo stesso la ferma volontà di non permettere che certi eventi scalfiscano impegno, entusiasmo e operatività delle strutture e degli operatori ed operatrici che forniscono sostegno alle famiglie. Tutto quanto accaduto deve spingere la comunità, gli operatori sociali e le istituzioni a fare ancora di più, perchè questi gesti non ledano minimamente l’esigenza e l’apporto sociale a chi ne ha davvero bisogno.


[da La Voce del Paese del 6 Febbraio]

Torre a Mare. Furto Centro Ascolto Famiglie intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI