Domenica 20 Gennaio 2019
   
Text Size

Posidonia e rifiuti, effettuata la pulizia della zona di alaggio

Torre a Mare. Pulizia zona di alaggio front

 

Torre a Mare ed il suo porticciolo: un amore travagliato, fatto di sofferenze, attese, documenti, valutazioni, analisi, pareri decisioni, rabbia e tante chiacchiere. Fiumi di inchiostro si sono consumati sulle pagine dei quotidiani locali, circa le problematiche del piccolo approdo, e forse tante altre saranno riempite.

In passato ci siamo occupati a più riprese delle problematiche circa la situazione del dragaggio, a tal punto da poterci ormai definire esperti in materia di appalti integrati, contrattualistica, consorzi, valutazioni ambientali e normative circa lo smaltimento dei rifiuti speciali. Il porticciolo di Torre a Mare, da sempre, a causa della sua esposizione, si trasforma in un contenitore di sabbia, rifiuti e della tanto importante Posidonia, che si deposita sulla zona di alaggio a seguito delle mareggiate.

La Posidonia costituisce un’importante risorsa per l’ecosistema marino e, come tutti sanno, una importante fonte energetica nell’ambito delle biomasse, ma al tempo stesso un rifiuto, che dopo essersi depositato e seccato emana uno sgradevole odore.

Le mareggiate della scorsa settimana hanno riempito il porticciolo e la zona di alaggio della nostra amica Posidonia, cosa che accade anche negli altri porti della città di Bari.

La pulizia e lo smaltimento della Posidonia comporta il rispetto di una serie di obblighi normativi, ragion per cui è necessario che la stessa venga accumulata e smaltita in piena osservanza delle norme vigenti.

In ragione di ciò l’Amiu da tempo esegue interventi straordinari (a pagamento), che esulano dal normale contratto stipulato con il Comune di Bari, mirati alla pulizia ed allo smaltimento della Posidonia e dei rifiuti che il maestrale abbandona sulla costa e nei porti.

La squadra dell’Amiu ha lavorato per diversi giorni sulla zona di alaggio, restituendo l’area pulita e fruibile nuovamente.

Torre a Mare ha nuovamente l’area di alaggio pulita (foto Amiu Puglia), ma il porto continua ad insabbiarsi sempre più, vittima di ritardi inspiegabili, normative che medio tempore vengono modificate e costi di smaltimento che lievitano. Il guaio è che per liberare il porticciolo non bastano un paio di giorni ed una squadra dell’Amiu.


[da La Voce del Paese del 13 Febbraio]

Torre a Mare. Pulizia zona di alaggio intero

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI